lunedì 25 marzo 2019

PRESENTATO A ROMA “LE HO PROVATE TUTTE” IL PRIMO LIBRO DI PATRIZIA CALDONAZZO

Patrizia Caldonazzo


E'stato presentato da Mr. Barry, in Piazza dei Ponziani 8/C a Roma “Le ho provate tutte – storie di diete e di insuccessi” il libro di esordio di Patrizia Caldonazzo con la prefazione di Catena Fiorello edito da Undici Edizioni.
Mattatore della serata Beppe Convertini. Accanto all’autrice erano poi presenti alcune testimonial d’eccezione: Giada Desideri, attrice ed ideatrice del blog Curvy Jade, e la simpaticissima Sabrina Antonetti del duo Palla e Chiatta che ha cantato “La Donna Cannone”. Nathalie Caldonazzo, sorella di Patrizia, ha letto alcuni brani tratti da “Le ho provate tutte” per far immergere i presenti nel mood del diario/dieta edito da Undici Edizioni.
Tra il pubblico tanti volti noti: Maria Monsè, Alex Partexano, Jolanda Gurreri, Federica Peluffo, la editor Rosa Gargiulo e Giuseppe Lepore, produttore del film sulla vita di Vittorio Cecchi Gori.
Il romanzo della Caldonazzo è una sorta di diario in cui le diete sono il pretesto per un racconto di crescita e maturazione personale. Su e giù dalla bilancia, alla ricerca della linea perfetta. Ma perfetta per chi? La vera "dieta" è in realtà la conquista della consapevolezza di sé. Imparare ad amarsi, accettarsi, valorizzarsi. Questo il messaggio che si scopre tra le pagine. Un percorso raccontato con ironia e leggerezza, per sdoganare un tema che è fin troppo spesso causa di disagi e dolore.

Beppe Convertini, Patrizia Caldonazzo

Maria Monsè

Nathalie Caldonazzo e la sorella Patrizia Caldonazzo

Grande successo al Teatro Petrolini per lo spettacolo di varietà “Femmes”



Grande successo di pubblico per lo spettacolo “Femmes” andato in scena al Teatro Petrolini a Roma. Teatro gremito da un folto pubblico e sold out al botteghino per l’originale varietà ispirato alla Belle Époque e non solo.
Spettatori entusiasmati dalle magiche e sensuali atmosfere hanno applaudito gli artisti che si sono esibiti in balli, canti, musiche e recitazione dando vita ad un’esilarante esibizione che ha incantato il pubblico della sala.
“Femmes”, scritto da Emanuela Mari e Maria Buongiorno, è un vero inno alla bellezza femminile rappresentata in diverse forme d’arte: canto, musica, danza e recitazione che sono state portate in scena dal soprano Emanuela Mari che con la sua splendida voce ha eseguito arie d’opera e romanze: “Il paese dei campanelli”, “Frou Frou del Tabarin”, “Cin Ci La”, “Eva”, “Ballo al Savoy” e “La vedova allegra”, accompagnata dal tenore Valerio Aufiero che si è esibito anche come solista emozionando la platea con: “Ma senza donne” da “La principessa della Czarda”, “La donna è mobile”, “Mattinata”, e “Musica proibita”.
Tanti applausi anche per le bravissime ballerine: Fabiola Zossolo, che ha danzato su musiche ispirate a Charlie Chaplin ed alla "Paris de fin du siècle"; Maria Cristina Capogrosso, che ha interpretato l’affascinante e conturbante danzatrice Mata Hari, il cui testo è stato scritto dalla scrittrice Maria Buongiorno; Elektra Kiss seducente, provocante, ironica e mai volgare con il suo burlesque; Francesca Minunni e il ballerino Valerio De Angelis hanno creato un tocco di magia danzando il valzer in magnifici costumi d’epoca con la coreografia curata da Susanna Serafini dell’Accademia Nazionale di Danza; Giulia Catalucci e Sofia Ronchini hanno completato magistralmente lo spettacolo con il suggestivo Can Can, il tipico ballo nato nella Belle Époque, anche questo su coreografia di Susanna Serafini. 
Il tutto accompagnato dalle splendide musiche suonate al pianoforte dal maestro Massimiliano Franchina.
La raffinata scrittrice Maria Buongiorno ha portato sul palco con la sua classe ed eleganza la poesia, recitando una sua opera “La fioritura del loto”.
Monica Fiore ha fatto da assistente di scena. La scenografia, ispirata alla donna, è dell’artista messicano Miguel Angel Acosta Lara. L’audio e le luci sono state curate da Emanuele Bertulli, mentre le foto dal fotografo di scena Maurizio Romani. Media Partner: FASHION LUXURY (fashionluxury.info).
Nel parterre spiccava il noto giornalista sportivo Amedeo Goria, la giornalista RAI Antonietta Di Vizia, la cantante jazz Cinzia Tedesco, il noto look maker della capitale Sergio Tirletti, il critico letterario Franco Di Carlo, i giornalisti Alessandra Battaglia con David Cardarelli, Giuseppe Mele, Rosalba Lupo, Ruggiero Capone, la pittrice Ester Campese e molti altri.

