Pubblicità

domenica 31 marzo 2013

BUONA PASQUA!





La Pasqua è la principale festività del cristianesimo. Essa celebra la risurrezione di Gesù che, secondo le Scritture, è avvenuta nel terzo giorno successivo alla sua morte in croce. La data della Pasqua, variabile di anno in anno secondo i cicli lunari, determina anche la cadenza di altre celebrazioni e tempi liturgici, come la Quaresima e la Pentecoste.
Dal punto di vista teologico, la Pasqua odierna racchiude quindi in sé tutto il mistero cristiano: con la passione, Cristo si è immolato per l'uomo, liberandolo dal peccato originale e riscattando la sua natura ormai corrotta, permettendogli quindi di passare dai vizi alla virtù; con la risurrezione ha vinto sul mondo e sulla morte, mostrando all'uomo il proprio destino, cioè la risurrezione nel giorno finale, ma anche il risveglio alla vera vita.
La festa della Pasqua cristiana è mobile, e viene fissata di anno in anno nella domenica successiva alla prima luna piena (il plenilunio) successiva all'equinozio di primavera (per la Chiesa cade sempre convenzionalmente il 21 marzo, anche se l'equinozio astronomico può accadere il 20 o il 21 marzo). Dunque, nella Chiesa cattolica, la data della Pasqua è compresa tra il 22 marzo e il 25 aprile. Infatti, se proprio il 21 marzo è di luna piena, e questo giorno è sabato, sarà Pasqua il giorno dopo (22 marzo); se invece è domenica, il giorno di Pasqua sarà la domenica successiva (28 marzo). D'altro canto, se il plenilunio succede il 20 marzo, quello successivo si verificherà il 18 aprile, e se questo giorno fosse per caso una domenica occorrerebbe aspettare la domenica successiva, cioè il 25 aprile. È Pasqua bassa dal 22 marzo al 2 aprile, media dal 3 al 13 aprile, alta dal 14 al 25 aprile.
Il terzo giorno dopo la sua morte in croce Gesù risorge lasciando il sepolcro vuoto e apparendo inizialmente ad alcune discepole, per poi presentarsi anche agli apostoli e ad altri discepoli.
La Pasqua è preceduta da un periodo preparatorio di astinenza e digiuno della durata all'incirca di quaranta giorni, chiamato generalmente Quaresima, che nel rito romano ha inizio il Mercoledì delle Ceneri. Nella forma ordinaria del rito romano, l'ultima settimana del tempo di quaresima è detta Settimana santa, periodo ricco di celebrazioni e dedicato al silenzio e alla contemplazione. Comincia con la Domenica delle Palme, che ricorda l'ingresso di Gesù in Gerusalemme, dove fu accolto trionfalmente dalla folla che agitava in segno di saluto delle foglie di palma. Per questo motivo nelle chiese cattoliche, durante questa domenica, vengono distribuiti ai fedeli dei rametti di olivo benedetto (segno della passione di Cristo).
A Pasqua c'è l'abitudine di regalare uova di cioccolata. In realtà quest'abitudine è nata con il tempo, ma all'inizio si regalavano uova vere, con il guscio colorato, col significato di rinascita e che la vita rinizia.
.

