Pubblicità

sabato 30 maggio 2015

"Questo sole ti proteggerà" l'ultimo libro di Silvana Giacobini



Silvana Giacobini scrittrice, direttrice di giornali e opinionista, ha presentato assieme a Gennaro Sangiuliano, vice direttore TG 1, presso la libreria "Arion" in piazza Montecitorio a Roma lo scorso 29 maggio, il suo ultimo avvincente romanzo giallo: "Questo Sole ti proteggerà", della Cairo Editore. E' il quinto thriller per la poliedrica Silvana Giacobini, ormai sempre più raffinata scrittice di noir, con il quale coinvolgerà i suoi numerosi lettori in una appassionante ed intrigata storia.
La protagonista del romanzo, giovane scrittrice Margot Amati, cerca tranquillità e riposo, e decide di recarsi in una località vicino Chiavari, ed è qui che la scrittrice indagando al costo della vita, scoprirà l'esistenza di una antica setta ancora attiva e di un gruppo di "colletti bianchi", che hanno le mani in pasta nelle grandi opere del nostro paese. La protagonista del libro, Margot, porterà alla luce una nascosta ed incredibile verità...Il resto e il finale di questo bellissimo libro lo lascio scoprire a voi lettori.
Alla presentazione tra gli ospiti ad applaudire l'autrice: Roberto D'Agostino, Laura Biagiotti, Enzo Delia, Sara Iannone, Laura Azzali Tomaro, Maria Teresa Stabile , Ugo Mainolfi, Carmia De Ninnis.

Silvana Giacobini

Roberto D'Agostino, Silvana Giacobini

Sara Iannone, Silvana Giacobini

mercoledì 27 maggio 2015

La stilista Sabrina Persechino ospita il party:"Pitza e Datteri….Champagne"


Dopo il successo riscontrato a Cannes, arriva a Roma il film "Pitza e Datteri" del regista Fariborz Kamkari. In occasione della prima nazionale, la stilista Sabrina Persechino, che ha realizzato i capi per l’attrice protagonista Maud Buquet, ospita il party:"Pitza e Datteri…Champagne" presso il suo atelier in via dei Magazzini Generali, 20/A di Roma giovedì 28 maggio alle ore 22:30.
All’evento, organizzato dal tredsetter Eduardo Tasca, sarà presente il regista Fariborz Kamkari, l’intero cast del film e celebrities del mondo della moda, del cinema e dello spettacolo, tra cui Sergio Valente, Tosca d’Aquino, Massimo Martino, Elena Aceto di Capriglia, Daniela Ciancio, Premio Oscar de “La Grande Bellezza”.
Musica dal vivo e DJ Set intratterranno gli ospiti in una serata divertente e glamour, dedicata a un film dai temi decisamente attuali, tra cui l’integrazione multiculturale.
Il film Pitza e Datteri è prodotto da Farout Films Srl, Adriana Chiesa Enterprises Srl, Aceh Srl; distribuzione italiana Bolero Film, distribuzione estera Adriana Chiesa Enterprises srl.


sabato 23 maggio 2015

ALLA CAMERA DEI DEPUTATI VA IN SCENA LA CONTRAFFAZIONE. “TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO"



