Pubblicità

giovedì 31 gennaio 2013

LA STILISTA NATASHA PAVLUCHENKO AD ALTAROMA ALTAMODA 2013




Natasha Pavluchenko, designer internazionale con atelier a Bielsko-Biala in Polonia, ha presentato con il patrocinio onorario dell’Ambasciata della Repubblica della Polonia a Roma, la collezione “Neo Couture” all'interno della rassegna AltaRoma AltaModa a Palazzo Ferrajoli.
Gli abiti creati da Natasha Pavluchenko, di origine bielorussa, polacca e ucraina, “riflettono la varietà
delle culture slave” e secondo la designer “è il momento ideale per mostrare le nostre culture di moda, culture dell’Europa dell’Est, mischiandole con i canoni tradizionali dell’Occidente”.


La collezione è un mix perfetto tra le origini storiche della designer, la sua arte e l’unione con il classicismo di una città come Roma. E' basata sulla fusione di tessuti tradizionali e moderni, come lana, cashmere, seta, mussola, lawn flessibile e tessuti di maglia lavorati a mano. L’Arte di Natasha permette di combinare stoffe di diversi pesi e strutture.


I colori della collezione vanno dal nero, al grigio all’ecru, al rosa cipria e al beige. Le linee guida dello stile sono tendenzialmente ispirate al Deco anni '20.


La designer è impegnata nel sociale e ha fondato un’associazione, “Diamond of Life”, con la quale sostiene le donne affette da anoressia.
Natasha Pavluchenko è diplomata all’Istituto di Scienze Moderne in Fashion Design, inizia la sua carriera nel 1999 e inaugura nel 2005 il suo primo atelier, boutique e Concept Store a Bielsko-Biala in Polonia.
Crea due collezioni l’anno e partecipa a sfilate in tutto il mondo dove ha ricevuto numerosi Awards, tra cui lo “Smirnoff International Fashion Award” nel 2001, il “CDP Signature Awards”nel 2002 e l’“Oscar of Fashion” nel 2005. I suoi abiti sono noti ed indossati da personaggi di fama internazionale.
L’arte è parte integrante nella sua vita, pittrice e scultrice, designer tuttotondo.
Collabora con case di arredamenti e automobilistiche (FIAT Polonia), creando per loro interior design e da settembre 2012 è oratore (lecturer) all’Università di Design e Moda VIAMODA di Varsavia dove ha ideato un corso con particolare attenzione sulla pittura. Una stilista raffinata e nello stesso tempo moderna, grande creatività, ottima scelta di tessuti, mai fuori dalle righe, una collezione per tutte le donne e per tutte le occasioni!




mercoledì 30 gennaio 2013

AD ALTAROMA ALTAMODA LO STILISTA ABED MAHFOUZ





Il designer Abed Mahfouz ha presentato a Roma la nuova collezione Haute–Couture P/E 2013 nella kermesse capitolina di AltaRoma AltaModa. 

Gli abiti presentati da Abed Mahfouz evocano un'atmosfera magica dove il moderno e il retro convivono in perfetta sinergia.



Lo stilista ha arricchito gli abiti con pietre preziose e gemme che danno alla donna un aspetto aristocratico e sofisticato.



La collezione P/E 2013 di Abed Mahfouz è  futuristica, elegante e ricca di fascino e rende omaggio alla donna e alla sua personalità. Una donna sempre più femminile e attraente, grazie alla magia dello stilista ispirato alle storie peplum mermaid e alla brezza primaverile. Gli abiti, con  profonde scollature sulla schiena, seguono sinuosamente la silhouette femminile, accentuata dal design  a sirena che mette in risalto le forme, la femminilità e la bellezza.




Gli stupendi abiti sono arricchiti con applicazioni di fiori tridimensionali di varie forme, gemme e cristalli, usati particolarmente sulle spalle e sui fianchi, conferendo una lucentezza aristocratica. Così Abed Mahfouz da vita al nuovo stile “Charming Chic” nel quale le maniche sono lunghe, nonostante la stagione estiva.



