Pubblicità

sabato 25 marzo 2017

Concerto del celebre compositore e direttore d'orchestra Franco Micalizzi all'Auditorio Parco della musica a Roma

Franco Micalizzi 



All'Auditorium Parco della Musica, presso la sala Petrassi, il 28 Aprile alle ore 21 a Roma, il Maestro Franco Micalizzi presenterà presso la Sala Petrassi di Roma, un concerto unico e raffinato, che guarda con un filo di nostalgia e anche di ironia ai memorabili temi musicali che il celebre compositore e direttore d’orchestra ha creato negli anni ‘70 e ‘80 per tanti film di successo (Lo chiamavano Trinità – L’ultima neve di Primavera – Napoli violenta - Non c’è due senza quattro – Italia a mano armata...).
A riproporre questi temi sono per l’occasione stati chiamati molti di quei cantanti che all’epoca li eseguirono con successo, come ad esempio Edoardo Vianello e Wilma Goich (Roma parlaje tu); la grande concertista Gilda Buttà; e altre autorevoli presenze canore come Valentina Ducros, Miky Introna, Dougie Meakin e il tenore internazionale Gianluca Paganelli.
Considerato che i temi musicali destinati al cinema e composti da Micalizzi hanno suscitato un forte interesse perfino nel mondo dell’hip hop, che ha attinto a larghe mani nel suo repertorio musicale, campionando e rappando sulla sua musica, durante il concerto si faranno cenni anche a queste partecipazioni.
Altri ospiti a sorpresa, seduti in platea, saliranno in serata sul palco, a ricordare e raccontare pezzi di vita cinematografica del nostro Paese, a cui le musiche del Maestro hanno fatto da indimenticabile cornice.
A sostenere il concerto, una grande orchestra dal vivo e la partecipazione come pubblico di tanti fedelissimi appassionati.

venerdì 24 marzo 2017

50 Sfumature di Donna II Edizione




Per il secondo anno consecutivo il portale “VediamociChiara”, dedicato alla salute e al benessere della donna (www.vediamocichiara.it) dedica una speciale iniziativa al mondo femminile con "50 Sfumature di Donna", così è chiamato il progetto, che affronta in questa edizione il tema della “seconda volta”, quella che prende forma da un necessario e biologico desiderio di cambiamento che si genera in un’età compresa tra i 40 e 50 anni. Tante sono infatti le “seconde volte”, ovvero i mutamenti che caratterizzano gli “Anta”: a partire da una nuova consapevolezza di se stesse che prende luce in simbiosi con i cambiamenti del proprio corpo.
Ed è cosi che al Centro Congressi Spagna in via Alibert 5/A, nel cuore del centro storico di Roma, per un intero pomeriggio, quello di sabato 8 aprile 2017, dalle 14.30 alle 20, l’ideatrice e fondatrice di “VediamociChiara”, la dott.ssa Maria Luisa Barbarulo, introdurrà una serie di iniziative dedicate al tema dell’essere donna oggi. Benessere e salute saranno gli argomenti principali di approfondimento, trattati con sapienza e divertimento: a cominciare dalla dott.ssa Alessandra Bitelli (mental coach) che aiuterà a focalizzare l’audience, attraverso alcuni esercizi mentali, sui propri obiettivi, stimolando la personale determinazione al cambiamento. Agli esercizi psichici si accompagneranno quelli fisici con la ginnastica – proposta dalla dott.ssa Loredana La Torre - dedicata ai muscoli femminili più intimi (quelli del perineo) che, laddove ancora in salute, consentiranno anche il mantenimento o la riscoperta di una sana vita sessuale.
Sarà poi la volta della dott.ssa Laura Tonatto, che illustrerà tutti i segreti dell’aromaterapia e del talk show con gli specialisti, fulcro centrale dell’evento, durante il quale si parlerà di benessere e salute in compagnia del prof. Antonio Lanzone, del dott. Massimo Danti (ginecologo), della dott.ssa Patrizia Pezzella (sessuologa), della dott.ssa Gabriella Caruso (nutrizionista), e della prof.ssa Rossella Nappi (ginecologa). 
Nell’ambito dell’iniziativa sarà inoltre presentata l’organizzazione di volontari e senza scopo di lucro KOMEN Italia, che opera nella lotta ai tumori del seno su tutto il territorio nazionale e che vede tra i propri testimonial Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi. Durante l’evento sarà possibile registrarsi alla 18° edizione della Race for the cure che si terrà a Roma, al Circo Massimo, il 19, 20 e 21 maggio p.v..
Successivamente, dalle 18.00, si apriranno, gli incontri semi-privati con le specialiste dott.ssa Patrizia Pezzella (ginecologa, sessuologa) e dott.ssa Gabriella Caruso (nutrizionista).
Spazio anche all’oroscopo degli “anta” e del cambiamento, a cura di Simon & the Stars: l’evento cade, non a caso, ad una settimana esatta dall'inizio dell’anno astrologico (31 marzo): un significativo indizio per cogliere i suggerimenti delle stelle all’insegna della trasformazione.
La giornata sarà anche l’occasione per diventare contributor del blog “VediamociChiara”, usando gli hashtag dell’evento, #50sfumaturedidonna #vediamocichiara #lasecondavolta, e pubblicando sul proprio profilo Facebook un post che parla del cambiamento e dell’evento 50 sfumature di donna: tra tutte le partecipanti sarà selezionato il miglior post e l’autrice sarà invitata a collaborare alla redazione degli articoli del portale. La selezione dei commenti sarà curata dalla stessa redazione, tenendo conto anche del numero totale di condivisioni e “Mi piace” raggiunti dai post.