Foto di Maurizio Romani


Emanuela Mari


Elektra Kiss

Emanuela Mari e il pianista il maestro Massimiliano Franchina


Emanuela Mari e Valerio Aufiero

Emanuela Mari e Valerio Aufiero

Emanuela Mari e Valerio Aufiero

Emanuela Mari e Valerio Aufiero

Emanuela Mari e Valerio Aufiero

Fabiola Zossolo

Fabiola Zossolo

Francesca Minunni e Valerio De Angelis

Giulia Catalucci e Sofia Ronchini

Maria Buongiorno

Maria Cristina Capogrosso

Valerio Aufiero

Sergio Tirletti, Emanuela Mari

Amedeo Goria e Maria Buongiorno

Anna Poletti, Gisella Peana

Antonietta Di Vizia e Marco Bardeggia

Da sinistra: Giuseppe Mele, Amedeo Goria, Gisella Peana, Antonietta Di Vizia, Marco Bardeggia

Gisella Peana


martedì 12 marzo 2019

Grande successo per la XII Edizione del "Premio Sette Colli"

Fabrizio Pacifici, Ryan Paris, Silvia e Laura Squizzato



Folla delle grandi occasioni per la XII edizione del Premio Sette Colli patrocinato dall'ANPOE, Associazione Nazionale Produttore e Organizzatori di Eventi. 
Davanti ad un'imponente schiera di fotografi Fabrizio Pacifici, ideatore e organizzatore dell'evento, ha premiato artisti, professionisti e personaggi romani e romanisti DOC, ma non solo. 
Sul palco del Nur Bar il grande Franco Peccenini, che ha ricordato con emozione i suoi lunghi trascorsi giallorossi; l'affascinante giornalista Francesca Brienza, abituale ospite di "Tiki Taka" e "Quelli che iI Calcio"; Ryan Paris che ha entusiasmato i presenti con il suo successo internazionale "Dolce Vita"; Ettore Viola, figlio dell'indimenticato presidente del secondo scudetto, Dino Viola, e il mitico Rino Barillari, fresco vincitore del Nastro d'Argento alla carriera, in compagnia di Massimo Spano e Giancarlo Scarchilli, autori del docufilm "The King Of Paparazzi". 
Premi anche per la SIS Roma di pallanuoto femminile, fresca vincitrice della Coppa Italia, rappresentata da Marco Gallo e dalle giocatrici Chiara Abrizi e Serena Storai; Nicola Cilento, ideatore del Museo dello Sport di Roma; la simpaticissima attrice Alexandra Filotei; l'Avvocato Lucio Barletta; Stefano Pantano, premiato dalla Roma Calcio Femminile, presente con Lucia Conte, Serena Landa, Emma Guidi ed il dirigente Giulio Casaroli, con un riconoscimento speciale in segno di Fair Play, a pochi giorni dal derby capitolino.
Tantissimi gli ospiti: le attrici Raffaella Camarda, Maria Teresa Merlino e Cosetta Turco, il comico Christian Generosi, gli attori Marius Bizau e Marco Vivio, le modella Andrea Duma, Ioana Avramescu e Angel Sandu, la stilista Monica La Barbera, la make up artist Katia Incitti, i manager Andrea Quattrini, Alex Bucci e Massimo Emili, il giornalista Dundar Kesapli, Laura e Silvia Squizzato, inviate del programma Rai “I Fatti Vostri”.