La caratteristica di questa collezione magica, oltre il taglio a sirena, è la trasparenza creata dall'utilizzo di tessuti come il filet e il pizzo sottile, e ricami delicati, lavorati con un'arte e maestria unica dallo stilista.


Hanno sfilato 36 abiti, tutti lunghi, fatta    eccezione solo di due corti.






Bellissima la scelta dei colori, forti e contrastanti tra loro, che vanno dal rosso red poppy, al blu sky way, passando per il verde aloe wash e il giallo banana crema, con l’elemento innovativo del total look, che abbina le scarpe all’abito. Per la prima volta, da Abed Mahfouz, sfilano in passerella abiti neri.




Conclude la sfilata l’abito da sposa fiabesco, tipico del suo stile, in tulle e ricami con applicazioni di fiori che richiamano il mood della collezione.




Splendidi abiti di grande eleganza, che mettono in risalto la sensualità della donna. Non abiti ma dei veri e propri gioielli. Mahfouz con la sue collezioni fa sempre sognare, indossare un suo abito è il desiderio di tutte. Grande stilista, grande talento di chi sa valorizzare al meglio la donna!








ALTAROMA ALTAMODA SFILATA DI NINO LETTIERI


martedì 29 gennaio 2013

NINO LETTIERI COLLEZIONE PRIMAVERA/ESTATE 2013 AD ALTAROMA ALTAMODA







Nell’ambito del Calendario AltaRoma AltaModa è andata in scena la nuova Collezione haute couture P/E 2013 di Nino Lettieri. “Mood” dei trenta esclusivi e sartoriali outfit, la forma e il verde intenso della foglia "Monstera" pianta della foresta pluviale amazzonica. 
In passerella, abiti dalle linee morbide di colori e forme della natura. Linee essenziali, fluttuanti, grazie alla morbidezza e alla leggerezza di tessuti, disegnati da Nino Lettieri, come lo chiffon, l’organza e il raso satin. 


La "Monstera", quindi, come segno di riconoscimento e simbolo dell’estate 2013 della Maison Lettieri, proposta e disegnata nei tessuti dei bellissimi abiti sartoriali da sera, presentati anche in bianco candido e total black. 


La silhouette della "Monstera" riproposta sui sandali realizzati da Luigi Iovino, per Nino Lettieri, ideati in raso di seta e paillette, ottenuta con una particolare tecnica di lavorazione a laser. Anche gli accessori, disegnati con la forma della foglia amazzonica, orecchini, anelli, bracciali e borse, bianchi, neri e trasparenti, pure sculture in plexiglas, impreziosite da pietre Swarovski, tutti creati per l’appuntamento romano da Wood&Co. 


Gran finale con la “Sposa”, per la quale Nino Lettieri ha ideato e realizzato una candida e trasparente campana di organza, ricamata con piccole e grandi "Monstere". 


Bellissime anche le acconciature create dall'hair stylist Francesco Beneduce, con lo Staff “I Sorrentino” per l’Oreal Professionel.
Ottima l'organizzazione, curata dall'ufficio stampa di Antonio Falanga, grande professionista del settore che, come sempre, da il meglio di se, sia per la sua esperienza decennale ma sopratutto per le sue qualità di grande comunicatore e persona sensibile, caratteristiche importantissime per questo lavoro, dove il cuore e la passione non possono mancare. Per chi non avesse visto la splendita collezione potete ammirarla attraverso le bellissime foto qui pubblicate a cura di AllStarLab. 


