Pubblicità

giovedì 21 giugno 2018

LA “SPOLETONORCIA”, UN TRACCIATO IN MOUNTAIN BIKE TRA NATURA, STORIA E SAPORI DEL TERRITORIO



Il 15 giugno 2018 è stata presentata ai media la V° edizione de "La Spoleto Norcia in Mountain Bike". Sono stati invitati oltre 30 giornalisti e Blogger delle maggiori testate italiane nella stupenda Stazione Termale dei Bagni di Triponzo 1887 a Cerreto di Spoleto, situata nel cuore della Valnerina, per assistere alla conferenza stampa della più grande manifestazione cicloturistica in mountain bike d'Italia per amatori e atleti, che si svolgerà il 1° ed il 2 Settembre 2018 a Spoleto, affiancata da Radio Monte Carlo in veste di Radio ufficiale. 
Si partirà dal centro storico di Spoleto e percorrerà il tracciato dell’antica ferrovia, ora in parte non agibile, vera protagonista dell'evento, resa inagibile dal terremoto. L’antica Ferrovia, non a torto definita il Gottardo dell’Umbria, si snoda nel verde tra ponti, gallerie, viadotti e strapiombi. Ora quel percorso, liberato dai binari, costituisce il suggestivo tracciato della manifestazione, attraversa i territori di alcuni dei borghi più belli, tra cui Scheggino, patria del prezioso tartufo conosciuto in tutto il mondo. 
La Vecchia Ferrovia che congiungeva Spoleto a Norcia, che si vuole rendere completamente percorribile tutto l’anno, a piedi, in bici o a cavallo, per rivivere un pezzo di storia della regione attraverso un evento annuale che, oltre ad offrire divertimento ed agonismo in compagnia, ha come obiettivo proprio quello di far scoprire a più persone possibile questa stupenda infrastruttura e, allo stesso tempo, sensibilizzare le autorità pubbliche per velocizzarne i lavori di ripristino completo.
L’impegno è quindi di riappropriarsi di questi spazi storici ed affascinanti. I partecipanti scopriranno i 51 km totali, 19 gallerie, 24 ponti e viadotti, 13 caselli da Spoleto a Norcia; vari tratti elicoidali, con passaggi su scorci sorprendenti.
Il percorso gode di una pendenza soft che rende la manifestazione fruibile ad un pubblico ampissimo ed eterogeneo. La manifestazione si rivolge ad amatori, cicloturisti più o meno allenati e non solo ai bikers, ma include handbikers, runners e walkers. Sempre più numerosi i partecipanti appassionati che, hanno apprezzato la natura e le manifestazioni di contorno che costellano il percorso di mille momenti interessanti in un ambiente unico fatto di musica, attrattive e particolari stazioni di sosta enogastronomiche che rendono La Spoleto Norcia in Mountain Bike una manifestazione unica nel suo genere.
Percorsi, dunque, studiati per tutti, per i bambini, per le famiglie, per incentivare il turismo eco-sostenibile in e-bike, o, per finire, per gli agonisti veri, che sanno apprezzare la competitività del tracciato. Per ognuno degli iscritti una maglia da gara realizzata da DAMA, importante partner tecnico. L’ADS Club Spoleto ha pensato a tutto, per chi vuole viaggiare leggero, fornisce bike per ogni livello, ed e-bike e percorsi guidati.
L’Umbria è la regione dei santi e delle città medievali sorte dalle mura romane, di piccoli borghi abbarbicati sulle colline e protetti dai boschi, dove la cucina è parte fondamentale del benessere per i visitatori. In Umbria si viene per la natura ma anche per la grande tradizione che lega la terra ai suoi frutti, per la cultura dell’olio, degli eccellenti vini e, naturalmente, per il pregiato tartufo.
Un territorio vocato all’accoglienza di turisti e viaggiatori che cercano relax e natura incontaminata, grazie alle sue peculiarità ed alla presenza di strutture che accolgono in ambienti eleganti e raffinati in cui gustare prelibatezze nella quiete del cuore verde d’Italia.
Un evento sportivo dedicato alla mountain bike ma, soprattutto, un’importante kermesse rivolta non solo allo sport ma anche al benessere ed al turismo enogastronomico, che coinvolge un vasto e trasversale pubblico e si articola su diversi momenti, per focalizzare l’attenzione sullo splendido territorio della regione Umbria e sulle sue straordinarie peculiarità paesaggistiche.