La design di gioielli Gaia Caramazza e la stilista di moda Asia Neri protagoniste del progetto “ I Love via Margutta”




Serata magica in via Margutta a Roma, con le tante iniziative del progetto “I Love via Margutta” ideato dalla casa editrice “Progetto Editoriale Editions” patrocinato dalla Regione Lazio, da Roma Capitale e realizzato in collaborazione con l’Associazione Internazionale di via Margutta.
Nei tantissimi appuntamenti, che si sono succeduti durante la serata, riflettori accesi su l’arte, il design, l’antiquariato e il food. Per il mondo della moda di particolare rilievo il vernissage ideato da Grazia Marino che nella sua galleria P&G Events al civico 86, ha presentato in anteprima le nuove proposte della collezione “Petra” della design di gioielli Gaia Caramazza. Anelli, bracciali, collane, tutte creazioni handmade realizzate in bronzo e in argento abbinate alla cromaticità delle varie pietre e che vanno a completare le nuove parure che tanto successo hanno riscontrato nell’ultima edizione di AltaRoma.
Nuove anche le proposte moda del brand Asia Neri by Irene Mattei, creazioni nelle quali si fondono eleganza, estro e linearità, che puntano su quei dettagli che solo la tradizione artigianale sa offrire. Outfit sia d’alta moda “black&white” che della collezione, Kintsugi Collection, realizzata in tessuti naturali ed ecosostenibili come fibre di cotone 100%, mais e lino. Per l’occasione la giovane stilista senese ha creato tre “t-shirt” della linea #ItTimeTo, dedicate a via Margutta.
A completare le proposte che si sono potute vivere nella galleria della P&G Events i tattoo artistici ispirati alle decorazioni floreali della Primavera, gli interventi “Live” di RomEur Academy, le delizie della pasticceria Giovannetti di Roma e i vini spumanti brut dell’azienda vitivinicola CIU’ CIU’.
Grande riscontro di pubblico anche per il format fotografico “I Love via Margutta” che “Progetto Editoriale Editions”, ha riproposto sulla storica strada, un’iniziativa che dall’estate 2016 spazia nel web, con centinaia di persone che hanno continuato a farsi fotografare con l’oramai mitico claim. lo Shooting fotografico è stato curato dalla fotografa Sabrina Raschioni.

giovedì 23 marzo 2017

La Maison Gattinoni incontra gli studenti della prestigiosa Università Svizzera Glion