L’emergenza contraffazione va in scena a Montecitorio. Per la prima volta, la Camera dei Deputati ospita uno spettacolo di teatro civile dedicato ai “falsi”, a testimonianza di un’urgenza sociale ed economica che deve essere contrastata partendo dalla cultura della legalità e dal consumo consapevole.
“TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO”, il primo spettacolo di teatro civile anticontraffazione mai realizzato, interpretato da Tiziana Di Masi, sarà rappresentato a Roma, nella sala della Regina di Palazzo Montecitorio, martedì 26 maggio con inizio alle ore 16.30. L’organizzazione è a cura di Camera Eventi. Ingresso su invito. Sarà presente l’on. Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera dei Deputati.
Si tratta dell’81.ma replica per lo spettacolo, che ha debuttato il 4 ottobre 2013 a Venezia (teatro Goldoni), per poi essere rappresentato nelle principali città italiane tra teatri, piazze, convegni e spiagge. La rappresentazione nei massimi ambiti istituzionali costituisce un traguardo e, al tempo stesso, un punto di partenza per un'azione più efficace contro la contraffazione, partendo dai concetti contenuti in “TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO”. La repressione c'è, ma non può bastare. La risposta all'economia illegale delle mafie, che gestiscono il business dei “falsi”, deve partire “dal basso”, tutelando attraverso il consumo consapevole quelle produzioni che creano ricchezza diffusa e lavoro regolare. È un messaggio che dalla società sale alla politica, affinché sia in grado di tutelare i consumatori approvando leggi che impongano informazioni corrette sui prodotti e che difendano, partendo dall'Europa, il nostro marchio più contraffatto: il made in Italy.
Tiziana Di Masi, tuttora in scena con Mafie in pentola. Libera Terra, il sapore di una sfida (185 repliche in quattro anni), indaga per la prima volta, con il suo teatro civile e d’impegno sociale, il business della contraffazione a 360 gradi, gli ambiti in cui il “falso” prospera (agroalimentare, moda, farmaceutica, meccanica, audio/video ecc) e assicura utili alle mafie che lo gestiscono.
“Le oltre ottanta repliche già rappresentate di TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO”, afferma Tiziana Di Masi, “hanno moltiplicato il consenso a un’iniziativa di cui finalmente si sente necessità. Con questo spettacolo voglio comunicare i danni sociali causati dalla più subdola e redditizia attività delle mafie. È subdola perché mascherata da una presunta accettabilità sociale che va invece scardinata alla base, comunicando alle persone che comprano il falso perché non lo ritengono un fatto grave, oppure perché sono convinti di dare un aiuto a chi lo vende – ultimo anello della catena, vittima del commercio di falsi –, chi ci guadagna davvero: le mafie”.
Ideato e scritto dal giornalista Andrea Guolo, il progetto TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO semina cultura della legalità partendo dal confronto con un pubblico consapevole per trasmettere il senso del Made in Italy non solo nell’ottica economica o in termini di valorizzazione di brand, ma anche come scelta di campo per difendere il valore della comunità, la salute, la sicurezza dei consumatori, la legalità. Obiettivi condivisi da un gruppo sempre più vasto di soggetti istituzionali, a partire da coloro che hanno deciso di sostenerne la produzione: Regione del Veneto-Assessorato all’Agricoltura e Tutela del Consumatore, tavolo congiunto Sistema Moda Veneto e principali Associazioni dei consumatori del Veneto. A questi si sono aggiunti importanti patrocini nazionali e internazionali: Commissione Europea, Ministero dello Sviluppo Economico, Anci, Indicam, Agenzia delle Dogane, Ancc/Coop, Cgil, Cisl, Uil, Libera, Arci, Consorzio di Tutela del Parmigiano Reggiano Dop, Confartigianato Imprese, Cna Federmoda, Confcommercio, Confesercenti, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Grana Padano Dop.
La produzione, diretta dal Centro di produzione vicentino La Piccionaia, è l’esito di un percorso artistico complesso, frutto di un lavoro d’inchiesta approfondito. TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO pone l’accento sulla nocività per la salute della quasi totalità degli oggetti contraffatti – dai giocattoli all’abbigliamento fino ai prodotti alimentari e ai farmaci – e sull’esistenza di una “filiera del dolore” di cui ciascun cittadino/consumatore diviene parte (e complice) nel momento in cui sceglie di acquistare un bene contraffatto, alimentando il business delle mafie che su di esso prosperano. Inoltre questo progetto pone l’accento sul danno economico diretto che impatta sulle comunità. Il giro d’affari della contraffazione, che soltanto in Italia è stimato a 6,5 miliardi di euro, sottrae infatti 110 mila posti di lavoro regolari all'anno e, nel mondo, costringe 115 milioni di bambini sotto i 14 anni a lavorare invece di andare a scuola.
Nelle piazze italiane, nelle aziende e nei teatri, nei luoghi del confronto sociale ed economico del Paese, si stanno consumando, attraverso lo spettacolo, veri e propri processi di informazione e sensibilizzazione. Attraverso la forza divulgativa ed emozionale di una proposta teatrale dal taglio ironico, pungente, ma vero, TUTTO QUELLO CHE STO PER DIRVI È FALSO coinvolge consumatori, imprenditori, forze sociali e istituzioni sull’urgenza di un intervento mirato alla soluzione di un fenomeno che ha ripercussioni sociali sempre più pesanti. Un’opera che parla alle coscienze, perché acquistare un falso significa finanziare le mafie, affossare l’economia e distruggere lavoro regolare.