Tutte pronte, quindi, per indossare nella prossima stagione questi favolosi abiti e aspettando il prossimo appuntamento a luglio della nuova collezione autunno/inverno, sempre nella rassegna AltaRoma AltaModa, con altre nuove creazioni, sempre originali e di alto livello, dallo stile ricercato e inconfondibile, di grande eleganza e nello stesso tempo moderno e attento alle nuove tendenze, tipico dello stilista Nino Lettieri.

sabato 26 gennaio 2013

LA STILISTA ANTONELLA ROSSI AD ALTAROMA ALTAMODA 2013










La stilista Antonella Rossi ha presentato la sua collezione primavera/estate 2013 all'interno della rassegna AltaRoma AltaModa nel suo atelier di Roma a Palazzo Delfini. Questa collezione, nata da un'attenta riflessione, vuole rendere alla bellezza il suo significato e il suo valore, restituendo alla donna dignità e quei diritti sociali e umani ancora non affermati e rispettati. Al centro della ricerca di Antonella Rossi vive una donna dalla personalità consapevole che si esprime per contrasto e per affinità, una donna capace di esaltare la "leggerezza" della propria femminilità così ricca di dettagli: dettagli ricercati nelle atmosfere africane, che sono un forte motivo, un'ispirazione sottile, un particolare stato d'animo per la stilista-imprenditrice.


Testimonial d'eccezione Carlotta Morelli, attrice di teatro e protagonista insieme a Raoul Bova nello spot di sensibilizzazione sull'Aids. La sfilata è stata accompagnata dalla musica del maestro violinista Andrea De Cesare.


La collezione, composta da 25 capi realizzati esclusivamente a mano, come vuole la migliore tradizione dell'Alta Moda Italiana, ha voluto raccontare un incontro di culture e di conoscenza attraverso ciò che solo gli italiani sanno fare ed esprimere nell'ambito dell'arte tessile.
E' un motivo comune quello che unisce saperi ed esperienze e questa collezione dai tagli moderni ed essenziali, in stile anni '20, vuole fondere le forme e le silhouette del costume africano a quella estetica occidentale, immergendosi in natura, attraverso la coloristica africana che la terra e il sole donano ogni giorno. 


A cascata, tonalità dalle infinite sfumature di dune; il rosa corallo dei fenicotteri del Parco Nazionale del lago Nakuru in Kenya, ricamati dalle stesse donne africane, che diventano motivo caratterizzante di tutta la collezione; gli aranci infiammati dal sole che scivolano fino al turchese chiaro e al verde acqua, per poi immergersi nel blu navy.
Kafkani, tuniche, pantaloni, giacche tre quarti. Questa sintesi di forme e di tagli è caratterizzata dallo scandire del tempo: giorno, pomeriggio e sera, per rispettare le antiche regole del bon ton, che indicano per le speciali occasioni qualcosa di veramente eccezionale da indossare. Così come in Africa il vestire è sinonimo, attraverso le fogge e gli specifici motivi d'ornamento, di riconoscibilità sociale ed appartenenza, così anche in Europa l'abito sembra ancora "fare il monaco", restituendo alla giornata le sue emozioni.
Le prime 5 uscite della collezione sono state dedicate al giorno e tutte vedono come protagonista il lino delle morbide tuniche lunghe fino al ginocchio, da portare con i pantaloni. 17 capi dedicati al cocktail e alla sera, lasciano spazio alle linee scivolate e alle fogge impero, interpretate da preziosi tessuti di seta: aereo chiffon, sinuoso georgette e poi raso, organza doppiata e crepe cady; infine per chiudere con tre magnifiche spose.


Le acconciature, curate da Sergio Valente con il team "Premio Sergio Valente", l'Oréal Professionnel e il trucco, curato dall'Accademia di Trucco Professionale-Roma di Jole Panzera, straordinaria trasformazione e innovazione della moda femminile e della donna stessa, e i bellissimi gioielli, che impreziosivano i vestiti, di Germano Gioielli 1846, casa storica della gioielleria italiana, con le sue opere modellate in cera, di imparagonabile bellezza: brillanti corniole, perle, topazi uniti all'oro e all'argento, in armonia con i lini, l'organza e le sete della collezione di Antonella Rossi, si trasformano in collane, bracciali, anelli che esaltano l'eccezionalità di chi li indossa. Un omaggio alla bellezza e alla donna.


giovedì 24 gennaio 2013

LA STILISTA MIREILLE DAGHER AD ALTAROMA ALTAMODA 2013



Per la prima volta la stilista Mireille Dagher a Roma per presentare la sua collezione primavera/estate 2013. La vedremo in passerella domenica 27 gennaio nella famosa e ormai affermata location di AltaRoma AltaModa del complesso monumentale Santo Spirito in Sassia. 