L’evento si svolgerà all’interno di un ricco programma di attività che avranno luogo tra 1 e il 2 settembre 2018. Una serie di manifestazioni di contorno legate al turismo e all’arte culinaria, al cospetto di un foltissimo pubblico italiano ed estero, con 16 Paesi Comunitari partecipanti, patrocinato dal Coni, dalla Federazione Italiana Ciclismo, da Diabetics in Sports, dalla Regione Umbria, dalla Provincia di Perugia e dai sei comuni tra cui si snoda il percorso Cerreto di Spoleto, Norcia, Sant'Anatolia di Narco, Scheggino e Vallo di Nera.
Il binomio sport e turismo è sempre più forte ed in crescita, rappresenta dunque un grande impulso economico per questa regione, dal territorio meraviglioso, dalle grandi risorse paesaggistiche, storiche, artistiche ed enogastronomiche, capace di accogliere e coccolare, viaggiatori e turisti di ogni tipo e provenienza geografica.
Quest'anno "La Sploteto Norcia in Mountain Bike" è arricchita sia di finalità sociali, grazie al progetto Erasmus+ "Diabetics in Sport", in cui dal 30 agosto al 2 settembre potranno partecipare gli amanti della corsa e della bicicletta e atleti diabetici e disabili, per sensibilizzare l’opinione pubblica sullo sport e l’attività fisica, per promuovere la salute, il benessere e l’inclusione sociale; sia all'enogastronomia con il progetto “La Spoleto Norcia del Gusto”, che prevede quattro giornate all’insegna delle eccellenze enogastronomiche umbre, che uniranno la degustazione pratica dei prodotti a momenti descrittivi articolati anche su appuntamenti convegnistici a tema. In Umbria si viene per la natura ma anche per la grande tradizione che lega la terra ai suoi frutti, la cultura dell’olio, del vino e del tartufo, per citarne alcuni. La passione per il cibo, l’esposizione e la degustazione, costituiranno un appagamento per gli occhi, il palato e l’olfatto. I prodotti umbri saranno raccontati dall’origine: dalla ricetta della nonna a piatti gourmet ricercati da amatori e turisti. Il Chiostro di San Nicolò a Spoleto sarà lo spazio dedicato agli eventi food.
Il calendario prevede anche mostre, musica live e una sfilata di moda. Ci saranno anche spazi esclusivi per famiglie e kinder corner.
Hanno presieduto la conferenza stampa la vice sindaco di Spoleto la dr.ssa Maria Elena Bececco, il Presidente dell’ASD MTB Club Spoleto e del Comitato Organizzatore, l’ing. Luca Ministrini, la rappresentante del Comune di Spoleto, la dr.ssa Stefania Nichinonni, l’ing. Giuseppe Federici, delegato di Umbria Mobilità, e per ultimo all’Assessore della Regione Umbria per le infrastrutture i trasporti e la mobilità urbana, il dr. Giuseppe Chianella, rappresentato in sede dal dr. Massimo Boni in qualità di responsabile del settore infrastrutture Regione Umbria.
Dopo la conferenza giornalisti e blogger hanno potuto godere il relax della SPA delle Terme di Triponzo, una location unica, nel cuore della natura umbra. Nella stessa struttura la stampa è stata deliziata da una gustosissima cena dal menù raffinato ed elegante e dai gusti delicati, che ha visto la presenza in tavola di due eccellenze del territorio quali l’olio Monini e l’acqua Tullia. 
Per iniziare a familiarizzare con il territorio, l’organizzazione ha poi offerto alla stampa una successiva giornata di accoglienza con una visita, guidata dai responsabili della cultura e turismo del comune, alla scoperta delle meraviglie di Spoleto. Dalla Rocca Albornoziana con la sua deliziosa Camera Pinta, i suoi cortili e la sua storia, fino agli affreschi del Pinturicchio e di Fra Filippo Lippi nella Cattedrale.
Un viaggio che si è concluso con una visita al Museo del Tartufo Paolo Urbani, luogo dalle mille suggestioni, memore silenzioso di un tempo passato e di una solida tradizione nella quale affonda profonde radici la storica Azienda Urbani Tartufi, che ha ospitato, in un ambiente di straordinaria eleganza e bellezza naturalistica, l’ultimo momento di questo interessante press tour, offrendo uno straordinario menù con degustazioni delle principali prelibatezze della zona che ha entusiasmato per la bontà dei suoi prelibati e tipici piatti umbri tutti gli ospiti della stampa.
Due giornate piene e vive, permeate dei valori della regione e di questa splendida manifestazione che, grazie alla passione, all’entusiasmo e alla calda accoglienza degli organizzatori, resteranno per sempre nella mente di tutti noi.