Glion Institute for Higher Education, è una prestigiosa Università Svizzera, che dispone di tre campus, due in Svizzera ed uno a Londra. Nata come centro studi dedicato al turismo e all’ospitalità ha negli anni ampliato la sua offerta formativa con nuovi corsi dedicati al management dei beni di lusso, come la moda, il design, l’orologeria, i gioielli.
In ogni ambito formativo l’Università compie costanti monitoraggi internazionali, per verificare quali siano i paesi da cui poter attingere i giovani che abbiano le capacità, il talento e le caratteristiche per essere ammessi a questo istituto. E per il corso di Luxury Brand Management l’Italia è stata ritenuta un bacino di provenienza interessante, perché i giovani italiani hanno capacità e attitudini molto vicine al mondo del management del lusso. Non solo designer e creativi, dunque, a quanto pare i giovani del Bel Paese sanno affermarsi anche nel management di ciò che è bello, innovativo e prezioso.
I recenti studi dell’Università di Glion hanno, infatti, rilevato che i giovani italiani hanno un particolare talento ed una attitudine naturale a saper valutare, riconoscere e gestire tutto ciò che è bello e prezioso. Il fatto di essere nati nella culla della creatività e di aver imparato, sin da bambini, a valutare, cercare e riconoscere la qualità e l’eccellenza conferisce loro un’attitudine naturale a imparare con maggiore facilità rispetto a coetanei provenienti da altri paesi le tecniche, le regole e l’impostazione che la gestione di un brand di lusso richiede nelle strategie di posizionamento internazionale.
Allo scopo di incontrare e individuare i potenziali futuri talenti del management, Glion ha organizzato a Roma per il 30 Marzo dalle ore 16 alle ore 20 un workshop/incontro, che avrà luogo presso l’atelier Gattinoni, cui potranno partecipare, dopo aver superato una selezione, 20 ragazzi tra i 18 e i 22 anni. Ideatrice e coordinatrice dell’evento è Simona Travaglini, da sempre attiva nelle attività legate alla moda, al lusso e alla charity.
Il programma del workshop, che sarà gratuito, prevede un incontro con Stefano Dominella, Presidente della maison Gattinoni e presidente della sezione tessile, abbigliamento, moda e accessori di Unindustria - l’Unione degli industriali e delle imprese di Roma, Frosinone, Latina, Rieti, Viterbo - una visita all’atelier della maison Gattinoni ed uno scambio di idee con un giovane designer italiano. Scopo del workshop, oltre ad identificare i giovani maggiormente motivati e idonei agli studi di gestione dei brand di lusso, quello di permettere loro di misurarsi in prima persona con una realtà storica e consolidata, mettendola immediatamente a confronto con la creatività ed i contenuti di un brand creativo e giovane.
In rappresentanza della Glion sarà presente Jini Heller, program leader del corso, che presenterà la specializzazione in Luxury Brand Management.

Stefano Dominella

martedì 21 marzo 2017

Scambio culturale tra l'Accademia d’Alta Moda e d’Arte del Costume Koefia di Roma e la JD International Design School di Bangalore in India



L'Ambasciata Indiana a Roma


Il 23 marzo alle ore 15.00 presso l'Ambasciata Indiana a Roma le studentesse della JD International Design School di Bangalore (India), alla presenza dell’Ambasciatore dell’India S.E. Anil Wadhwa, scelte per il progetto di scambio culturale tra l'Accademia d’Alta Moda e d’Arte del Costume Koefia di Roma e la JD International Design School di Bangalore in India, mostreranno il risultato del proprio lavoro all'Ambasciatore e ai suoi ospiti, descrivendo il percorso culturale dei due istituti e il risultato del progetto.
Saranno presentati per l’occasione 8 capi d’alta moda, uno per designer, una piccola collezione in cui lo stile italiano si fonde con la tradizione dei tessuti e dei colori dell’India.
L’iniziativa nasce per volere dell' JD International Design School indiano che ha creato uno specifico corso internazionale di moda, della durata di un anno, che prevede di svolgere l'ultimo mese di studi in Italia, presso l'Accademia Koefia.
Questa piccola classe di alunne scelte, ha seguito a Roma un corso/laboratorio di disegno di moda, modellistica e confezione d'Alta Moda coordinato da Sergio Milioni, stilista e docente dell'accademia Koefia.
Per preparare il gruppo di studentesse indiane al corso di moda in Italia, Sergio Milioni è stato in precedenza ospite in India per un breve seminario sulla modellistica del bustier.
Il progetto ha confermato la validità dello scambio per il futuro come piattaforma di lavoro comune tra docenti e studenti attraverso i corsi Bachelor&Master e i progetti a breve termine.
Partecipano oltre alle studentesse del corso: Mr. Nealesh Dalal, direttore della JD Institute of Fashion Technology, Mr. Zulfi Ali, responsabile dei corsi della JD; Bianca Cimiotta Lami, dell' Accademia Koefia; 
Tania Lippoli, docente Koefia, in sostituzione del Prof. Antonio Lo Presti, direttore didattico Koefia e di Sergio Milioni direttore artistico del Lab, presenterà il progetto.

giovedì 16 marzo 2017

Gran successo per l’opening della mostra di Lisa Tibaldi “Trama Aurunca” al Museo della Civilta’ di Roma.