mercoledì 27 marzo 2013

VITTORIO STORARO OSPITE DI TALKING IN IED






Uno dei più noti e importanti autori della fotografia cinematografica ospite del prossimo appuntamento con Talking IED.
Vittorio Storaro ha lavorato al fianco di grandi registi (Bernardo Bertolucci, Francis Coppola, Warren Beatty, Giuseppe Patroni Griffi, Giuliano Montaldo, Carlos Saura, Dario Argento) e ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui tre Premi Oscar per i film Apocalypse Now (1979, F. Coppola), Reds (1981, W. Beatty) e The Last Emperor (1987, B. Bertolucci). Tra i molti film ai quali ha lavorato, ricordiamo: Il conformista, Le orme, Ultimo tango a Parigi, One from the heart, Tucker, Dick Tracy, Piccolo Buddha, Goya.
Dal 1995 al 2004 ha insegnato presso l’Accademia Internazionale delle Arti e delle Scienze dell’Immagine di L’Aquila. È anche autore di una trilogia di libri intitolata Scrivere con la luce, in cui ripercorre le tappe fondamentali della sua carriera.
Da molti anni si batte perché sia riconosciuto agli autori della fotografia cinematografica il “diritto d’autore”. Sicuramente senza la scelta figurativa, luministica e cromatica di tutti i Co-Autori alla Immagine Cinematografica, la storia del Cinema non sarebbe la stessa che tutti conosciamo.
Il 18 aprile Vittorio Storaro nella sede IED Roma racconterà la sua personale visione, presentando in anteprima il libro “L’arte della cinematografia”, scritto da Bob Fisher e Lorenzo Codelli, organizzato da Gabriele Lucci, con la consulenza alla cinematografia di Daniele Nannuzzi, Vittorio Storaro e Luciano Tovoli.

http://www.ied.it/roma/home

STELLA JEAN OSPITE DI TALKING IED






Audaci, raffinate, vive, le collezioni di Stella Jean si riconoscono per quello stile inconfondibile che rende unici i suoi capi.
L’11 aprile la sede IED MODA di Testaccio, Roma, accoglierà la giovane e talentuosa fashion designer di origine italo-haitiana, ospite del secondo appuntamento di Talking IED.
Stella racconterà il suo percorso, le fonti di ispirazione e la propria vocazione creativa, elementi che l’hanno portata a coniugare due diversi approcci: uno si nutre del passato, delle tradizione, della sua terra, viaggiando tra colori, sapori e luoghi, l’altro guarda al futuro attraverso la sperimentazione.
Stella Jean inizia a lavorare nel mondo della moda sfilando come modella per Egon Von Furstenberg, scoprendo però ben presto la sua vera vocazione creativa. Nel luglio 2011 si è distinta tra i vincitori del prestigioso concorso Who’s On Next. Da allora le sue collezioni continuano a ricevere l’apprezzamento di stampa e buyer internazionali. Nel settembre 2012 ha debuttato a Milano durante la Fashion Week, con una sfilata carica di emozioni organizzata in collaborazione con White.
Il mood raffinato e prezioso di Stella Jean trae continua ispirazione dalla sua multiculturalità che si traduce nella filosofia “Wax & Stripes Philosophy”, sua vera e propria cifra stilistica.
I suoi capi, venduti nei più importanti fashion store di tutto il mondo e indossati dalle donne più eleganti, sono una personalissima interpretazione di stile senza tempo.

http://www.ied.it/roma/home

martedì 26 marzo 2013

IO C'ERO...