La passione per la moda di Mireille Dagher inizia da lontano: a soli 16 anni riempiva i suoi quaderni di scuola con disegni di abiti meravigliosi, suscitando spesso le ire dei suoi insegnanti. 

Consegue il diploma e coltiva il suo talento lavorando con diverse case di moda, fino a quando, nel 2001 realizza finalmente il suo sogno di teenager e apre il suo atelier. Le sue collezioni diventano subito tra le più richieste e il suo atelier uno dei più frequentati di Beirut: principesse del golfo, jet set libanese e star internazionali non perdono nemmeno una delle sfilate delle sue collezioni, sempre ambientate in luoghi sofisticati. La sua fama si afferma in un continuo crescendo, mentre il suo brand si impone sempre di più fortemente. 
Dal Libano il lavoro di Michelle Dagher si afferma all’estero, negli Emirati Arabi, in Egitto, in Kuwait, in Qatar, Arabia Saudita, Giordania, Tunisia. Consolidati questi mercati decide il salto oltreoceano, in Francia prima e negli Stati Uniti poi. 
La collezione di Mirreille Dagher è pensata per donne femminili ed eleganti, che nelle sue collezioni cercano gli abiti delle grandi occasioni. 
Cocktail, sera e sposa, infatti, sono il genere in cui Mireille riesce a dare il meglio della sua creatività, con modelli sinuosi e femminili, impalpabili e ricchissimi allo stesso tempo. La collezione Alta Moda primavera estate 2013 si dipana in una palette di colori tenui, dal rosa pastello, al giallo pallido al blu cielo. Le linee sono aderenti al corpo, ma si allargano verso gli orli per permettere la praticità dei movimenti di chi li indossa e per esaltare la femminilità della silhouette. Grande attenzione è dedicata alle spalle, che con sapienti scollature, tagli architettonici e maestria sartoriale diventano un punto focale attorno al quale si sviluppa l’abito, dando così grande enfasi alla parte superiore della figura femminile.
I ricami sono da mille e una notte: le decorazioni di perle, il bagliore degli Swarovski, la perfezione delle decorazioni in filo fanno di ogni abito un capolavoro certosino di una maestria sartoriale che attraversa il tempo. Sempre nelle decorazioni troviamo l’originalissimo l’uso del metallo, che rende moderno e interessante una lavorazione dalle tradizioni antichissime.


Tripudio di chiffon, sete preziose e merletti pregiati e per il gran finale due gli abiti da sposa, ricchissimi e favolosi. 
Acconciature di Carlo Pinca Roma per L’Oréal Professionnel.


LO STILISTA TONY WARD AD ALTAROMA ALTAMODA 2013




Tony Ward torna ora a Roma per presentare la sua collezione primavera/estate 2013 nell'importante rassegna AltaRoma AltaModa.

Tra innovazione e stile inimitabile Tony Ward ha creato una collezione che gioca con i codici tradizionali dell’Haute Couture e presenta in anteprima assoluta una nuova tecnica di decorazione, lavorazione e di utilizzo dei materiali.

I capi che sfilano sulla passerella del Complesso Monumentale di Santo Spirito in Sassia sono il frutto di questa lunga ricerca. 

