Pubblicità

giovedì 24 marzo 2016

Sergio Valente, famoso hair stylist, sempre in prima linea per le iniziative benefiche



Sergio Valente, famoso hair stylist, da anni ormai promuove iniziative benefiche attraverso la sua associazione. La sua vita da sempre dedicata alla bellezza si alterna all'impegno sociale. Bellezza e impegno sociale, due caratteristiche che fanno di lui un uomo particolarmente sensibile, generoso e umile, doti uniche che appartengono solo a grandi uomini.

"L'Arte nell'uovo di Pasqua" è l'ultima iniziativa benefica che si è svolta nella capitale presso l'Accademia Costume e Moda, punto di riferimento e istituzione d'eccellenza per la formazione dei nuovi creativi del settore, dove oltre quaranta opere sono state esposte per l’occasione, realizzate da pittori, scultori e designer di rilevanza nazionale ed internazionale, chiamati ad esprimersi sul tema “L’Uovo di Pasqua d’Autore”. Gli Artisti che hanno aderito all’iniziativa sono: l’Accademia Costume e Moda, Adriano Radeglia, Alberto Borgese, Anastasia Kurakina, Andrea Paulicelli MamaDesign Lab, Anna Piazzola Talo Design, Biagio Santo con A. Papa e G. Corvaglia, Enrico Miglio, Erika Calesini, Ettore Mocchetti, Fabio Grassi, Francesca Frendo, Francesco Bruscia, Francesco Toraldo, Giampaolo Giannotti, Giancarlo Mastinelli, Gianni Molaro, Irene Veschi, Italo Bolano, Lello Esposito, Marcello Reboani, Marco Dentici, Marco Mazzei, Massimiliano Mastronardi, Massimo Gervasi, Matteo Cainer, Mirandolina Di Pietrantonio, Mutsuo Hirano, Natino Chirico, Nicola Guerraz, Olga Volha Piashko, Ozcelin Isik, Paolo Bielli, Patrice Makabu, Patrizio Bitelli, Roberto Carullo, Sabrina Persechino, Salvo Ardizzone, Sandro Rinaldi, Stefano Tonelli, Thomas lange, Davide Sarchioni, Valente Taddei e Valerio Tambone. “L’Arte nell’Uovo di Pasqua“ ha il pregio di fondarsi e crescere su autentici contributi d’amore e in questa edizione la solidarietà è andata a favore di quelli che sono tra i più grandi amori della sua vita: gli animali. Sergio Valente ha dichiarato: “Mi sento di poter affermare con orgoglio che in questa edizione riuscirò ad accontentare tante persone a me vicine che amano e sono a favore del benessere degli animali domestici e non, grazie al loro contributo riusciremo a destinare all'Oipa Italia Onlus, Organizzazione Internazionale Protezione Animali, i proventi della raccolta fondi ricavati dalla vendita delle opere realizzate da artisti straordinari, che ringrazio personalmente per aver accettato il mio invito e aver donato le loro creazioni.”
La madrina dell’iniziativa Anna Fendi Venturini nel ringraziare Sergio Valente, amico da sempre, ha aggiunto: "l’iniziativa di stasera è esattamente in sintonia con i tempi che viviamo. Un connubio di cultura, di moda, di arte e solidarietà. E’ sempre giusto, soprattutto di questi tempi aiutare gli altri".
Alla serata presentata da Cinzia Malvini erano presenti personalità del mondo della cultura, dello spettacolo e della moda: Enrica Bonaccorti, Marina Ripa di Meana, Tosca D’Aquino, Elisabetta Pellini, Beppe Convertini, Nadia Bengala, Giorgia Giacobetti, Laura Lattuada, Miriam Fecchi, Elena Aceto di Capriglia, Nino Lettieri e Gaia Caramazza.
L’evento è stato realizzato grazie al supporto di alcune realtà nazionali, da sempre sensibili ad iniziative socio-culturali come: Iv San Bernard nata dalla mente eclettica di Mirco Aringhieri, questa ditta e il suo marchio sono ormai diventati sinonimo di qualità nel Pet Trade a livello mondiale; ALI Aerospace Laboratory for Innovative Components una delle eccellenze campane nel campo aerospaziale che vede Norberto Salza fra i protagonisti del Consorzio; Vitality’s una linea dedicata agli hair Stylist, di alta qualità pensata per valorizzare lo stile e migliorare il benessere; Antonio Ferrieri e la sua realtà Cuori di Sfogliatella dal 1987; La Oliver & Co. non semplicemente un’azienda di Catering o Banqueting, ma un team affiatato di scenografi, decoratori, chef e pasticceri.
Un'importante iniziativa che ha decretato ancora una volta un altro grande successo di Sergio Valente. 