Non sono una che va alle manifestazioni, non mi piacciono particolarmente le piazze, ma qualche giorno prima ho ricevuto da un mio amico un messaggio nel mio cellulare: tutto organizzato, postazione e incontro con gli amici in comune. Allora mi sono convinta ad andare, sapendo, anche, che la mia presenza per me era fondamentale, io come donna di destra mi sentivo offesa dall'Annunziata e poi dopo tutti questi anni nei quali sono stata insultata per le mie idee ho sentito una spinta di orgoglio che mi obbligava ad essere li, insieme a tutti quelli come me, che siamo stati infangati per anni, insieme a colui che abbiamo scelto di governarci. Lo ha fatto egregiamente, gli altri possono dire ciò che vogliono, ma questa è la mia idea. Non dimentico i nostri militari rapiti e il suo impegno per salvarli, la sua presenza costante in mezzo alla gente quando c'era stata una calamità, non dimentico i suoi interventi in Tv, nei quali non si è mai tirato indietro dalle accuse, ma ha sempre cercato di spiegare, sempre nella maniera più semplice, perché è anche questo che lo fa grande, il suo modo di comunicare e farsi capire da tutti. Io penso che uomini politici come lui ce ne siano stati pochi, in Italia sono sicura che sia l'unico. Un uomo con grandi capacità e per questo temuto, deriso, ostacolato e cercato in tutti i modi di farlo fuori. "Molti nemici tanto onore" si dice, e penso sia vero. Ma in mezzo a tanti nemici ci sono tanti italiani che lo amano. Questo ho visto sabato 23 marzo a Piazza del Popolo, una piazza gremita di gente, gente onesta, con ancora gli ideali, gente vera che crede nei valori della famiglia, della libertà, della giustizia, dell'amore per il nostro paese, dell'onore, gente fiera di essere italiana, per quello che siamo, con tutti i nostri difetti, ma anche con tanti pregi. Allora queste cose riconosciamole, specialmente quando fuori dall'Italia si permettono di attaccarci. Nessuno è migliore rispetto ad un altro. Gesù disse " chi è senza peccato scagli la prima pietra" e noi siamo tutti peccatori. Voglio solo dire che io mi sono sentita felice, ho visto un uomo pieno di entusiasmo e la folla che lo acclamava. Uno spettacolo di politica che poche volte si vede, io c'ero, l'ho vissuto e lo posso raccontare, posso dire che un grande uomo ha parlato ad una grande folla e ha dato speranza ad un popolo agonizzante, ad un paese in recessione, un paese che vive una grave crisi. Abbiamo bisogno di uomini così, noi ce lo abbiamo e ce lo dobbiamo tenere caro, è l'unico che ci da la speranza di continuare, di non perdere i nostri valori, quelli veri che mi hanno inculcato i miei genitori e che non ritrovo nella sinistra. Io c'ero, e sono orgogliosa e fiera!

lunedì 25 marzo 2013

DUBAI FASHION SHOW


Molto è stato detto e scritto sulla moda, ne hanno ragionato letterati, poeti e sociologi, ne parlano consumatori, creativi, giornalisti ed imprenditori, eppure, come ogni argomento che tocchi la sensibilità e il gusto di ogni individuo, sembra che tutto e il contrario di tutto si possa ancora dire. Scrive, l'esperto di comunicazione Ugo Volli  "quando ci mettiamo un abito diciamo quello che siamo, e gli altri lo capiscono". Vestirsi è scrivere la propria identità sul corpo, comporre frasi secondo una grammatica pubblica e facilmente decifrabile. L'abito è uno dei molti sistemi di comunicazione non verbale, ma che risulta altrettanto efficace. La moda può infatti parlare "sotto voce", ma provocare sensazioni forti e roboanti. Su una cosa siamo tutti d'accordo, lasciar parlare le immagini! Questo è quello che è previsto nella serata di sabato 13 aprile dalle ore 20.30, per un GALA' di moda e spettacolo, nell'avvolgente location, da poco inaugurata, del DUBAI PALACE di Roma, dove ogni angolo rimanda all'eleganza ed al fashion. Splendide modelle sfileranno in passerella con le creazioni di emergenti ed affermati stilisti.

Femminilità e raffinatezza per la sera, o per un cocktail, in linee morbide e scivolate, esaltate dai colori decisi e dai tessuti lucenti per MARIAELENA DUENAS CESPEDES, stilista, modellista e sarta sudamericana, che veste una donna sicura di se e a proprio agio, anche nelle grandi occasioni.