Tutto è iniziato per puro caso, circa 2 anni fa, quando per errore Tony versa del silicone su un taglio di tulle, e resta folgorato dalla bellezza dell’effetto dei due materiali fusi insieme. 
Da quel piccolo incidente è iniziata una lunga ricerca e un periodo di sperimentazione in cui Tony Ward coinvolge i suoi collaboratori in atelier e i suoi fornitori più stretti. Infine, tra ricerca, sperimentazione e un pizzico di inventiva trova il modo migliore di applicare alla moda questa tecnica che può finalmente essere inserita nelle collezioni e utilizzata al meglio nella collezione Couture. Questo è un periodo di lavoro intenso per lo stilista che oltre alla collezione primavera/estate 2013 per AltaRoma AltaModa ha creato abiti per celebrities e clienti super VIP che hanno sfilato nel red carpet dei Golden Globes, infatti alcune delle sue creazioni sono state indossate da Carmen Electra, Julieanne Hough, Zosia Mamet e Ashlan Gorse. 
Per parlare di eventi italiani, invece, grande soddisfazione per il designer è stata la realizzazione degli abiti di Antonella Clerici per il programma "Ti lascio una canzone". Per la popolare presentatrice televisiva, che ha subito affascinato Tony Ward per il suo carattere forte e spontaneo, che fanno di lei "l'unica star italiana che ha le stesse caratteristiche di naturalezza e spontaneità delle star internazionali " (così Tony Ward ha definito la Clerici), ha creato per lei un look sofisticato ed elegante, senza peraltro prevaricare lo stile e la spontaneità inconfondibili di Antonella. Appuntamento da non perdere, dunque, lunedì 28 gennaio.







DELFRANCE RIBEIRO AD ALTAROMA ALTAMODA 2013




Lo stilista Delfrance Ribeiro sfilerà per AltaRoma AltaModa sabato 26 gennaio a Roma presso il complesso monumentale Santo Spirito in Sassia. Delfrance Ribeiro nasce in Brasile a Minas Gerais, città che lascia a 18 anni per frequentare l’università a Rio de Janeiro.

Capisce presto che la sua vocazione e la sua vita sono la moda e lo stilismo, così per conoscere meglio questo mondo decide di trasferirsi in Italia.

Arrivato a Milano si iscrive all’Istituto di Moda Marangoni dove studia per 3 anni. All’inizio del quarto anno sceglie di andare a Londra perché ha l’opportunità di lavorare con Vivienne Westwood.

Lavorando assieme alla Westwood impara come si costruisce una collezione, comincia a capire come scegliere i tessuti, come creare fantasie esclusive e comprende l’importanza della modellistica oltre al disegno.

Pochi mesi dopo inizia a lavorare come assistente di Andreas Kronthaler, marito di Vivienne Westwood, e con lui va a Parigi collaborando alla sfilata della collezione primavera-estate 2003. Per Delfrance Ribeiro è questa un’esperienza straordinaria, da cui imparare moltissimo.

Subito dopo rientra in Italia e decide di perfezionare la sua tecnica, conseguendo così il master all’Istituto Carlo Secoli, scuola riconosciuta a livello internazionale per la modellistica. Ed alla sfilata che conclude il percorso di studi arriva primo tra i 120 partecipanti.

Nel 2006 decide di sperimentarsi creando la sua prima linea uomo ed attraverso il successo subito ottenuto attira l'interesse di alcuni investitori che gli consentono di fondare l'azienda: "DF DESIGN".

Non soddisfatto e nell'intento di imparare l'arte del "moulage" a Parigi si iscrive all'École de Chambre de Haute Couture, frequentata dai grandi nomi della moda come Yves Saint Laurent, Valentino, Issey Miyake.

E grazie all’aiuto dell'École de Chambre de Haute Couture realizza la sua prima importante collezione di prét-à-porter femminile; lavorando per questa nel laboratorio di altri grandi marchi come Dior, Lacroix, Balmain, Nina Ricci.

Nel 2009 decide di tornare a Milano scegliendo di produrre Made in Italy, e in questo modo crea la sua prima linea couture realizzata con tessuti esclusivamente italiani.