PROSSIME DATE

11 giugno: Gubbio (Pg)

12 giugno: Caorle (Ve)

13 giugno: Padova

14 giugno: Lusia (Ro)

27 giugno: Baveno (Lc)

Info: www.tuttofalso.org

mercoledì 20 maggio 2015

“ CULTURA – CREATIVITA’ – IMPRENDITORIA : MAKING A DIFFERENCE THROUGH LEADERSHIP AND ACTION “

Musei Capitolini

La FIDAPA BPW ITALY DISTRETTO CENTRO ( FEDERAZIONE DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI) organizza venerdì 22 Maggio 2015 dalle ore 15.30 alle 18.30 nella prestigiosa Sala Pietro Da Cortona del Campidoglio a Roma il convegno: “CULTURA–CREATIVITA’–IMPRENDITORIA: MAKING A DIFFERENCE THROUGH LEADERSHIP AND ACTION".
Al convegno interverranno, oltre alle più alte cariche FIDAPA, il direttore dei Musei Capitolini Dott. Claudio Parisi Presicce, la direttrice del MAXXI Giovanna Melandri, l’Ass. Lavinia Mennoni, prestigiose figure accademiche esperte nelle varie discipline interessate, dalla storia della moda all’arte e all’imprenditoria, la Prof.ssa Anna Florenzi docente di storia del costume alla Sapienza , la Dott.ssa Maria Teresa Bianchi docente di economia sempre alla Sapienza, la Maison d’alta moda Curiel Couture, Roberta Fontana per la storica fondazione, la jewels designer e scenografa Marina Corazziari, l’imprenditrice Emiliana Martinelli titolare della storica azienda di illuminazione e design, l’ingegnere-artista Daniela Troina, Eleonora Moccia shoes design, modera l’incontro la giornalista di RAI Italia esperta di made in italy Donatella Scipioni.
In tale occasione si potranno ammirare alcuni abiti d’haute couture della famosa stilista milanese icona di stile ed eleganza in tutto il mondo Raffaella Curiel con i gioielli dell’artista Marina Corazziari che hanno sfilato insieme nelle ultime edizioni di Altaroma Altamoda, dando vita ad un momento glamour intitolato “come in un sogno ... “ , modelle d’eccezione Andreea Duma e le Young BPW Italy Members. Hairstyle Sergio Valente Intercoiffure Italia, make up Francesco Pinna e Valentina Orlando - Eva Garden.
In tale evento interverrà con un reading di poesie l’attrice di origine siciliana Ornella Giusto in “Bella” di Pablo Neruda e “Inno alla Bellezza“ di Charles Baudelaire.
Le foto sono affidate a Carlo Tosti. Sponsor dell’evento Palazzo Mariano, Canosa di Puglia. Coordinamento e direzione artistica Marina Corazziari.