Foto di Giacomo Prestigiacomo











Laura Lattuada

Beppe Convertini, Elisabetta Pellini, Nino Lettieri

Andreea Duma, Sergio Valente

Sergio Valente, Marina Ripa di Meana

Antonio Falanga, Sergio Valente

Antonio Falanga, Grazia Marino, Sergio Valente


Nadia Bengala, Sergio Valente


Cinzia Malvini

Sergio Valente, Enrica Bonaccorti


Antonio Falanga, Elisabetta Pellini, Nino Lettieri, Gisella Peana

Gisella Peana

Nino Lettieri, Antonio Falanga, Gisella Peana

Gisella Peana, Elisabetta Pellini


Sergio Valente, Gisella Peana

Sergio Valente, Gisella Peana (foto di Daniele Cama)

domenica 20 marzo 2016

"My Life for Art”, opere e mosaici di Aldo Falanga


Aldo Falanga


Aldo Falanga, pittore scultore, mosaicista “per passione”, operatore culturale e insegnante di religione “per amore”, si è formato alla Scuola d'Arte del Corallo di Torre del Greco (NA). Ha esposto le sue opere in molte mostre e valorizzato da promotore, molti giovani, futuri talenti artistici in vari progetti scolastici.
Il suo decennale percorso artistico fa tappa in via Margutta, nella mitica strada dell’arte, con una mostra personale dal titolo “My Life for Art” organizzata nello showroom della P&G Events di Grazia Marino. Nell’esposizione si potranno ammirare opere nelle quali il comune denominatore sarà la rappresentazione del "Bello" come nel tema centrale del romanzo “L’Idiota” di Dostoevskij, dove viene esaltato lo splendore della bellezza e la purezza eversiva del bene.
Sono tre le tematiche proposte in mostra: la prima riguarda opere astratte con tecnica mista - vernici e sabbia su tavola; la seconda composizioni realizzate con materiale di scarto e con la tecnica del mosaico; la terza sperimentazioni sulla teoria dei colori su cartoncino. Opere che cercano di trasmettere ciò che nell'anima non muore. La rivalutazione e riqualificazione di ciò che è perduto è l'essenza dell'autentica spiritualità. In essa l'autore è stato formato ed è tutt'ora formatore nel suo progetto culturale e di vita, vivere nella pace, figlia di una scelta profonda dell'Amore.

Foto di Carlo Tosti





Grazie Marino, Antonio Falanga

mercoledì 16 marzo 2016

L’arte nell’uovo di Pasqua di Sergio Valente


Forma perfetta, emblema universale di fecondità e vita eterna l’uovo è diventato negli ultimi anni anche simbolo di solidarietà grazie al progetto “L’Arte nell’Uovo di Pasqua” ideato nel 2002 dall’hair stylist Sergio Valente che, prima della Santa Pasqua, come avviene anche per il Natale, sempre sensibile e vicino ai più bisognosi, promuove iniziative benefiche. 
L’evento, realizzato grazie al supporto di Iv San Bernard, rappresenta per le sue finalità, uno degli appuntamenti più importanti di aggregazione artistica e sociale della Capitale.
L’Edizione 2016 prenderà vita il 22 marzo p.v. nella sede dell’Accademia di Costume e Moda di Roma e si avvarrà: per la direzione artistica dell’esperienza di Eduardo Tasca, per il coordinamento generale della professionalità di Francesco Stella attore e regista di livello nazionale, mentre il vernissage sarà a cura di Elenora Cosi della Oliver&Co di Roma.
Protagoniste della serata saranno oltre quaranta creazioni e interpretazioni artistiche, che avranno come fonte d’ispirazione “l’uovo d’autore”. Opere inedite realizzate per l’occasione da pittori, scultori e designer di rilevanza nazionale ed internazionale che rimarranno esposte all’interno dell’Accademia di Costume e Moda fino al 24 marzo p.v.
L’organizzazione, individuata quest’anno dall’Associazione Sergio Valente a cui saranno destinati i fondi ricavati dalla vendita delle opere sarà l’OIPA Italia Onlus (Organizzazione Internazionale Protezione Animali, www.oipa.org) attiva dal 1981 nella difesa dei diritti degli animali e impegnata quotidianamente nel recupero, cura e adozione degli animali senza famiglia. L’OIPA è presente in 53 stati sui 5 continenti con 198 leghe membro e numerose delegazioni nazionali. In Italia è attiva con 150 sezioni locali e 50 nuclei di guardie zoofile distribuite su tutto il territorio italiano.
Madrina della manifestazione sarà la Sig.ra Anna Fendi. Alla serata condotta da Cinzia Malvini è atteso un parterre ricco di personalità del mondo dell’arte, della cultura e dello spettacolo, fra queste: Silvia Verdone De Sica, Enrica Bonaccorti, Marisa Laurito, Ana Laura Ribas, Marina Ripa di Meana, Candida Morvillo, Tosca D’Aquino, Simona Borioni, Gabriella Germani, Elisabetta Pellini e Beppe Convertini.
Partners e sostenitori dell’evento sono: ALI, M73Sabrina Persechino, Feudi San Gregorio, Acqua Claudia, MusicalWorks, Settore Q, Giancarlo Mastinelli All. Floreali, Olivier &CO., Il Vero Bar del Professore, Cuori di Sfogliatella e Talò.