Francesca Brienza, Fabrizio Pacifici


Franco Peccenini, Ioana Avramescu


Il laziale Stefano Pantano premiato dalla squadra della Roma femminile


Massimo Sopano, Rino Barillari, Giancarlo Scarchilli

lunedì 11 marzo 2019

Nella “Wedding Night” della tenuta "La Tacita" brillano le eccellenze del Made in Italy

Tenuta "La Tacita"


Sabato 9 marzo 2019, a partire dalle ore 19:00 la tenuta La Tacita Country Weddings è stata teatro di “Wedding Night”, un evento straordinario ed un imperdibile appuntamento per futuri sposi, stampa ed operatori del wedding.
"La Tacita", cornice perfetta per matrimoni ed eventi, è un luogo incantevole in cui si respira l’amore per l’ambiente, il gusto del bello e la passione per la cucina. Situata nella Sabina, tra Roma e Rieti, è immersa in un paesaggio superbo di 130 ettari in cui troviamo un’equilibrata alternanza tra le maestose ed eleganti costruzioni e le incantevoli meraviglie della natura: Tenuta La Tacita distribuita su più location, lo chalet delle rose, la piscina scenografica, il vigneto, la tartufaia, gli uliveti secolari, le sequoie importate dal Nord America, migliaia di piante di lavanda e, soprattutto, Vacunae Rosae, uno dei roseti più importanti al mondo! Una proposta unica nel panorama del wedding italiano, con una diversità di ambientazioni tale da soddisfare ogni richiesta da parte degli sposi più esigenti o delle wedding planner più creative. Monica Indaco, elegante manager di questa impareggiabile struttura, ha raccolto intorno a sé alcuni partner di livello assoluto, per condividere con loro l’esperienza unica di un evento di grande charme, a partire dalla special guest della serata, la famosa wedding planner Roberta Torresan che ha ideato un dress code decisamente particolare, prevedendo un tocco color oro che renderà ancora più preziosi gli abiti de La Vie en Blanc che le due eleganti signore del wedding indosseranno per questa straordinaria occasione.
Protagonista assoluta di "Wedding Night" la preziosa eleganza delle creazioni sposa de La Vie en Blanc Atelier e degli abiti realizzati per lo sposo da Carosi Uomo, produzioni sartoriali al vertice delle proposte made in Italy, consacrate nell’ultima edizione di Roma Sposa e della Borsa del Matrimonio, appuntamento nel quale hanno raccolto un ampio consenso da parte dei numerosi buyer stranieri accorsi nella Capitale per selezionare le migliori proposte della creatività sartoriale italiana. La magia del giorno più importante è frutto di impegno e dedizione da parte de La Vie En Blanc Atelier, storica realtà nel cuore dell’elegante quartiere Prati, custode della tradizione sartoriale e dell’esperienza di tre generazioni nella moda, capaci di esaltare l’eleganza femminile con la preziosità di creazioni uniche.  
La grande novità per il 2019 è il wedding white smoking in mikado di seta e duchesse, pensato da Giorgia Albanese, giovane e brillante titolare de La Vie en Blanc Atelier, per una sposa dalla grande personalità, capace di distinguersi con un’eleganza non convenzionale, preziosa chicca da affiancare alle più tradizionali ed iconiche costruzioni sartoriali della Maison, da quelle più morbide a quelle più strutturate, dai romantici pizzi rebrodè e macramè, fino all’uso di tessuti frutto di una attenta ricerca come i preziosi broccati in color oro o al sapiente uso di seducenti sfumature di colori che, dal rosa al grigio, disegnano preziosi motivi floreali dipinti a mano su sete preziose, per decorare abiti artistici, pensati per una sposa fresca e giovane.