giovedì 14 maggio 2015

"Un artista per una rosa” 22 rose per Santa Rita da Cascia


Il 15 maggio alle ore 17.00 si aprirà, in quella che fu la chiesa a lei dedicata, oggi Sala Santa Rita, in via Montanara (adiacenze piazza Campitelli) a Roma, uno splendido monumento barocco ascritto alla progettualità di Carlo Fontana, la terza edizione di “Un artista per una rosa”. Questa terza edizione si svilupperà nell’arco di una settimana culminando nel giorno della solennità dedicata a Santa Rita da Cascia, il 22 maggio, per raccontare l’originaria destinazione laicamente con l’arte e gli artisti. 
Saranno gli studenti dell’Accademia Internazionale di Alta Moda e d’Arte del Costume Koefia ad “offrire” 22 opere a tessitura ispirate alla rosa, simbolo-attributo della Santa Rita, in una installazione collettiva pensata appositamente per lo spazio espositivo. Così, dal pavimento della navata fioriranno rose d’arte in una sorta di tappeto realizzato a mano dagli studenti del I° anno: Caterina Bianchi, Valeria Bellisario, Nicole Ciccosanti, Chiara D’Ascanio, Ilaria Di Pinto, Destiny Hamilton, Serena Iannone, Alessandra Ingretolli, Lorenzo Renzi, Maria Noel Suarez, Ylenia Tortorici, Pedro Pablo Urbani, Licia Rossi, Laura Valladao, Lina Kulper, Zhu Yunzhu Xu Ge. 
I 22 pannelli di organza (ciascuno formato A3) rigorosamente ricamati a mano raccontano il legame e la storia spirituale che l’artista parigino Yves Klein ebbe con la Santa, alla quale dedicò tutta la sua opera e ne affidò la sua anima. Un tappeto di rose, di petali, di boccioli, di rami, di foglie di spine ricamate con fili d’oro, carminio e blu oltremare. Ricamato come un manoscritto, si può leggere il testo di devozione che l’artista scrisse di suo pugno, nel cartiglio che introdusse nella teca di plexiglass insieme ai pigmenti rosa, blu IKB e oro e che donò come ex voto, nel 1961 al Monastero di Santa Rita da Cascia, alle suore agostiniane che solo tardivamente ne riferirono l’esistenza e ne scoprirono l’importanza. 
La mostra è a cura di Bianca Cimiotta Lami per l’Accademia Internazionale di Alta Moda e d’Arte del Costume Koefia con il coordinamento artistico di Maila Ferlisi, è promossa dall’Assessorato Cultura e Turismo di Roma Capitale e curata dal Dipartimento Cultura, Servizio Spazi Culturali in collaborazione la Scuola di Musica Sylvestro Ganassi, il Touring Club Italiano e Zètema Progetto Cultura. 
A chiusura degli eventi, Il 22 maggio alle ore 21 concerto di musica barocca dell’ENSEMBLE BAROCCO ROMANO con gli studenti della Scuola di Musica Sylvestro Ganassi. Musiche di C. Monteverdi, J.B.de Boismortier, C.Ph.E.Bach, J.S.Bach,A. Corelli e G.Ph. Telemann. 
Docenti: Rossella Croce, violino barocco, Guido Morini, clavicembalo, Laura Pontecorvo, flauto traverso barocco, Furio Zanasi, canto. Canto: Eleonora Aleotti, Anna Zili. Flauti traversi barocchi: Francesco Belfiore, Raffaela Brambilla, Lara Cocca, Claire Duri Aurelio Grillo, Susanna Valloni; violino barocco: Andrea Carboni, Maria Carola Vizioli; violoncello barocco: Marika Baorto, Paola Orfei, Pietro San Martini; Clavicembalo: Elena Calogero, Marco Chiovenda - Monti, Angela Naccari, Emanuele Stracchi.