Sorprendente "l'arte antica in chiave contemporanea"  dei capi lavorati a tricot di ROSJ MADDALENA, in arte "LE CREAZIONI DI ROSJ", che con i famosi ferri della nonna, realizza pezzi unici, modelli originali, accostando filati pregiati dai colori estrosi.
Si farà notare l'eleganza avvolgente dell'abito lungo, che scivola sul corpo, delineando la sinuosità delle forme, in uno slancio di colore deciso e forte, della collezione di ANGELA GUIDI, toscana, emergente, più che mai determinata nel suo percorso di moda.
Quando la creatività diventa un gioco di allegria e fantasia, nascono degli abiti da ballo per il tango, dalle sapienti mani dell'atelier di STEFANIA CAVALIERI, che unitamente presenta anche intriganti abiti da sera, e per vestire il giorno più bello ed importante per una donna propone i suoi  abiti da sposa, avvalendosi di tecniche sartoriali antiche e moderne.
Il giovane talento IVAN DONEV vive il connubio tra manualità artigiana, arte e ricerca tecnologica, apportando una energia che si trasforma in emozioni da indossare. Ludiche provocazioni per una donna sofisticata, che ama osare e sedurre senza dimenticare l'eleganza.
IL brand CLEMSA, è un'idea di Sabrina Clementi, giovane architetto designer, che trasforma i materiali, le superfici tessili, attraverso intrecci ed incastri, in vere architetture. Ne nascono accessori artigianali, (con tanto di brevetto) come borse e pochette di forte impatto visivo, stimolo per la curiosità e immancabili per chi ama il dettaglio originale.
Bellezza ed eleganza, non possono sottovalutare la forza ammaliatrice di un bijoux, la luce che può regalare, l'originalità che può sottolineare. Questo è quello che IL MELOGRANO, laboratorio di ceramiche artistiche e bijoux, di Viviana Tortora, offre: una liaison tra i più preziosi amici del fascino, collane, anelli e bracciali artigianali, oltre a pezzi unici in ceramica.
Nell'evento non mancheranno i contributi artistici degli ospiti che fanno parte del panorama dello  spettacolo, come l'attrice ANNALISA AGLIOTI, che ci farà sorridere con il suo personaggio della "moglie modello", già molto apprezzata nel programma televisivo "COLORADO" e MAGO MANCINI, attore e comico, che miscela sapientemente il Cabaret alla Magia, senza mai sconfinare nel banale e nel già visto. Insieme reciteranno in un esilarante spettacolo teatrale dal titolo "Come Houdini" dal 16 al 28 aprile, in scena a Roma.
Ma quando si parla di moda, non si può dimenticare, a distanza di più di mezzo secolo dalla scomparsa, l'affascinante Marilyn Monroe, che continua a far parte del nostro immaginario, come sex symbol senza tempo, incarnazione dello spirito hollywoodiano, fenomeno pop, icona di stile e seduzione. Ce ne parla la scrittrice, autrice e regista, ELISABETTA VILLAGGIO, che ha ereditato dal padre PAOLO VILLAGGIO, la passione per la scrittura e le arti visive. Con il suo libro "Marilyn, Un intrigo dietro la morte", percorre le varie fasi della vita dell'attrice, simbolo di bellezza e di infelicità, avanzando l’ipotesi di una morte non da suicidio, dati i rapporti intrattenuti con persone di primissimo piano.
Saranno presenti le telecamere di RETE ORO, in quanto la serata andrà in onda nel programma ZTL, le telecamere di DIVE E DIVI TV e le telecamere del VIVIROMA TV di Massimo Marino.
Inoltre, il Media Partner, la rivista "SPOSA MODERNA", "UNICA COME TE", ospiterà nelle pagine, un servizio dedicato all'evento.
Grande importanza riveste l'ausilio e il supporto di "PULSAZIONI PORTUENSE", centro dedicato alla cura e al benessere del corpo, che tra i servizi forniti, si avvale del metodo di fotoepilazione, basato sulla luce pulsata intensa.
La serata sarà affidata alla pluriesperienza di LIANA AMICONE, ormai una garanzia dell'intrattenimento, mentre alla regia la meticolosità del principe IDRISSI AZZOUZI ABDALLAH. 

venerdì 22 marzo 2013

LA PRIMAVERA




Se non hai visto arrivare la primavera alzati, apri gli occhi, cercala fuori e dentro di te!