Per informazioni e iscrizioni: www.laspoletonorciainmtb.it


Foto di Gisella Peana


Tavolo dei relatori


Conferenza Stampa a Bagni Triponzo 1887

Bagni Triponzo 1887


Bagni Triponzo 1887


Bagni Triponzo 1887


Bagni Triponzo 1887


Bagni Triponzo 1887



Bagni Triponzo 1887

Bagni Triponzo 1887

Bagni Triponzo 1887

Bagni Triponzo 1887

Bagni Triponzo 1887

Bagni Triponzo 1887

Cena a Bagni Triponzo 1887

Cena a Bagni Triponzo 1887

Cena a Bagni Triponzo 1887

Spoleto

Scorcio del percorso



Tracciato della vecchia Ferrovia


Spoleto

Urbani Tartufi

Urbani Tartufi

Urbani Tartufi

Urbani Tartufi

Urbani Tartufi

Urbani Tartufi

Urbani Tartufi

Urbani Tartufi

martedì 12 giugno 2018

“IN VIAGGIO CON GLI ETRUSCHI” TRA MODA, ARTE, ORI E MISTERI



Torna sabato 23 giugno 2018 la quarta edizione del Gran Gala estivo ‘The Day of the Summer Fashion and Art’ della fashion designer Eleonora Altamore. Un format dedicato quest’anno alla civiltà degli Etruschi, per un charity event intenso e suggestivo in favore della Scuola Orafa per Disabili della Fondazione Boccadamo.
È stato definito “il popolo del mistero”, una civiltà che ha saputo donare ai posteri una straordinaria fioritura artistica ed orafa, così come impeccabili tecniche di esecuzione e lavorazione della terrecotta. Ed è proprio agli Etruschi, alla loro luce e ai loro ori, che sarà dedicata l'evento dal titolo ‘In viaggio con gli Etruschi’, che avrà luogo alle ore 19:00 presso Dimora ‘l’Amore è’ a Roma.
Vetrina esclusiva di eccellenze artistiche, il format ideato e prodotto da Eleonora Altamore, che ne cura anche la direzione artistica, è organizzato in collaborazione con Artistica Events.
La serata sarà condotta dalla giornalista de "La Vita In Diretta" Camilla Nata e dal giornalista e scrittore Ruggiero Capone e sosterrà la Scuola Orafa per disabili della Fondazione Boccadamo per diversamente abili, nel più ampio progetto “Il Valore del Gioiello”. Un’opportunità per tanti ragazzi di apprendere un mestiere che, attraverso il lavoro, diventa volano di un rilancio socio-culturale, di accoglienza e di inclusione.
Uno spettacolo che per questa sua quarta edizione vedrà sfilare la collezione ‘Le Donne etrusche e gli Ori’ di Eleonora Altamore. Venti abiti in calde nuance oro e nero che raffigurano l’alta gioielleria etrusca, Bulle e Lunule pendenti, Fibule spesso a forma di sanguisuga, orecchini a bauletto con raffinate lavorazioni in filigrana, e preziosi pettorali, rivivono con lavorazioni artigianali sui tessuti di pelle, sfavillanti lurex, romantici tulle, morbide ciniglie ed austeri velluti.
Una particolare collezione moda cui faranno da richiamo le splendide opere scultoree dell’artista Lorenza Altamore appartenenti al progetto artistico ‘Incontro con gli etruschi’ e introdotte dal critico d’arte Enzo Dall’Ara. Le opere, rievocanti diverse divinità del ‘Pantheon Etrusco’, imprimono al reperto di terracotta la personale visione di questa straordinaria artista che così dà volto ed espressione alla natura divina Etrusca.