martedì 12 maggio 2015

Giardino della moda e dello stile: Il Derby


Il 17 maggio dalle ore 14.00 si svolge all'Ippodromo Capannelle la giornata più importante e rappresentativa del programma dell'Ippodromo di Roma : il Derby alla sua 132esima edizione. 
Il DERBY si caratterizza come da antica tradizione, come la giornata dell'eleganza e vede in passerella le scuderie più importanti e un target di pubblico speciale e di riferimento che con la sua presenza riporta all'attenzione lo stile e il gusto del vestire nelle particolari e grandi occasioni.
Il programma prevede una giornata all'insegna della nuova stagione, con la sfilata degli studenti del secondo anno dell'Accademia Koefia che per l'occasione presentano una collezione dedicata al: "Lo stile e il bon ton negli ippodromi nel mondo". 40 tubini neri, petit robe noir, realizzati esclusivamente a mano rievocano attraverso i particolari sartoriali e gli accessori, il mondo dell'ippica all’insegna dell’eleganza e del bon- ton come nella migliore tradizione. Ogni capo avrà un riferimento che sarà caratterizzato da una citazione dedicata ad un Ippodromo nel mondo e vestirà un cappello specificatamente pensato per l’occasione. Un trionfo di eleganza, nelle acconciature e nel trucco oltre che nei cappelli, protagonisti assoluti di questa passerella.
Per l'occasione sarà inaugurato uno nuovo Spazio dedicato alla Moda: Il Giardino della Moda e dello Stile che prevede l'esposizione di circa 8 griffe di rilievo che operano nell'ambito della moda e degli accessori. Un primo accenno a quello che vorrà essere un spazio sempre più accessibile al pubblico con una proposta che coglie la tradizione del lusso e della modernità del Prêt-à-porter e negli accessori.
In occasione di questo primo appuntamento sono presenti: Antonella Rossi - Alta Moda e Prêt-àporter / Sergio Milioni e Giorgia Donia - Alta Moda e Avanguardia / Patrizia Fabri - Antica Manifattura Cappelli / Abitart di Vanessa Foglia Pre-Couture / Livia Risi - Prêt-à-porter / Pas Vu di Patrizia Pecoraro e Cristina Carchella - Borse e Accessori / Mikini di Sara Cordovana – Bikini.
L’Accademia del Trucco Professionale e Gli Spettinati saranno presenti con le propria professionalità, con un esposizione dal vivo: un set di preparazione alla sfilata Koefia.
Il Mondo della moda si incontra con il Mondo dei purosangue, in cui lo Stile e l’Eleganza rinnovano questo atteso appuntamento di Maggio.

giovedì 7 maggio 2015

Il mental Coach Marco D'ambrosio presenta il suo nuovo libro "LE 3 REGOLE”. Come risolvere ogni problema"

Marco D'Ambrosio

Sabato 9 Maggio alle ore 18,00 presso Fandango Incontro in via dei Prefetti 22 a Roma, si terrà la presentazione del libro del Mental Coach Marco D’Ambrosio: “LE 3 REGOLE”. Come risolvere ogni problema". All'evento parteciperà Lucia Pasquini, redattrice di Coach Mag, il magazine del Coaching. Marco D'ambrosio si è formato in Coaching Umanistico presso la Scuola Italiana di Life & Corporate Coaching e in Programmazione Neuro Linguistica presso l’Accademia dei Coach, con le quali attualmente collabora. E’ studioso, teorico e sperimentatore del talento, allenatore delle potenzialità umane. Ha fatto della sua passione e del suo stile di vita una professione che svolge con entusiasmo, dedizione e competenza secondo un approccio metodologico integrato di Coaching. E’ autore degli e-book “Determinazione, manuale strategico di allenamento”, “A lezione dai Maestri della Genialità” e “L’arte del Coaching Umanistico: Virtù e Potenzialità”, di prossima pubblicazione. In questo libro Marco D'ambrosio spiega che il miglior modo per affrontare e risolvere un problema è cambiare l’ottica: un problema non è altro che un obiettivo da raggiungere. Nel libro il coach vuole trasmettere al lettore la consapevolezza di un concetto di “problema” molto più ampio di quello che si è sempre dato per scontato e ciò potrebbe essere molto utile, per migliorare l’atteggiamento con cui si affrontano spesso le dinamiche quotidiane e il nostro ben-essere.
L’ultima parte del libro è dedicata unicamente a tecniche ed esercizi, anche auto valutativi, atti a stimolare e coltivare la creatività di ognuno, l'ingegno, l'intuito e la capacità di affrontare le sfide che la vita presenta; essi consentiranno al lettore di approdare alle soluzioni desiderate. La domanda non è tanto se abbiamo dei problemi, ma come li affrontiamo quando si presentano.
In questa serata i presenti, oltre ad avere in omaggio un e-book a scelta tra quelli dell’autore attualmente in vendita on line, potranno usufruire di una sessione gratuita di coaching nello studio a Roma in via G. Lanza 152, dove poter anche provare il test su potenzialità e vocazione ideato dalla scuola italiana di “Life & Corporate Coaching”.