Spaventa la tristezza. Cacciala via!
Non fermarti a guardare il passato, la noia, la nostalgia, l’apatia…
Ricordati che non comincia dalla gente
la ricerca della felicità,
Ricordati che molti nella vita ti deluderanno, ti feriranno,
ti scorderanno, tu non fermarti per questo. Avanza, vai oltre!
e soprattutto ricorda che la vera gioia è in TE!
Non aspettarti nulla da nessuno, ma aspettati tutto da te!
Lascia che arrivi anche nel tuo cuore la PRIMAVERA!
Anna Pianura

PRIMAVERA



E' Primavera, la bella e profumata stagione che tutti aspettano. Fioriscono i prati, gli alberi e cantano gli uccelli. Arrivano da lontano le rondini che accompagneranno il primo mattino con il cinguettio dei nuovi nati e ci rallegreranno la sera con il loro canto alla ricerca del cibo prima del calar della notte. Esplode il buonumore fra gli uomini. Le donne sfoggiano abiti nuovi, leggeri, colorati e più scollati.
La vita prende un rinnovato ritmo, tutto è poesia ammantata di aria tiepida e tanto sole!

TALKING IED



Talking IED è il ciclo di conferenze pubbliche, organizzato dall'Istituto Europeo di Designer di Roma, con personaggi del mondo della cultura e delle professioni creative.
L'edizione 2013, come gli altri eventi che scandiscono l'anno accademico, celebra il quarantennale della sede IED Roma, che dal 1973, anno di apertura della prima sede in via dei Fori Imperiali, ha formato circa diecimila creativi che oggi ricoprono posizioni di prestigio in realtà di fama nazionale e internazionale.
L'ospite del primo appuntamento, avvenuto ieri 21 marzo, è stato Andrea Guerra, Chief Executive Officer di Luxottica. Dal 2004 guida l'azienda leader nel design, produzione, distribuzione e vendita di occhiali di fascia alta, di lusso e sportivi. In questo incontro di apertura l'amministratore delegato di Luxottica ha spiegato il design da un punto di vista opposto a quello dei creativi, svelando quanto pesano le idee, la creatività, l'innovazione tecnologica e formale, nel determinare il successo o il fallimento di un prodotto. Guerra ha spiegato come dietro ogni prodotto non c'è solo la creatività che ha fatto nascere l'articolo, ma una molteplicità di fattori radicati nell'azienda che li prospetta, li realizza e li diffonde e una serie di dinamiche imprevedibili del mercato, spesso nascoste dietro l'oggetto pensato e consumato.
Andrea Guerra allo IED, dunque, per mettere in secondo piano il design, proprio dove lo si insegna e trasmette da quarant'anni, ed inquadrarlo in un contesto che va compreso a fondo, per dare alle idee, alle visioni e ai progetti dei creativi ancora più forza ed efficacia.
All'incontro è seguita la degustazione offerta da "Birreria del Borgo", un'ottima birra artigianale prodotta a Borgorose, in provincia di Rieti, dalla passione del biochimico Leonardo Di Vincenzo che ha saputo realizzare uno stile basato su qualità, creatività e innovazione. Solo per veri intenditori!
I prossimi appuntamenti di Talking IED sono:
Stella Jean, 11 aprile ore 18,30, sede IED via Giovanni Branca, 122
Vittorio Storaro, 18 aprile ore 18,30, sede IED via Alcamo, 11
Fausto Colombo, 9 maggio ore 18,30, sede IED via Giovanni Branca, 122







Andrea Guerra

mercoledì 20 marzo 2013

STELLA JEAN AD ALTAROMA ALTAMODA



Un élan peculiare distingue questa giovane stilista emergente nata a Roma e di origini Caraibiche, che, nella moda porta ciò che la moda le ha insegnato. Dal suo trascorso di indossatrice trae una singolare preparazione tecnica.
Ore di fitting, shooting di prove di sartoria, back-stage frenetici e creatori snervati, hanno contribuito alla formazione "sul campo". Una tradizione familiare votata all'Illuminismo estetico; ha fatto il resto.

Una formazione che l'ha portata ad essere una delle vincitrici del concorso patrocinato da AltaRoma e Vogue Italia 'Who's on Next'.