Questa collezione come quella di prèt-à-porter si vende in Italia, Francia, Spagna, Russia, Brasile e nei Paesi Arabi. La nuova collezione primavera/estate 2013 che ci presenterà in questa rassegna di AltaModa AltaRoma nasce da un’emozione, anzi, da un mix di emozioni diverse, che comprendono rabbia e turbamento.

L’occhio che si perde nei giochi psichedelici di un caleidoscopio, declinato soprattutto in bianco e nero; catturato da mille forme diverse, una dentro l’altra, in un incrocio di geometrie e dimensioni variabili. 
Questo il mood di una collezione “couture” che scorre ad un ritmo irregolare ed intermittente, ondeggiando tra passato e futuro; ma rimanendo decisa in un percorso glamour e sofisticato. 
In passerella 30 creazioni inedite, che esprimono l’immagine di una donna esagerata per il suo brio. Una donna che vuol far vedere a tutti i costi che c’è, che esiste; che ama il lusso e non lo vuole nascondere. 
Una perfezionista, precisa in ogni dettaglio, ma che se non compresa mostra la sua aggressività, rivelando un’anima punk. 
La sua regola è: “abbasso la noia, abbasso il consueto!” perché: “ l’allegria, e un pizzico di follia, è uno dei modi per conquistare gli uomini”. Ad affermarlo è proprio lo stilista, Delfrance Ribeiro, che aggiunge: “se poi l’allegria è unita alla bellezza ed all’eleganza, allora la formula per piacere è davvero perfetta.” 
Quindi la donna per la prossima calda stagione dovrà reinventarsi, rinnovarsi, trasformarsi, proprio come innumerevoli forme psichedeliche. 
La femminilità e la seduzione sono declinate nei tailleur da giorno, ma soprattutto nei completi e nei vestiti per la sera. Le gonne hanno preziosi tagli sartoriali, rivelano anche particolari in plissé e sono mini, sotto il ginocchio e lunghe quasi a coprire la scarpa. La silhouette spesso è sottolineata da regali bustier e le scollature a “V” sono profonde e sexy. 
Chiude la collezione una giovane sposa in bianco, raffinata e spumeggiante. 
I tessuti: seta, voile, georgette e doppio satin. 
Predomina il bianco ed il nero. Solo le stampe sono coloratissime, ed a volte spalmate d’oro. Attesissima la sua sfilata di sabato e la sua collezione di "glam psychedelic"



martedì 22 gennaio 2013

PATRIZIA CORVAGLIA GIOIELLI AD ALTAROMA ALTAMODA 2013




Patrizia Corvaglia Gioielli, sarà uno dei brand più attesi della nuova Edizione di “Room Service” il progetto ideato e curato da Simonetta Gianfelici per Altaroma, al quale partecipano nuovi e interessanti creativi, selezionati per la loro capacità di comunicare contemporaneità e per la loro attitudine nel proporre la nuova artigianalità italiana, imperniata sulla ricerca di nuovi materiali e  delle nuove tecniche realizzative.

Al Marriot Grand Hotel Flora, nella Suite numero 208, oltre alle esclusive e preziose creazioni realizzate in argento e bronzo, attesissima sarà la parure ideata da Patrizia Corvaglia  denominata “Altaroma”. Orecchini, un bracciale e un anello, gioielli unici, realizzati in micromodellazione  scultorea e fusione a cera persa, dedicati alla kermesse capitolina.

Patrizia Corvaglia, nasce a Zurigo e affina le sue qualità artistiche a Roma, dove opera e lavora. Designer, scultrice e maestra d’arte. Da sempre il suo interesse primario è la ricerca della forma che si esprime nel suo massimo nelle raffinate linee di gioielleria. La continua ricerca la porta ad accostare i metalli preziosi a pietre grezze, per arrivare ad una perfetta armonia ed a un equilibrio di calore tra gli elementi assemblati.