Simona Borioni


Gran successo per l’opening della mostra “Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio”, che si è tenuto al Museo delle Civiltà, presso il Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari di Roma.
Madrina dell’iniziativa la splendida attrice Simona Borioni, che insieme all’ideatrice dell’iniziativa, la stilista Lisa Tibaldi, al Direttore del Museo della Civiltà Leandro Ventura e al Presidente del Parco Naturale dei Monti Aurunci Michele Moschetta, hanno accolto i numerosi ospiti intervenuti alla serata.
“Un’esperienza unica, dichiara Simona Borioni, sia per aver potuto ammirare da vicino dei manufatti artigianali unici: abiti, collane, bracciali, orecchini e borse, realizzati da Lisa Tibaldi attraverso la lavorazione dei filamenti della “Stramma”, una tipica pianta spontanea a cespuglio frondoso presente nell’area naturale protetta e sia per l’umanità incontrata negli artigiani del laboratorio di arti e mestieri del parco dei Monti Aurunci, che hanno prodotto e realizzato l’intero allestimento della mostra.
Suggestioni, colori, profumi, tutto questo è “Trama Aurunca” un progetto che sarà possibile visitare al Museo della Civiltà dell’EUR sino al 30 aprile, e che sin dà ora si prefigge di varcare il territorio nazionale per promuovere l’artigianalità made in Italy, attraverso il recupero delle tradizioni popolari di un territorio.







Grazia Marino, Antonio Falanga

Simona Borioni

Grazia Marino, Antonio Falanga

martedì 14 marzo 2017

Al Teatro Parioli Peppino De Filippo ritorna il format "Incontri con la storia, colpevoli o innocenti?", protagonista la grande scrittrice Oriana Fallaci




Oriana Fallaci


Mercoledì 15 marzo ritorna al Teatro Parioli Peppino De Filippo a Roma il format a cura di Elisa Greco "Personaggi e Protagonisti: incontri con la storia, colpevole o innocente?". Protagonista di questo primo appuntamento sarà la grande scrittrice Oriana Fallaci. Un vero e proprio dibattimento processuale che vedrà sulla scena dialogare, a braccio, magistrati, avvocati e personalità della vita civile in un confronto di tesi contrapposte tra accusa e difesa con il pubblico che sarà chiamato ad emettere il giudizio.
Per la prima volta nella storia delle edizioni del format, il processo intorno ad un personaggio si ripropone al giudizio popolare sia a Roma che a Milano anche se con capi di imputazione differenti “A dieci anni dalla morte della giornalista e scrittrice di fama internazionale - commenta Elisa Greco, autrice del format e dello spettacolo, - le sue idee, la vis polemica con cui le ha sostenute, la sua stessa forte personalità fanno discutere e sono più che mai al centro dell’ interesse culturale, come dimostrato dal forte richiamo di pubblico per questo processo sui generis “.
Di quali capi di imputazione Oriana Fallaci sarà giudicata colpevole o innocente? A renderli pubblici e condurre il processo come Presidente della Corte Giudicante sarà il noto magistrato Simonetta Matone sostituto procuratore generale presso la Corte d'Appello di Roma, mentre a sostenere l’accusa, come Pubblico Ministero sarà il magistrato Fabrizio Gandini, giudice del tribunale di Roma e nel ruolo di avvocato difensore interverrà Francesco Caringella, presidente di sezione del Consiglio di Stato. Sul banco dei testimoni, in contradditorio compariranno per l’accusa il giornalista e volto del TG1 Paolo Di Giannantonio, e la presidente di Confcultura e della Fondazione Industria e Cultura Patrizia Asproni, mentre per la difesa interverranno la giornalista del Corriere della Sera e scrittrice Emilia Costantini e il noto critico d’arte e creativo Angelo Bucarelli. Nel difficile compito di impersonare Oriana Fallaci, la giornalista Annalisa Chirico.
Quale sarà il verdetto del pubblico del Teatro Parioli Peppino De Filippo?
L’edizione 2016-2017 del format Personaggi e Protagonisti: incontri con la Storia ® Colpevoli o innocenti si avvale dei patrocini dell’Associazione Nazionale Magistrati sezione di Roma

lunedì 6 marzo 2017

Nel Concept Art Shop "Area Contesa Arte" a via Margutta a Roma la stilista Roberta Mucci presenterà la collezione "L’Altra Moda, mi riciclo"