Terzo suggestivo momento, come un fil rouge dal passato al presente, in un omaggio alla coppia di sposi etruschi sul sarcofago conservato nel Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, la fashion designer Eleonora Altamore ricreerà come per incanto ‘A tavola con l’opera’. Una mise en place di due tavoli dedicati alle dodici divinità del ‘Pantheon Etrusco’ con preziosi ed esclusivi arredi di terracotta di quel periodo, con un focus sul tavolo dedicato agli sposi etruschi. Ad impreziosire ulteriormente la tavola due girasoli ricoperti d’oro 23 KT commestibili, realizzati dal Maestro Pastaio Valerio Chiesa.
Il momento charity sarà caraterizzato dalla lotteria solidale che metterà in palio alcune preziose creazioni della stilista Altamore e del brand Boccadamo Gioielli, mentre ad accogliere gli ospiti a bordo piscina, sarà l’abito quadro realizzato e dipinto interamente a mano dall’artista Meris Schiavo.
Al termine del fashion Show, introdotta da sfavillanti suggestioni pirotecniche, entrerà la torta monumentale realizzata dalla cake designer Anna Proietti: una dolce opera d’arte a tema il cui top è stato realizzato dall’architetto Andrea Dandolo su idea e disegno di Eleonora Altamore. 
Le acconciature delle modelle saranno curate da Spettinati hair stilyst, mentre il make up dall'Accademia Professionale di Trucco. Le musiche live saranno suonate dalla Tonino Tiberi Band.




Edoardo Vianello festeggia i suoi 80 anni in Piazza del Campidoglio a Roma

Edoardo Vianello



Un timbro vocale ancora da ventenne che, se moltiplicato per quattro, il compleanno che si appresta a compiere, produce la stessa brillantezza: la voce dell’estate, quella di Edoardo Vianello, sarà dunque la protagonista di un importante compleanno, i suoi 80 anni, celebrati proprio il giorno della nascita, il 24 giugno, nella terrazza della sua amata Roma, in piazza del Campidoglio. 
Alle 19:00 di sera, quando il tramonto fa capo sul più autorevole dei sette colli, davanti alla statua di Marc’Aurelio e ad un pubblico multigenerazionale, il cantante, autore e attore sarà il “cicerone” di se stesso in un excursus artistico che ripercorrerà la sua plurisessantennale carriera, divisa tra vinile, cinema e televisione. 
Un concerto-evento aperto liberamente al pubblico e interpretato insieme ad una band di dieci elementi, uno spettacolo in cui l'artista canterà il meglio del suo repertorio, dai “Watussi” e “Abbronzatissima” a “Guarda come dondolo”, “Pinne fucile ed occhiali”, fino a brani scritti per colleghi, come “La partita di pallone” di Rita Pavone, e le più celebri composizioni dei Vianella interpretate negli anni settanta con Wilma Goich. 
Le canzoni di Vianello sono state tradotte in numerose lingue, i musicarelli che ha interpretato hanno segnato l’immaginario collettivo di molti italiani, il suo stile compositivo e vocale ha dato un’impronta sui generis all’estate di ieri ed oggi (alcuni dei suoi brani cult sono stati anche remixati in più occasioni), la sua storia è raccontata in molti libri, ma quello che continua a stupire è proprio l’unicità delle sue corde vocali e l’energia di un giovane ribelle che conserva la propria voglia di comunicare allegria e spensieratezza attraverso la musica.
Assistere ad una sua esibizione dal vivo è la maniera più efficace per vivere quest’esperienza: Roma, in questo, si appresta a fargli (e farci) un grande regalo!
L’evento ha il patrocinio di Roma Capitale.