martedì 5 maggio 2015

Dieta Mediterranea. Saperi e pratiche alimentari tra cultura, salute e territorio

Il 7 Maggio p.v. a Roma alle ore 18.00 presso l'Aula del Palazzo dei Gruppi Parlamentari, in via di Campo Marzio 74 si terrà il convegno:" Dieta Mediterranea. Saperi e pratiche alimentari tra cultura, salute e territorio". La dieta mediterranea è un modello nutrizionale dal comprovato valore salutistico ed etico, tanto che dal 2010 si è visto attribuire l’ambìto riconoscimento di patrimonio culturale immateriale dell’umanità da parte dell’UNESCO. Realizzato in ottica di collaborazione tra l’Accademia Angelico Costantiniana, l’Accademia della Italiana Cucina Mediterranea, l'Università degli Studi di Roma Tor Vergata e l’Istituto Nazionale per la Dieta Mediterranea e la Nutrigenomica e pensato nella prospettiva di “EXPO 2015 Nutrire il pianeta”, il Convegno si propone di analizzare e divulgare le valenze positive della dieta mediterranea nei suoi vari contenuti scientifici – non solo nutrizionale ma anche ecologico ambientale – e storico- culturali.
Base di riflessione del Convegno è che la dieta mediterranea non solo è un modello alimentare ecosostenibile ma è anche un modo di mangiare dagli accertati valori salutistici e uno stile di vita improntato all’insegna della semplicità e della convivialità. A dialogare di tematiche nutrizionali, alimentari, antropologiche e storico-culturali della dieta mediterranea, sono personalità di rilievo del mondo accademico e scientifico-culturale che offriranno punti di vista diversi e altamente specializzati sull’argomento. A seguire, una discussione con domande programmate e aperte al pubblico sulla tematica Oltre EXPO. In programma, dopo i saluti istituzionali dell’On. Carla Mazzuca Poggiolini, Presidente del Club Unesco di Roma, e all’introduzione del Presidente Accademia Angelico Costantiniana, SAI Alessio Ferrari Angelo Comneno, i seguenti interventi:
1. Damir Grubiša, Ambasciatore della Repubblica di Croazia nella Repubblica Italiana- La Dieta Mediterranea patrimonio dell’Unesco
2. Ernesto Di Renzo, Antropologo, Università di Roma Tor Vergata- La Dieta Mediterranea, tra concretezze storiche e pratiche di salvaguardia
3. Francesca Dragotto, Università di Roma Tor Vergata- La Dieta Mediterranea, tra fonti letterarie e documentazione archeologica
4. Antonio Politano, National Geographic - Il viaggio attraverso i Paesi della Dieta Mediterranea
5. Antonino De Lorenzo, Università di Roma Tor Vergata- La dieta Mediterranea Italiana di Riferimento come modello sostenibile
6. Laura Di Renzo, Università di Roma Tor Vergata - La dieta Mediterranea per una nutrizione predittiva, preventiva, personalizzata e proattiva
7. Cristina Mechilli, Accademia Italiana della Cucina Mediterranea, AICM - L’importanza della certificazione di adeguatezza mediterranea