Nel Concept Art Shop "Area Contesa Arte" in via Margutta 90 a Roma, martedì 21 marzo alle ore 18, in collaborazione con il brand “I Love via Margutta” promosso per riaccendere i riflettori sulla famosa strada romana conosciuta per storicità in tutto il mondo, verrà presentata la sfilata della collezione "L'Altra Moda, mi riciclo" della stilista Roberta Mucci.
Un nuovo evento in partnership con l’Associazione Culturale BDC Eventi in collaborazione con il team di Everyday srl, che porterà in tutta la storica via romana la magia di abiti realizzati con materiale di scarto.
La serata sarà accompagnata da un cocktail di benvenuto e dalle dolci note della musica dal vivo.
Il progetto L’ARTE DEL RICICLO, ha come finaltà la tutela dell'ambiente ecosostenibile, da cui è ispirata la collezione di abiti “L’Altra Moda, mi riciclo”, nasce dalla volontà di sensibilizzare l’opinine pubblica su tematiche che riguardano l’essere umano nella sua individualità ed il suo ruolo primario nella creazione di una nuova società, in grado di offrire il proprio contributo per il benessere della collettività. Roberta Mucci è una donna che ha avuto il coraggio di re-inventarsi, che ha dato valore alle sue intuizioni, riuscendo a coniugare la creatività artistica di designer, scoprendo e sviluppando il suo talento di stilista, con un tema sociale di notevole importanza per il bene comune, come quello dei rifiuti. L'associazione culturale BDC EVENTI di cui e' presidente la stessa Roberta Mucci, ha come obiettivo un rinnovamento originale e unico sotto il profilo culturale e ambientale: sensibilizzare le istituzioni ed intraprendere un percorso di educazione ambientale, sostenuta da quei comuni virtuosi che vogliono dare una spinta al problema dei rifiuti urbani tramite la comunicazione.
"Area Contesa Arte" non è una galleria nel senso più comune del termine, è un concetto che abbraccia l’arte a 360°, un Concept Art Shop dove l’arte non solo si compra ma si vive in tutte le sue espressioni. Con il suo approccio professionale e all’avanguardia vuole rilanciare l’arte a Roma, attestando la città tra le capitali mondiali dell’arte contemporanea.



PER LA PRIMA VOLTA INSIEME A ROMA I DUE PILASTRI DELLA MUSICA MADE IN USA: LEE RITENOUR & DAVE GRUSIN


LEE RITENOUR & DAVE GRUSIN


All'interno del Forum Music Village di Roma in Piazza Euclide, i famosi studi romani fondati dal M° Morricone nel 1969 e divenuti famosi in tutto il mondo per la oro prestigiosa storia e la perfetta acustica, si terrà uno straordinario evento internazionale, si terranno infatti nei giorni 26 e 27 marzo p.v. tre esclusive live session di due pilastri della musica made in USA. Il chitarrista Lee Ritenour, che torna per la seconda volta negli studios dopo il sold out dell’anno scorso, e il premio Oscar Dave Grusin, pianista jazz, arrangiatore e compositore di alcune tra le colonne sonore cinematografiche più celebri, saranno i protagonisti di tre concerti che ripercorreranno la loro migliore produzione.
Oltre alle performance live, che si svolgeranno in doppia rappresentazione, domenica 26 Marzo alle ore 19 e 21,45 e in serale lunedì 27 Marzo alle ore 21, i fan avranno l’opportunità di incontrare Lee Ritenour e Dave Grusin in occasione di due straordinarie Masterclass in programma il 27 Marzo, sempre all’interno dello spazio denominato “The Listener” (Studio A): la prima sulla chitarra elettrica (Lee Ritenour, ore 15), introdotta da Daniele Di Giovanni; la seconda sulla Composizione e Musica da Film (Dave Grusin, ore 17) che, coordinata dal compositore, musicista e direttore d’orchestra Massimo Nunzi, rappresenta un’occasione unica per esplorare a fondo la carriera del leggendario artista classe 1934.




Ritorna Gigi Proietti con il suo spettacolo "Cavalli di Battaglia"




Dopo il grande successo televisivo ritorna Gigi Proietti con il suo spettacolo “Cavalli di Battaglia”, martedi 18 aprile alle ore 21, nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica di Roma.
Lo spettacolo è a sostegno del servizio di telemedicina in Africa della Global Health Telemedicine del programma "Dream" della Comunità di Sant'Egidio
Gigi Proietti ripropone, con Cavalli di Battaglia, un excursus del proprio repertorio: popolare, drammaturgico, canoro, mimico, poetico, parodistico, comico , umano e multiculturale. Una contaminazione di generi che caratterizzano i suoi spettacoli e che sono gli ingredienti del suo grande successo. Un'occasione unica, dunque, per rivedere in scena l’artista poliedrico.
Sarà accompagnato da un’orchestra di 25 elementi diretti dal M° Mario Vicari, da un corpo di ballo, e da Marco Simeoli e Claudio Pallottini, attori del suo Laboratorio che da diversi anni partecipano ai suoi spettacoli. Ci saranno anche Susanna e Carlotta, le due figlie dell'artista, che sorprenderanno il pubblico con le loro qualità vocali e con la loro vis comica.
Cavalli di Battaglia sarà anche un'ottima occasione per festeggiare i 50 anni di carriera dell'artista.