L’immagine dello sposo viene considerata, a torto, di semplice contorno ma è fondamentale che la raffinatezza della sposa trovi il giusto contraltare nell’eleganza maschile, elemento capace di affiancare e completare l’immagine della protagonista del matrimonio. Le nuove tendenze proposte per il 2019 da Roberto Carosi, titolare della storica Maison Capitolina Carosi Uomo, prevedono uno stile Fashion & Formal, sinonimo di un’eleganza canonica ma, allo stesso tempo, attuale, interpretata attraverso personalizzazioni moderne e dettagli di stile sartoriale, a tracciare una linea di abiti morning & evening capace di vestire uno sposo moderno ma attento ai canoni di un’eleganza maschile che non perda di vista le ultime tendenze. Abiti leggermente più corti e con revers classici, nelle tonalità del blu, autentico must have maschile della stagione, o nei più classici nero e grigio scuro, con tagli ad uno o due bottoni, completi di gilet coordinato, nello stesso tessuto dell’abito oppure a contrasto, dalla tinta unita in grigio perla ai micro disegni o piccole fantasie, sempre realizzati in pura seta. Abiti ad un petto e con revers stretti, con un fit più fashion o a doppio petto o con revers a lancia, per un classico tutto italiano, realizzati con tessuti di altissima qualità, fino ai più eleganti tight e demi-tight, che richiamano l’eleganza dello stile British, con giacche anche leggermente sciancrate, per esaltare la silhouette, in versione classica con pantalone rigato, giacca antracite e gilet abbinato, ma anche abiti monocolore, per sposi con un orientamento più moderno e contemporaneo.
Tra i prestigiosi ospiti presenti all'evento: Alessandra e Paola Cacciani di Le Bonheur, il floral & event designer Giovanni Raspante, la event & wedding planner Erika Morgera, la wedding planner Monica Palmieri, la blogger Sara Laurella e l’addetta stampa e blogger Gisella Peana.
Importantissimi i partner di questa entusiasmante "Wedding Night", grandi professionisti del settore come Claudio Berrettoni e Gabriele Imbimbo con Eventecnica, light designer dell’evento, Latini Design per le mise en place, lo Scatolificio Venturi per le gift box, Fenix Bartendering per i cocktail, Sartoria Floreale e La Bottega del Fiore per gli allestimenti floreali delle ville, Luce Pura Wedding per le foto ed i video della serata, Music Wedding Rome per l’intrattenimento musicale, Hm Eventi per l’animazione dei più piccoli, Sugar per il gustoso candy buffet, Courtesy Travel Tour Operator per la luna di miele, Casciani Fireworks per lo spettacolo pirotecnico, Party Photo Boot e Art Service & More per l’intrattenimento, Simone Amaro per il make up e Wedding Stationery Italy per gli inviti.

Foto interni cena di Gisella Peana (Copyright Gisella Peana)


Tenuta La Tacita il roseto






























sabato 2 marzo 2019

Al Teatro Petrolini a Roma va in scena lo sfavillante varietà “Femmes”