mercoledì 6 giugno 2018

Palermo rende omaggio a due grandi artisti d'arte contemporanea: Camilla Ancilotto e Andrea Pacanowski



Un'intera giornata quella di mercoledì 13 giugno dedicata all’arte contemporanea nel cuore di Palermo. L’ha ideata Miliza Rodic, curatrice di un prezioso progetto artistico dislocato su due splendide sedi del capoluogo siciliano per rendere omaggio a Camilla Ancilotto e Andrea Pacanowski, protagonisti della scena artistica contemporanea internazionale da diversi anni.
Il programma di mercoledì 13 giugno 2018 prevede alle ore 11:00 l’apertura della prima esposizione presso l’elegante sala SACS di Palazzo Riso in corso Vittorio Emanuele 365 (fino al 13 luglio), sede del Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia. L’apertura è anche l’occasione per presentare gli artisti al pubblico nel corso di un dibattito condotto dalla direttrice del museo, Valeria Li Vigni. Gli artisti illustreranno il loro lavoro.
Nel tardo pomeriggio, alle ore 18:00, gli artisti e la curatrice si sposteranno a Villa Malfitano, sede della Fondazione Whitaker, in via Dante 167 per l’apertura dell’esposizione "Senso" che ha dato il nome al progetto e sarà aperta al pubblico fino al 31 luglio. 
L’esclusivo e vasto ambiente sotterraneo archivoltato della neoclassica Villa Malfitano è stato appositamente scelto per invitare lo spettatore a calarsi in un’atmosfera più raccolta e intrigante, dark e underground; l’esposizione si articola in un percorso dell’ampia galleria ponendo in silente conversazione le opere dei due artisti legate dal sottile fil-rouge dell’eterno femminino nelle sue declinazioni erotiche e identitarie. 
“Le pitto-sculture interattive della Ancilotto” – spiega la curatrice – “fanno da contrappunto alle immagini fotografiche di Pacanowski in una installazione pensata per offrire allo spettatore, coinvolto in un rimando di sensibili corrispondenze, un percorso visivo-tattile connotato da suggestioni oniriche, sovrapposizioni, riflessi e ibridazioni: figure muliebri assumono sembianze animalesche, talora floreali e l’apparente non-sense dei lavori ritrova la sua ragion d’essere nella profonda sensualità sollecitata dalle opere stesse; il corpo diviene qui luogo metaforico della conoscenza, di sé e dell’altro da sé, esperita attraverso i sensi“. 
L’esposizione si sviluppa sul doppio binario dell’interazione e della contemplazione: il codice mobile del lavoro della Ancilotto, che dà forma a figurazioni plurime e proteiformi, trova un suo suggestivo completamento nelle pure e “sincretiche” fotografie di Pacanowski; figure in potenza offerte alla manipolazione del fruitore, quelle della Ancilotto, e immagini già determinate dal processo creativo anteriore e giammai posteriore quelle di Pacanowski che le presenta allo “spectator” come sue intime, sedimentate rivelazioni psico-oniriche. Le forme si aprono, i contorni si dissolvono: il leitmotiv del corpo femminile, usato, abusato, sognato, goduto, si affianca al tema di una ricerca identitaria che si scopre ancora in fieri: fisicità mutanti, corpi sovrapposti, fisionomie liquide, volti doppi raccontano una indeterminatezza che è specchio di una delicata, talvolta drammatica, condizione sociale in trasformazione. 