venerdì 3 marzo 2017

“Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio” Il progetto di Lisa Tibaldi al Museo delle Civiltà di Roma



Il Museo delle Civiltà, presso il Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari, ospiterà dal 10 marzo al 30 aprile 2017, la mostra “Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio”.
L’iniziativa ideata dalla stilista Lisa Tibaldi e realizzata in collaborazione con il Parco Naturale dei Monti Aurunci, prende ispirazione dalla magica natura della catena montuosa del Lazio meridionale, un’area naturale protetta istituita nel 1997 e situata al confine tra le province di Frosinone e Latina.
Il progetto della mostra, concepito da Lisa Tibaldi, prevede l’esposizione di una serie di creazioni di moda e di design, realizzati attraverso la lavorazione dei filamenti della “Stramma”, una tipica pianta spontanea a cespuglio frondoso presente sui Monti Aurunci dal nome scientifico “Ampelodesmos mauritanicus”, utilizzata nei secoli per gli usi più diversi, dalle corde per le imbarcazioni alla produzione di ceste e cestini, fino all’arredamento per le case di campagna.
Grazie al suo “know-how” nel campo della moda e al supporto tecnico degli artigiani del laboratorio di arti e mestieri del parco, la stilista romana, tramite un percorso ben mirato, presenterà una serie di manufatti artigianali: collane, bracciali, orecchini e borse che ben si integreranno nelle varie aree del Museo delle Civiltà di Roma, uno dei Musei più esclusivi della capitale dove è possibile ammirare oggetti e testimonianze delle arti e delle tradizioni popolari che vanno dalla fine del XIX secolo alla prima metà del XX.
“In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso”, sosteneva Aristotele. La tradizione e la suggestione emotiva nel quale il progetto “Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio”, si identificherà e troverà la sua massima espressione nell’esposizione del quadro moda finale, due abiti scultura realizzati interamente in “Stramma”, due opere d’arte che avranno il privilegio di rappresentare a livello internazionale, i valori e l’essenza dell’artigianato Made in Italy.






L’Arte veste la moda in favore di “Casa di Alice”

OPERA DI TERESA CORATELLA


Un bel fiore può sbocciare anche da un terreno arido e roccioso. E’successo su uno dei tanti beni confiscati alle mafie in Campania, simbolo della rinascita sociale anticamorra, grazie al coraggio e alla caparbietà dei volontari della cooperativa femminile "Casa di Alice", made in Castel Volturno, sartoria sociale che mette insieme realtà multietniche, donne per metà italiane e per metà africane salvate dalla tratta, dove l’eterogeneità diviene punto di forza e l’immigrazione una risorsa.
Ideata e prodotta dall’Associazione First Social Life, su progetto di Teresa Coratella e Eleonora Penna, verrà presentata a Roma la prima mostra dal titolo “Per Aspera ad Astra”, una raccolta di opere di artisti contemporanei da cui sono stati tratti preziosi tessuti, attraverso la tecnica serigrafica, al fine di realizzare creazioni da sera di alta sartoria.
In mostra una quarantina di pezzi tra tele d’artista, modelli e abiti da sera.
L'inaugurazione avrà luogo giovedì 9 marzo p.v. alle ore 18.30 presso la Casa d’Aste Minerva Auctions con sede a Palazzo Odescalchi in Piazza SS. Apostoli 80.
L’iniziativa, che gode del patrocinio di Regione Lazio, Università E-Campus Facoltà della Moda e del Costume e del Real Sito di Carditello, in collaborazione con la Reggia di Caserta e HumanArt Gallery, non poteva che svolgersi nel corso della settimana dedicata alla “Giornata internazionale delle donne”.
Al progetto hanno aderito con entusiasmo gli artisti: Giancarlino B. Corcos, Claudio Bianchi, Tomaso Binga, Tommaso Cascella, Solveig Cogliani, Teresa & Rossana Coratella, Baldo Diodato, Jonathan Hynd, Francesco Impellizzeri, Adelaide Innocenti, Mark Kostabi & Tony Esposito, Adriano Maraldi, Nina Maroccolo, Fabio Nicotera, Gianfranco Notargiacomo, Mirko Pagliacci, Salvatore Pupillo, Nelio Sonego e Michele Principato Trosso.
Saranno presenti all’apertura dell’esposizione Sara Barberotti e Dina Signoriello di First Cisl, sostenitrici del progetto, insieme alla madrina della manifestazione l’attrice Maria Grazia Cucinotta, che per l’occasione indosserà l’abito realizzato con i tessuti tratti dall’opera di Cy Twombly della collezione Terrae Motus, gentilmente concesso dalla Reggia di Caserta.
La presentazione artistica è curata dal maestro Plinio Perilli, poeta e critico letterario, membro del comitato scientifico, che ha dichiarato: “Ecco che i diritti e i doveri dell’arte coincidono finalmente con quelli della vita, e le cicatrici d’esistenza diventano punti a croce, orli, imbastiture che trafiggono il cuore e lo risanano. Altro che quadri, corpi vestiti d’anima. Le installazioni siano anche anamnesi, fauste diagnosi, inesauribili cataloghi della coscienza".
Il catalogo della mostra e dei foulard d’artista saranno in vendita durante l’evento al fine di raccogliere fondi per sostenere il progetto. “Queste iniziative legate ad attività creative” - spiega la psicoterapeuta Maddalena Cialdella – “sono la porta per una seconda chance e un importante supporto per la reintegrazione e la transizione verso una nuova vita”.