Martedì 5 marzo 2019 al Teatro Petrolini a Roma, in via Rubattino n. 5, nel famoso quartiere del Testaccio, amato da Pasolini e Ozpetek che abbraccia tutte le epoche, dai resti dell’Emporium di Roma imperiale fino ai palazzi fascisti e alle testimonianze di archeologia industriale, ora uno dei luoghi della movida romana per via dei tanti locali e ristoranti di cui pullula, alle ore 21:00 andrà in scena lo sfavillante varietà “Femmes”, spettacolo di Belle Époque e non solo, firmato dall’eclettica musicista e cantante napoletana di varietà, cabaret e avanspettacolo Emanuela Mari, diplomata in pianoforte al Conservatorio S. Pietro a Majella a Napoli, appassionata di canto lirico, opera, operetta, canzone napoletana ma anche jazz, pop e rock e dalla poetessa Maria Buongiorno.
Un’ora abbondante di numeri di grande spettacolarità, tutti in costume e per tutti i gusti: arie d’operetta, interpretate dalle voci di Emanuela Mari e dal tenore Valerio Aufiero, noto per aver partecipato alla trasmissione televisiva “Colorado” su RAI 1 e presenza costante nella trasmissione televisiva “Cristianità” su RAI INTERNATIONAL, con all’attivo diversi spettacoli e concerti in Italia e all’estero, accompagnati al pianoforte dal maestro palermitano Massimiliano Franchina, classe 1965, diplomato in pianoforte al Conservatorio di Musica “A. Casella” di L’Aquila; un avvolgente angolo dedicato alla sublime danzatrice Mata Hari, donna di grande charme, intrigante e misteriosa, interpretata da Maria Cristina Capogrosso, ballerina e attrice, il cui testo è stato scritto da Maria Buongiorno; danze e musiche ispirate a Charlie Chaplin ed alla "Paris de fin du siècle", interpretate dalla danzatrice Fabiola Zossolo e il Can-can, ballo nato nella Belle Époque, danzato da Giulia Catalucci e Sofia Ronchini su coreografia di Susanna Serafini; per completare lo spettacolo la performance con il valzer di Francesca Minunni e Valerio De Angelis anche questa su coreografia di Susanna Serafini dell’Accademia Nazionale di Danza.
Non mancherà un pizzico di raffinato burlesque, portato in scena da Elektra Kiss, sensuale, provocante, ironica e mai volgare, che si esibisce con leggerezza e positività, tra magia e poesia, teatralità ed un pizzico di sana follia.
Insomma un turbinio di colore, luce, bellezza, seduzione, che proietteranno gli spettatori in un mondo fantastico, straordinario e scintillante. Musica, poesia, danza, recitazione, canto per regalare una serata indimenticabile, avvolti dalle atmosfere della Belle Époque, un’epoca di vita brillante che esprimeva l’idea che il nuovo secolo, il Novecento, sarebbe stato un periodo storico di pace e di benessere.
Un autentico varietà, che offrirà al pubblico un meraviglioso cammeo sulla bellezza femminile espressa attraverso ogni forma d'arte, uno spettacolo fantastico, straordinario che calamiterà l’interesse e l’entusiasmo del pubblico per le atmosfere e il talento di questi grandi artisti.
Assistente di scena è la cantante e performer burlesque Monica Fiore.
Farà da scenografia allo spettacolo l’opera ispirata alla donna dell’artista messicano Miguel Angel Acosta Lara.
Tecnico audio e luci: Emanuele Bertulli; Fotografo di scena: Maurizio Romani; Media Partner: FASHION LUXURY (fashionluxury.info).

Per info e prenotazioni: Teatro Petrolini tel. 06.5757488-338.8968472



BIOGRAFIA ARTISTI


EMANUELA MARI: Inizia a studiare pianoforte all’età di 10 anni, dopo avere fatto danza classica e cantato come voce scelta in tanti cori della scuola. Si diploma in pianoforte in uno dei Conservatori con la scuola pianistica più dura e severa: S. Pietro a Majella a Napoli. La sua passione è il canto, inizia così a studiare canto lirico, l’opera, l’operetta e la canzone napoletana. Canta in cori polifonici, girando l’Europa, in performance di vario genere. Il suo repertorio musicale si estende anche alla musica jazz, pop, rock e dopo avere fatto serate musicali di ogni genere e concerti approda al teatro napoletano, al varietà, al cabaret, all’avanspettacolo. Oggi Emanuela, oltre ad essere da sempre insegnante di pianoforte, si dedica, con tanta soddisfazione al teatro, ai concerti e agli spettacoli.