Il suo stile riflette ed evoca la sua ereditè Creola in cui si fondono le culture del vecchio, e la verve del nuovo continente e gli opposti si sposano in una femminilità conscia della sua preziosa unicità. Attraverso le linee della alta sartorialità artigianale italiana, vibrano i battiti di una sensuale eleganza, altera e consapevole; ergo, mai ostentata.

Non cercate un fil rouge nelle sue collezioni, poiché esse sono riflessi di vita che dallo sfaccettato vissuto attingono ispirazioni, che, variano nella loro naturale evoluzione. Essendo noi tutti; "Uno, nessuno e centomila", la moda sarà di conseguenza il raccordo creativo e coerente di questo stato dell' anima che varia sempre nello sforzo di rimanere se stesso. Stella ha la particolarità di approcciarsi alla creazione degli abiti, in maniera diretta, saltando quindi il passaggio del disegno.
Sposando così, il pensiero di Vionnet per cui è indispensabile drappeggiare, e, in qualche modo plasmare, l'abito direttamente sul corpo, poiché: "avendo il corpo tre dimensioni non ci si può affidare alla carta".
La creazione è un'esperienza che passa attraverso il tatto, il fruscio e l'odore distinto, che, ogni singola stoffa produce, e determina fra questa ed il suo interlocutore uno scambio inaspettato.
La sua sfilata ad AltaRoma AltaModa un tributo ai colori, alla creatività, all'insegna di una moda da "osare". Bellissime le acconciature, grosse trecce raccolte intorno alla testa, tipiche del nord Europa, abilmente realizzate dal famoso team di Carlo Pinca hair stilyst. Gli abiti delle vere e proprie opere d'arte. Un talento di quelli che se ne vedono pochi nelle passerelle. Il suo stile esce dai canoni tipici della moda italiana, più sobria. La sua bravura è fondere diverse culture che fanno nascere questo insieme di capolavori particolarissimi. Grande stilista che ha colpito e stupito tutta la platea dell'AltaRoma.
















martedì 12 marzo 2013

ALTAROMA ALTAMODA, RENATO BALESTRA COLLEZIONE PRIMAVERA-ESTATE 2013






Magico, intramontabile e fonte di ispirazione, il blu Balestra è il protagonista assoluto della collezione di Alta Moda primavera-estate 2013.
Renato Balestra dedica tutta la sfilata al colore vedette delle sue collezioni, esaltandolo a tal punto da escludere tutti gli altri colori, ad eccezione del bianco, che abbinato al blu Balestra lo enfatizza rendendolo ancor più eclatante.




Questa è una collezione elaborata nella concezione e nel sapiente e meticoloso lavoro di alta sartoria, volutamente controllato nell'esprimere l'eleganza e il glamour, che pone il colore come tema centrale di uno stile.
Negli abiti da cocktail e da sera il bianco e il blu Balestra si intrecciano e si fondono a volte in drammatici contrasti, rendendo ancor più seducenti i modelli della collezione.
Il "fiordaliso", fiore scelto per il suo particolare tono di blu, è presente in quasi tutta la collezione: sottolinea scollature ed enfatizza gli orli a petali, a lancia, intagliati e frastagliati come i suoi petali.
La sera si conclude con "l'abito fiordaliso", interamente e preziosamente ricamato nello stile Balestra e nelle mille sfumature del blu, e prelude ad una sposa in leggerissimo tulle bianco, estremamente romantica, vaporosa e spumeggiante, come una coppa di champagne.