MODELLO SU CARTA - PER ASPERA AD ASTRA

ABITO - PER ASPERA AD ASTRA

mercoledì 1 marzo 2017

Ritorna a Roma "Urban Mission Training"




Dopo il grande successo dell’anteprima mondiale, lo scorso 18 dicembre, “Urban Mission Training”, il primo fitness tour itinerante che consente di allenarsi tra i luoghi più belli della città, torna nella capitale con un nuovo ed eccitante percorso: dal Circo Massimo attraverserà il Parco della Caffarella, toccando il Colosseo, via dei Fori imperiali, piazza Venezia, piazza Navona, Campo dei Fiori, il Teatro Marcello, il Giardino degli Aranci, per concludersi al punto di partenza. 
“Lo sport dà alla vita un maggiore equilibrio psicofisico e l'arricchisce di serenità e coraggio”, così Gabriella Dorio, l’atleta italiana medaglia d'oro nei 1500 metri piani alle Olimpiadi di Los Angeles ’84, definisce l’attività sportiva. Parole fatte proprie da “Urban Mission Training”, il fitness tour mondiale organizzato da Plank-on!, l’azienda americana di abbigliamento sportivo con produzione rigorosamente made in Italy.
Dopo l’esordio del 18 dicembre e la seconda tappa a Napoli il 12 febbraio, il tour torna nella capitale il 4 marzo, con partenza alle ore 9.30 dal Circo Massimo, per attraversare di corsa i luoghi più belli e suggestivi del centro storico, sposando l’attività fisica alla contemplazione delle incomparabili bellezze artistiche della città.
“Urban Mission Training” è il primo evento itinerante al mondo di fitness all’aria aperta. Un insieme di attività sportive con diversi livelli di esercizio, praticabili da tutti per mantenere la forma fisica, che dopo Roma e Napoli proseguirà a New York, Nizza, Vancouver, San Francisco e molte altre città del mondo. Ciò che fa di “Urban Mission Training” un evento inedito è il fatto di svolgersi per le vie cittadine, secondo itinerari prestabiliti che attraversano luoghi di grande interesse artistico e architettonico.
Il tour del 4 marzo toccherà alcuni fra i più bei luoghi di Roma, quelli che tutto il mondo conosce e ammira, per una durata di circa 90 minuti. Dopo la partenza dal Circo Massimo, i partecipanti attraverseranno il Parco della Caffarella, toccando poi il Colosseo, via dei Fori imperiali, piazza Venezia, piazza Navona, Campo dei Fiori, il Teatro Marcello, il Giardino degli Aranci, per ritornare infine al Circo Massimo.
"Urban Mission Training - dichiara Gianluca Petrai, sales manager and development di Plank-on e personal trainer UMT - è nato con l’idea di portare nel mondo la nostra passione per lo sport, la nostra filosofia di vita…..e non a caso ”believe in your core™” è parte del nostro logo, perché solo credendo in te stesso potrai raggiungere i tuoi obiettivi e non solo nello sport. La vita ci riserva molte sfide e bisogna affrontarle con la giusta determinazione, la stessa che necessita qualsiasi tipo di allenamento. Plank-on! UMT vuole portare nel mondo proprio questa filosofia e far vedere con occhi diversi le bellezze che ci circondano che spesso non ammiriamo nel giusto modo. Tutto al ritmo della bella musica che scandisce i nostri momenti più belli. Enjoy your training…believe in your core!
"Urban Mission Training" è il nuovo allenamento urbano che fa il giro del mondo nelle più belle e caratteristiche città e consiste in un insieme di tecniche studiate per consentire agli sportivi di raggiungere il proprio obiettivo partendo dal concetto base che lo sport è salute. Una di queste tecniche è l’high intensity interval training (HIIT), traducibile in italiano come “allenamento a intervalli ad alta intensità”, una metodologia di allenamento che alterna periodi brevi ad alta intensità di lavoro con periodi di recupero attivo in cui si svolgono esercizi blandi.
Il percorso romano di "Urban Mission Training" è di 9 km e abbina la corsa alla camminata veloce, sfruttando i benefici degli allenamenti intervallati che hanno la caratteristica di agire sulla massa grassa, agli esercizi specifici svolti in tre distinte stazioni a intensità graduale: si raggiunge la prima stazione fissa di body wake con esercizi mirati al risveglio muscolare e alla preparazione del corpo in vista della stazione successiva, UrbanFeptyBand in cui si utilizzano innovative bende per lavorare sulla mobilità articolare e sulla flessibilità per ripartire e raggiungere la terza stazione di 3Kamp, un insieme di esercizi funzionali studiati per potenziare e aumentare la prestazione fisica.
Il format "Urban Mission Training" è adatto agli sportivi e l’allenamento che si esegue presso le stazioni fisse, pur essendo intenso, è adattabile alla propria preparazione e al proprio stato fisico. I tre trainer di "Urban Mission Training" sono sempre presenti per seguire i partecipanti e correggerli nell’esecuzione degli esercizi, dando anche preziosi consigli sulla nutrizione più adatta per sostenere opportunamente il corpo durante l’allenamento.
Partecipare a "Urban Mission Training" è un’esperienza di allenamento unica; chi lo ha provato ne ha confermato i benefici sia dal punto di vista fisico che emozionale ed energetico, due aspetti fondamentali nello sport, che richiede di credere in se stessi per spingersi oltre i propri limiti e raggiungere un risultato.
Per iscriversi a "Urban Mission Training" basta collegarsi al sito www.plank-on.com, sezione UMT, selezionare il luogo preferito e la data, quindi acquistare il biglietto al costo di 15 euro oppure pre-registrarsi scrivendo a info@plank-on.com e pagare sul posto. Per i tour che si svolgono all’estero sono disponibili dei pacchetti viaggio tramite l’agenzia convenzionata Plank-on!
Sempre in tema sociale, al tour romano parteciperanno le attrici che hanno posato per le fotografie della mostra “No
Violence” di Michele Simolo, contro la violenza sulle donne. Un modo per contribuire a stigmatizzare questo drammatico fenomeno.
E solidarietà rinnovata anche per la Onlus “Divento Grande”, che si occupa della inclusione sociale di bambini e ragazzi autisti, alla quale sarà devoluto parte del ricavato dell’evento.