MARIA BUONGIORNO: poetessa di origine calabrese impegnata in battaglie importanti come il mobbing, il femminicidio e le diverse sfaccettature nell’affrontare le gravi patologie sia da parte dei pazienti che dei medici. Temi che la portano a scrivere “La storia di Vittoria”. A Roma nel 2015 al Teatro dei Dioscuri al Quirinale nel corso del reading poetico presenta “La poesia è donna” patrocinato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Mibact. Interviene, con un suo scritto in prosa, alla Convention sul "Mobbing" organizzato dalla Lidu Onlus, Sede Nazionale Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo. E’ presente nell’antologia poetica Alexina e nell’antologia poetica “L’amore resta”, Rosa Anna Pironti Editore pubblicata in occasione del Premio Prof. Giuseppe Moscati 2015 col patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati e del Mibact. Ha collaborato con la Loft Gallery SpazioMater a Roma nella quale ha partecipato con dei suoi scritti alla serata intitolata “L’inno a Iside” e “Il ritorno di Ishà”, (dall’ebraico donna) ed ancora, il 28 ottobre in occasione della settimana dedicata alla violenza sulla donna, con “Il risveglio di Ishà”. Storie di donne violate rivelate attraverso l’Arte e nell’Arte. Presente a Milano con una sua performance poetica l’11 marzo 2016 alla Convention-Reading Poetico dal titolo “La malattia in versi”, per una umanizzazione della medicina oltre la cura, evento culturale organizzato dal “Comitato Insieme per l’Arte” con il patrocinio morale del MIBACT e Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano. Coautrice dello spettacolo teatrale “Annodata Donna” andato in scena sulla scalinata della suggestiva Piazza Iside a Roma il 10 settembre 2016. Partecipa al Concorso artistico-letterario “Il Volo di Pegaso” indetto dal Centro Nazionale Malattie Rare, Istituto Superiore di Sanità, classificandosi al primo posto della sezione Poesia, (27 febbraio 2017) e alla XVIII Edizione dello Zirè d’Oro, Premio Letterario Nazionale, classificandosi al primo posto nella sezione Poesia d’amore intitolata a Mariolina Mei, (L’Aquila 30.11.2018). Ritorna al teatro con il monologo su Mata Hari “Occhio del giorno”, rappresentato al Teatro Petrolini Il 22 gennaio, con repliche il 5 marzo ed il 24 Aprile 2019. Dalla Poesia passa alla favola con “Il piccolo cavolo blu” che andrà in stampa a breve così come la sua prima antologia poetica.