Le pietre naturali predilette dall’Artista si esaltano nella loro bellezza e il metallo prezioso diventa l’estensione della loro natura in un dialogo sempre perfetto, sempre equilibrato, il gioiello in questo modo diviene punto d’attrazione in estrema sintonia con chi lo indossa. Dall’abilità creativa ed intellettuale, dalla capacità tecnica e manuale, che si cela dietro ciascuna di queste creazioni, prendono forma i Gioielli D’Arte di Patrizia Corvaglia.

La donna, in continua trasformazione, ha la capacità di reinventare e stravolgere il senso comune delle cose, Patrizia Corvaglia ad Altaroma in “Room Service” è pronta per questa sfida e con le sue preziose creazioni, sarà interprete di questa evoluzione.

lunedì 21 gennaio 2013

LO STILISTA NINO LETTIERI AD ALTAROMA ALTAMODA 2013


Domenica 27 gennaio nel complesso monumentale S. Spirito in Sassia a Roma vedremo sfilare lo stilista Nino Lettieri, un nome ormai affermato nelle catwalk di AltaRoma  AltaModa. Da circa 20 anni, Nino Lettieri lavora in giro per il mondo, Miami, New York, Dubai, Londra, Parigi e altre capitali e città europee. Ha iniziato, dopo aver conseguito gli studi artistici e collaborato con la madre nell'atelier di famiglia, come stagista da Ferré nell' '83. Molte le esperienze nei vari settori della moda, dagli accessori ai gioielli, dalle pellicce agli abiti da sera passando anche all'abbigliamento per uomo e bimbo. Dal 2009 è stato consacrato come l'enfant prodige dell'alta moda italiana, con due sfilate all'anno per AltaRoma AltaModa. I suoi abiti sono indossati da molte donne dello star system, principesse arabe e dive del cinema internazionali. Oltre ai bellissimi abiti da sera Nino Lettieri realizza abiti da sposa, nell'atelier a Pompei di cui è particolarmente orgoglioso essendo di origini partenopee. Così si racconta: una vera ispirazione non c'è mai all'inizio, creo d'impulso, lascio andare il mio estro a qualsiasi forma d'arte senza esclusioni alcune, basta un particolare o un suono improvviso o ancora un'immagine distratta per dare il via a qualcosa che poi si trasforma in abito, le mie esperienze più importanti sono tutte, perché le ho scelte con maturità e consapevolezza che potessero darmi o lasciarmi materiale costruttivo per continuare in quello che credo sin dall'età adolescenziale, non credo che spetti a me definire il mio stile, ma spero di regalare delle emozioni come tanti grandi hanno fatto nel passato senza mai eccedere ne offendere quello che stimo più di tutto: la donna. In queste sue dichiarazioni spicca quello che è il suo vero talento, il talento di un grande artista!


Non ci resta che ammirare la sua nuova collezione primavera/estate 2013 a cui ha dato il nome di "Monstera" perchè ispirata  alla forma e al verde intenso della foglia "Monstera" pianta della foresta pluviale amazzonica. In passerella, una donna moderna, dinamica, intenta a scoprire nuovi mondi, disposta a vestirsi di colori e forme della natura.


Trenta outfit realizzati a mano, dalle linee essenziali, fluttuanti al vento della foresta, grazie alla morbidezza e alla leggerezza di tessuti come lo chiffon, l’organza e il raso satin.


Un progetto stilistico, quello ideato per il Calendario AltaRoma gennaio 2013, che intende essere anche un monito per la salvaguardia e la tutela dell’ecosistema più ricco al mondo di biodiversità. La "Monstera" quindi come segno di riconoscimento e simbolo dell’estate 2013 della Maison Lettieri, proposta e ricamata con grandi paillette sui preziosissimi e sartoriali abiti da sera, presentati anche in bianco candido e total black, colori non colori, tanto amati dallo stilista partenopeo. La silhouette della "Monstera" sui sandali realizzati da Luigi Iovino, ideati in raso di seta e paillette, ottenuta con una particolare tecnica di lavorazione a laser. Sui bijoux, creati per l’appuntamento romano da Wood&Co., foglie nere, bianche e trasparenti, pure sculture in plexiglas, impreziosite da pietre Swarovski. Gran finale con la “Sposa” per la quale Nino Lettieri ha ideato e realizzato una candida e trasparente campana di organza ricamata con piccole e grandi "Monstere". Quindi appuntamento a domenica prossima per ammirare i suoi abiti che come sempre saranno delle opere d'arte!