Dalla luce degli sfavillanti sfondi argentati e dorati da cui emergono corpi nudi immobilizzati nella legatura del Kinbaku, sacre icone contemporanee pervase da un raffinato misticismo erotico, e con la luce della scrittura luminosa del medium fotografico, che restituisce visioni materico-cromatiche con sorprendenti esiti pittorici, quasi impressionisti, le figure si liberano, rinascono, traggono forza della loro essenza metamorfica.
“Entrambi gli artisti” – prosegue Mlizia Rodic – “parlano un linguaggio “tra le arti” e abitano con naturalezza gli spazi liminali tra sogno, fantasia e realtà: le iconografie risultanti da tale processo (felice compendio di pittura, scultura e fotografia) sono epifanie spiazzanti, destabilizzanti, mai certe, rappresentazioni di un mondo in cui il common sense si sublima in meraviglia. Rivelato in composizioni dall’armonia perfetta, esiti lenti di tecniche estetiche e mentali che presuppongono una rigorosa progettualità ed una puntigliosa esecuzione, l’universo femminile in mostra palesa un’interiorità segreta, impenetrabile, non rivelata: “muse inquietanti” e inquiete, immortalate nella loro solitudine elitaria, in una sorta di sospensione metafisica. L’intera installazione è concepita come un “invitation au voyage” che prende l’avvio da un ‘animalesco’ quanto sensuale abbandono estatico (“Ékstasis”) e termina con un’opera che di per sé è un nuovo, conturbante inizio (“Quando apri gli occhi”). E nel gioco di sguardi è il senso ritrovato”.
Il percorso ideato da Miliza Rodic è anche un’importante opportunità per visitare due preziosi palazzi incastonati nel cuore della città: il settecentesco Palazzo Riso, dove sono ospitate le collezioni del Museo, noto anche come RISO e Villa Malfitano, opera dell’architetto Ignazio Greco, dove è custodita la ricca collezione Whitaker.
Le esposizioni saranno aperte al pubblico a Villa Malfitano dal lunedi al sabato dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle 16:30 alle 19:00; a Palazzo Riso il martedi e mercoledi dalle ore 10:00 alle ore 19:30, giovedi e domenica dalle 10:00 alle 23:30, escluso il lunedì.





lunedì 4 giugno 2018

Ritorna Gigi Proietti con i suoi “Cavalli di Battaglia"

Gigi Proietti


A grande richiesta, dopo tutti i sold out delle precedenti date, ritorna Gigi Proietti con i suoi “Cavalli di Battaglia", mercoledi 20 giugno nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.
Gigi Proietti in scena con "Cavalli di Battaglia", propone un excursus del proprio repertorio: popolare, drammaturgico, canoro, mimico, poetico, parodistico, comico, umano, multiculturale.
Una contaminazione di generi che caratterizzano i suoi spettacoli e che sono gli ingredienti del suo grande successo. Un'occasione unica, dunque, per rivedere in scena l’artista poliedrico.
Sarà accompagnato da un’orchestra di 25 elementi diretti dal M° Mario Vicari, da un corpo di ballo, e da Marco Simeoli e Claudio Pallottini, attori del suo Laboratorio che da diversi anni partecipano ai suoi spettacoli. Ci saranno anche Susanna e Carlotta, le due figlie dell'artista, che sorprenderanno il pubblico con le loro qualità vocali e con la loro vis comica.