venerdì 8 marzo 2013

OTTO MARZO FESTA DELLA DONNA



Oggi è la festa della donna e come tanti altri 8 marzo trascorsi mi verrebbe da ripetere le stesse cose, le cose di sempre, perchè? Perchè evidentemente le cose non cambiano. Inutile dire che non mi piace vedere questa ricorrenza importante che si trasforma ogni anno come una banale festa nella quale le amiche, da sole, possono andare tutte insieme a cena fuori, o a divertirsi ad uno spettacolo di streaptease. Ripetere che non mi piace la strumentalizzazione, il consumismo delle tante mimose che si vendono ad ogni angolo di strada e non solo. Ripetere che la donna deve essere rispettata sempre, nel lavoro e come donna. Ripetere che la violenza sulle donne aumenta sempre di più. Non c'è un benedetto giorno che io non legga in un giornale di una donna uccisa o stuprata. Non lo voglio ripetere, sarà che oggi non ho la forza perchè ho la febbre, sarà perchè ho appreso della morte di un mio amico, sono già abbastanza triste per aggiungere tristezza alla condizione della donna oggi, allora vi regalo queste bellissime parole dedicate alle donne:


Ci sono donne che camminano controvento da una vita...
Ci sono donne che hanno occhi profondi e sconosciuti come oceani...
Ci sono donne che cambiano pelle per amore...
Ci sono donne che donano il loro cuore, per poi ritrovarsi a raccattarne i cocci da sole...
Ci sono donne che in silenzio fanno ballare la propria anima su una spiaggia al tramonto...
Se ti fermi un istante le puoi sorprendere, mentre lottano contro il proprio istinto...
Mentre fanno passeggiare il proprio dolore a piedi
nudi, affrontando onde che ad ogni mareggiata sono sempre più minacciose...
Ci sono donne che chiudono gli occhi, ascoltando una musica lenta,
che rende ancora più salate le loro lacrime...
Ci sono donne che con orgoglio ma con il nodo in gola, rinunciano alla
felicità...
Ci sono donne che con i loro occhi fotografano quegli splendidi ma così fugaci attimi in cui si sentono abbracciate dall'amore, sperando di mantenerli vivi e colorati per sempre...
Se apri gli occhi un istante le puoi osservare, mentre disseminano briciole di se stesse lungo il percorso verso quel treno che le porterà via, mentre urlano la loro rabbia contro vetri tremolanti di una casa diventata prigione...
mentre sorridono di disperazione a chi le vorrebbe far tornare alla vita di sempre...
Ci sono donne che non si fermano davanti a nulla... perché non troveranno mai la fine di quel filo...
Ci sono donne che hanno fatto un nodo per ogni loro lacrima, sperando che arrivi qualcuno a scioglierli...
Non fermare il cuore di una donna, niente vale di più.
Non far piangere una donna, ogni lacrima è un po' di lei stessa che se ne va...
Non farla aspettare da sola ed impaurita seduta sul confine della pazzia
e se la vuoi amare, fallo davvero,
con tutto te stesso!
Stringila e proteggila... lotta per lei,
piangi con lei, donale il più bel raggio di sole,
ogni giorno tieni sempre accesa quella luce nei suoi occhi,
quella luce è speranza, è amore, è puro spirito. É vento, è la più bella stella di qualsiasi notte...
Chiara De Felice

lunedì 4 marzo 2013

L'ARTE DEL RICICLO


Presso il Mitreo Arte Contemporanea, il 2 marzo l'Associazione Culturale BDC EVENTI, in collaborazione con ZETEMA e il Comune di Roma, ha presentato l'evento: "L'arte  del riciclo", dove il tema del riciclo è stato il protagonista della bellissima serata. All'interno del Mitreo è stata allestita la mostra fotografica della nota agenzia BDC foto & video, dove sono state rappresentate le foto degli abiti della stilista Marina Mucci, fatti per l'appunto con materiali considerati di scarto.



































Successivamente, ha avuto luogo l'esibizione del gruppo musicale "LA BANDA BABELE" composta da bambini, diretta dal maestro Francesco Davia, che ha suonato esclusivamente con materiale da riciclo. La serata è poi terminata con la spettacolare sfilata di moda; gli abiti, particolarissimi, sono stati creati con componenti di  Personal Computer, lattine, cannucce, carte da gioco e buste della spazzatura, ecc. dalla creativa Marina Mucci che ha prestato il suo talento per la sensibilizzazione sul tema ambientale,  utilizzando materiali altrimenti buttati via,  e creando così delle vere e proprie opere d'arte.