VALERIO AUFIERO: il tenore è nato a Pagani (SA) e nel 1988 inizia la sua attività professionale a Roma presso il famoso Teatro Tiberino sito in Trastevere (diventandone Direttore Artistico dal 1999 al 2005), continuando poi nel corso degli anni ad esibirsi come solista in numerosi concerti ed allestimenti lirici in Italia (S. Leo, Firenze, Milano, Monza, Bologna, Napoli, Torino e all’estero (Monaco di Baviera, Madrid, Lione, Montpellier). Nel 1997 prende parte, esibendosi, alla trasmissione televisiva su Rai 1 “Colorado”. Sempre nel 1997 amplia la sua vocalità anche in campo baritonale debuttando nel ruolo di Peter nell’opera “Hansel e Gretel” nella versione integrale ed in tedesco nell’ambito della rassegna “Rome festival”, nel 2000 debutta anche nel ruolo di Figaro nell’opera “le nozze di Figaro” di W. A. Mozart, nel 2002 è Guglielmo nell’opera “Le Villi” di Giacomo Puccini. E’ presenza costante nella trasmissione televisiva “Cristianità” su RAI INTERNATIONAL. Ha cantato in Piazza S. Pietro alla presenza di Sua Santità Benedetto XVI ° nel maggio del 2005. Nel giugno del 2006 viene invitato dall’Ambasciatore italiano a Giacarta (Indonesia) nell’ambito delle manifestazioni per la festa della Repubblica Italiana. Nel maggio del 2010 è stato l’interprete protagonista dell’opera teatrale “Pasquariello 900” al Teatro Due di Roma. Nel maggio 2011 sempre al Teatro Due partecipa allo spettacolo “La Musica e il filo” su musiche del Maestro Alessandro Panatteri. Dal 2006 al 2013 è protagonista di uno spettacolo imperniato sulla Storia della Musica Italiana dagli anni ‘20 agli anni ‘60 presso il Teatro Centrale in Roma. Negli anni 2012-2013-2014 tiene una serie di concerti dedicati a Francesco Paolo Tosti con il titolo “Romanza” a Roma e in Italia. Il 27 gennaio del 2015 è voce solista maschile nella Cantata “SHOAH” del Maestro Luciano Bellini per Soli, coro ed orchestra nella ricorrenza del giorno della memoria di Auschwitz all’ Auditorium “Parco della Musica” di Roma (spettacolo replicato il giorno dopo (28 gennaio) all’Auditorium dell’Aquila. Nel mese di aprile incide un Cd di Canti Mariani su testi di Mons. Dario Rezza. Ha al suo attivo 4 Cd di canti natalizi dall’Italia e dal Mondo, un Cd di canzoni napoletane e un Cd dell’opera “Gennaro Pasquariello. Di recente ha pubblicato altri due Cd: uno dedicato a Francesco Paolo Tosti e l’altro a celebri brani napoletani. Attualmente alterna l’attività concertistica e teatrale a quella di insegnante di canto lirico e moderno in diverse scuole musicali di Roma e del Lazio.

Massimiliano Franchina: Nato a Palermo nel 1965, ha iniziato giovanissimo lo studio del pianoforte, conseguendo il diploma sotto la guida del M° Lanfranco Menga presso il Conservatorio di Musica “A. Casella” di L’Aquila; si è perfezionato sotto la guida dei Maestri Paolo Subrizi e Aquiles delle Vigne presso i Corsi di Perfezionamento di Flaine (Francia). Nel 1995 ha conseguito il Fellowship del National College of Musica di Londra (FNCM). Nel 1996 ha vinto il Terzo Premio al 6° Concorso d'Esecuzione Musicale ed Europea Città di Barletta nella sezione Musica da Camera. Nel 1997 ha accompagnato in un concerto lirico nella città di Siracusa il baritono Lino Puglisi con il quale collabora nei corsi di perfezionamento per cantanti lirici che si tengono ogni anno a Bolsena presso l'Accademia di Musica di Pitigliano. Nello stesso anno è stato impegnato in una tournée in Portogallo per una serie di concerti organizzati dall'Istituto Italiano di Cultura in Portogallo. Collabora con diversi maestri di canto nella preparazione di concerti lirici e nel sostenere lezioni private e masterclass estivi. Nel novembre del 2000 ha tenuto un importante concerto in Malesya alla presenza del Primo Ministro e in diretta televisiva. Dallo stesso anno è invitato tutti gli anni dal Teatro Pirandello di Agrigento al concerto della Croce Rossa. Nel 2003 è stato invitato alla presentazione di un libro sulla vita di Mario Lanza tenutasi presso il Teatro dell'Opera di Roma dove si è anche esibito in concerto accompagnando tre promettenti giovani cantanti lirici. Svolge un'intensa attività concertistica in varie città italiane, dove è chiamato come collaboratore di strumentisti solisti, accompagnatore di cantanti lirici, con i quali ha registrato trasmissioni televisive sia per la RAI come per altre emittenti private, e maestro concertatore nell'esecuzione di opere integrali in vari teatri italiani. Con periodicità annuale ha inoltre suonato presso l'Ambasciata USA a Roma. Dal 1996 collabora con il M° Fritz Maraffi nella preparazione delle opere che si rappresentano nel cartellone della manifestazione estiva annuale "ROME FESTIVAL". Nella città di Roma è stato impegnato in concerti per pianoforte presso le seguenti sale: Auditorium della RAI, Sala Baldini, Pontificio Istituto di Musica Sacra, Palazzo Doria Pamphili, Istituto Svizzero, Palazzo Barberini, Aula Magna dell'Università "La Sapienza", Hall dei Cavalieri dell’Hilton, Chiesa Valdese, Chiesa St. Paul Within the Wall. Opere in repertorio: Aida, La forza del destino, Rigoletto, Il Trovatore, La Traviata, Nabucco, Macbeth, Emani, I Vespri Siciliani, I Pagliacci, Cavalleria Rusticana, Andrea Chenier, Tosca, La Boheme, Manon Lescaut, Madama Butterfly, Così fan tutte, Le nozze di Figaro, Don Giovanni, Don Pasquale, Elisir d'amore, Lucia di Lammermoor, Hansel e Gretel, Carmen.