Ad Altaroma le creazioni di Filippo Laterza


Il concetto dell'arte come mezzo di comunicazione più puro e spontaneo, ha ispirato lo stilista Filippo Laterza ad individuare dieci “Maestri” dell’arte contemporanea, a cui dedicare altrettante creazioni d’alta moda.
La moda non è arte finché non comunica un messaggio, un'idea, un'emozione. I mondi immateriali, affascinanti e magici di Sonia Delaunay, Georgia O'Keeffe, Tamara de Lempicka, Yayoi Kusama, Henri Matisse, Lucio Fontana, Kazimir Malevič, Gustav Klimt, Yves Klein, Vincent Van Gogh, hanno ispirato lo stilista dando vita ad abiti da sogno, per donne protagoniste e regine del proprio cuore, dove la creatività, l’estrema abilità artigianale e la sapienza esecutiva, sono riuscite a plasmare piccoli capolavori sartoriali, unici e inimitabili.
Dieci creazioni icone, realizzate in materiali preziosi come gazar di seta pura stampata a mano, tulle, taffetà, tessuti puri con lavorazioni, ricami, dipinti e patchwork, si sono potute nella prima giornata di Altaroma. Un vernissage eclettico e ricercato come il suo protagonista, nella strada più suggestiva e creativa di Roma, via Margutta, da sempre un luogo di residenza e passaggio privilegiato per artisti.
L’iniziativa, patrocinata dall’Associazione Internazionale di Via Margutta, si è tenuta in uno degli spazi storici di via Margutta, appunto, la Galleria d'Arte Marchetti, nella quale sin dal 1997 l’arte contemporanea è protagonista con i principali esponenti del settore.
“Questa Collezione la dedico a chi ha veramente creduto in me" - dichiara Filippo Laterza - “Grazie a tutti loro io e la mia arte ora esistiamo".
Il beauty designer Raffaele Squillace ha curato l’immagine delle modelle e Pietro Piacenti shooting fotografico.










Filippo Laterza