venerdì 18 gennaio 2013

ALTA ROMA ALTA MODA COLLEZIONE PRIMAVERA ESTATE 2013


Tra esattamente una settimana ha inizio "Alta Roma Alta Moda" che durerà da venerdì 25 a lunedì 28 gennaio. In questo arco di tempo vedremo sfilare a Roma le più importanti maison di haute couture nazionali e internazionali con le loro collezioni primavera/estate 2013. Si potrà partecipare solo per invito esclusivo agli "addetti ai lavori" e personalità importanti, dello spettacolo e della politica. Buon fashion a tutti!

mercoledì 9 gennaio 2013

A TUTTO VINTAGE CON VINTACHIC ROMA!


Se amate il vintage troverete meravigliosi abiti, accessori e oggetti nel nuovo showroom "Vintachic" in Viale Parioli a Roma, una vasta e bellissima collezione di abiti ed accessori da sposa, sera, cocktail da donna e da Uomo, oggettistica e molto, molto altro.
Vintachic propone il noleggio e la vendita di un’ampia collezione di abiti, accessori ed oggettistica d’epoca, dal 1880 al 1980, selezionata e acquisita nell’arco di venti anni. La vasta gamma di articoli, unici nel loro genere, particolari ed autentici, proviene prevalentemente dagli Stati Uniti e dal Regno Unito e si divide in:

• abiti da sposa ed accessori, dal 1880 al 1980 

• abiti da sera e cocktail, dal 1920 al 1980 

• abiti da giorno, dal 1920 al 1980 

• accessori moda, borse, scarpe, cinture, cappelli dal 1900 al 1980 
• lingerie, dal 1900 al 1980 
• oggettistica, dal 1900 al 1980. 
Al primo impatto sembra di entrare nel mondo delle favole, i bellissimi abiti e accessori sono unici e da sogno. Indossarli ci fa ritornare bambini e ci fa sentire delle splendide principesse e principi azzurri. Si torna indietro nel tempo ma sono abiti senza età, di un'eleganza e raffinatezza ineguagliabili per qualsiasi occasione. Insomma il vintage è sempre più di moda e sempre più bello, abiti così non si trovano più, hanno quel tocco di classe che non ha tempo. Facendo quattro chiacchiere con la titolare: Esterita Di Cesare, mi ha raccontato che tutto deriva dalla sua passione per il vintage che per anni ha collezionato, solo in un secondo tempo ha pensato di farlo diventare un business dando così la possibilità a tutti noi di poter indossare abiti ed accessori unici nel loro genere e di ammirare e comprare oggetti che oltre a poterli utilizzare sono dei magnifici arredi. Che dire? Non vi resta che provare e entrare nel mondo dei sogni, perciò a tutto vintage con Vintachic!






sabato 5 gennaio 2013

BURBERRY





Più che un marchio è un vero oggetto del desiderio.

Burberry, simbolo inconfondibile dello stile inglese dal 1856, ha inventato un nuovo look e si è distinto nel mondo della moda grazie alle sue famose giacche impermeabili e ai materiali innovativi come il gabardine, fibra sviluppata da Burberry negli anni '80 del XIX secolo. Sin dai primi del Novecento, la parola Prorsum cominciò ad apparire sulle crezioni Burberry e fino ad oggi il logo con il cavaliere equestre rappresenta la bellezza senza tempo dello stile inglese nel mondo.
Un brand unico nel mondo dallo stile classico inglese per uomo e donna: i suoi capi vanno oltre tempo e tendenze, riflettendo uno stile di vita.