Maria Cristina Capogrosso: nasce a Taranto e vive fino all'età di 17 anni in un paesino della Puglia. Si trasferisce a Roma all'età di 18 anni. La sua passione per la danza la accompagna fin da bambina ed inizia lo studio dall’età di 5 anni. Molto incuriosita dal teatro studia recitazione. Frequenta tanti corsi con grandi maestri e porta avanti entrambe le discipline sul palcoscenico. Si sposta da Broadway a New York per imparare il tip tap e addentrarsi nel mondo del musical e cabaret. Studia tutte le danze che mettono in risalto la donna e la sua femminilità, dalle più antiche alle più moderne. Si dedica a diversi spettacoli interpretando la danza in comunione con la recitazione.

Fabiola Zossolo: inizia a studiare danza all'età di sette anni, già da bambina lavora presso l'Associazione Nazionale di Arte e Cultura per il Musical Mary Poppins. Sviluppa e perfeziona dopo la fine del liceo, gli studi della danza moderna tecnica modern jazz, contemporanea, fusion e danza classica. Tra il 2013/2016 consegue il diploma per l'insegnamento di danza classica e moderna. Oggi si dedica principalmente al teatro come danzatrice, ed all'insegnamento. 

Susanna Serafini: compie i suoi studi presso l'Accademia Nazionale di Danza a Roma dove si diploma nel 1981, nel corso dello stesso anno si laurea in lingue straniere. Ha insegnato propedeutica nell'Accademia stessa. Ha collaborato con la rivista "Tutto Danza" pubblicando recensioni. Nel ‘91 ha scritto “Introduzione alla danza" manuale teorico-pratico di preparazione alla danza. Nel 1992 vince la cattedra di Storia della Danza presso il M.P.I. Dal 1993 al 2000 ha diretto il premio "Infiorata d'Oro” concorso nazionale per coreografi. Nel giugno 1995 gli viene consegnato il premio “Terme di Cretone” per l'attività artistica svolta per la danza. Nel 1998-99 è stata docente di storia della danza presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma. Ha curato per la rivista “Danzasì “ il Premio “Città di Roma". Nel 2009 consegue la laurea di II livello di discipline coreutiche, indirizzo classico, presso AND. E’ specializzata in danze di società dell’800. Attualmente è docente presso il liceo coreutico di Napoli.

Foto di Valerio Faccini


Emanuela Mari

Emanuela Mari

Emanuela Mari e Valerio Aufiero

Elektra Kiss

Fabiola Zossolo

Fabiola Zossolo

Fabiola Zossolo

Francesca Minunni e Valerio De Angelis

Francesca Minunni e Valerio De Angelis

Giulia Catalucci e Sofia Ronchini

Giulia Catalucci e Sofia Ronchini

Maria Buongiorno


Maria Cristina Capogrosso

Maria Cristina Capogrosso