Sergio Valente, Anna Fendi

giovedì 10 marzo 2016

La stilista Giada Curti “Invitè d’Honneur” negli Emirati Arabi e nel Qatar


L’Alta Moda di Giada Curti protagonista di due esclusivi eventi dedicati al “Lifestyle Italiano” organizzati da Starwood Hotels & Resorts Italy con il patrocinio dall’Ambasciata italiana negli Emirati Arabi Uniti e della Ambasciata italiana nel Quatar.
Nel primo appuntamento, andato in scena il 29 febbraio al St. Regis di Abu Dhabi, le magiche atmosfere veneziane della collezione “La Divina Marchesa” proposte nell’ultima edizione di AltaRoma e alcune tra le più rappresentative creazioni haute couture delle precedenti collezioni, hanno fatto da cornice ad un originale “Tea Italiano” un trunk show pomeridiano, riservato ad un esclusivo gruppo di lady emiratine. Per l’occasione i sartoriali e pregiati outfit, dedicati alla marchesa Casati, si sono arricchiti di ricami, intarsi e cristalli Swarovski.
Il viaggio nello stile italiano è stato poi protagonista di una serata speciale nella quale personalità reali e imprenditoriali del mondo arabo ed internazionale hanno avuto l’opportunità di assaporare l’eccellenza della cucina “Made in Italy” proposta da tre stimati Chef che operano in alcuni degli eccellenti Hotel di Starwood in Italia: Luca Scoleri dell’Excelsior Hotel Gallia di Milano; Daniele Turco del Gritti Palace di Venezia e Maurizio Locatelli dell’Hotel Cala di Volpe in Costa Smeralda.
Il progetto “Italian Lifestyle Jouney” voluto da Starwood Hotels & Resorts Italy e le preziose creazioni d’Alta Moda di Giada Curti, dopo Abu Dhabi, hanno fatto tappa il 2 marzo allo Sheraton Gran Doha Resort & Convention Hotel in Doha, riproponendo alle personalità reali e agli operatori specializzati della capitale del Qatar, quanto di meglio il sistema produttivo italiano riesce ad esportare tramite azioni mirate di promozione e comunicazione.
“La passione e l’amore per il mio lavoro mi hanno consentito di raggiungere questo ulteriore e gratificante successo, dichiara Giada Curti, essere l’unica rappresentante del made in Italy in questo prestigioso tour negli Emirati Arabi e del Quatar ed aver la possibilità di vestire le donne più belle e importanti del mondo è motivo di grande orgoglio. Un grazie immenso a Starwood Hotels & Resorts Italy e alle Ambasciate Italiane degli Emirati Arabi Uniti e del Quatar".




Anna Galiena e Enzo Decaro in "DIAMOCI DEL TU"



Anna Galiena, Enzo Decaro

Dal 10 al 20 marzo, al Teatro Parioli Peppino de Filippo di Roma, Anna Galiena e Enzo Decaro in ”Diamoci del tu“, di Norm Forster, adattamento di Pino Tierno e regia di Emanuela Giordano.
“Diamoci del tu” è una commedia del 2012 del pluripremiato drammaturgo canadese Norm Foster. Racconta la storia di un uomo e una donna che convivono da anni sotto lo stesso tetto senza dividere affetti e intimità. Non costituiscono una coppia, lei è la domestica, lui il suo datore di lavoro, un famoso romanziere che fa quasi fatica a ricordare il nome della donna preso com'è da se stesso. All'improvviso si interessa alla vita di lei, come se volesse recuperare il tempo perduto o avesse semplicemente tempo da perdere.
Di lei invece ci sorprende il linguaggio ironico, colto e beffardo. Il rapporto tra i due è inedito. Dopo decenni di "buongiorno" e "buonasera", di incombenze e comandi quotidiani, si scatena un serratissimo dialogo curioso ed ironico, ma poi intorno alle parole si consuma altro e quello che non si dicono diventa altrettanto interessante, perché di non detti ce ne sono tanti. Il luogo è la casa di lui, un mondo di ricchezza elegante, fredda, formale, da casa di prestigio ma senza anima. L'anima, il calore ce lo regalano le sottili tessiture di sguardi e svelamenti, di bisogni non dichiarati. Nasce una partitura preziosa per due attori che si mettono in gioco con sensibilità e intelligenza, dove la regia si concentra nel costruire un rapporto in cui progressivamente l'uno vive nel respiro dell’altro, in cui l'ascolto dell'altro diventa un punto di arrivo, un traguardo che in scena si sente, si tocca, si gode.

L’ALTRUI MISURA



Sabato 27 febbraio, presso i Magazzini Garbatella, é stata presentata la prima dello spettacolo teatrale "L'Altrui Misura", scritto e diretto da Lucilla Lupaioli e Alessandro Di Marco con Guido del Vento e Tullia Di Nardo.
"L'Altrui Misura" è una commedia esilarante, leggera e coinvolgente che dà voce alle “diversità”. Una performance teatrale che fa riflettere sull'intolleranza e il "perbenismo" della società attuale.
L'attore Guido del Vento, protagonista della commedia, ha espresso il massimo dell'interpretazione con un monologo coadiuvato dalla presenza dell'attrice Tullia di Nardo, spalla silente del racconto è attenta osservatrice delle problematiche quotidiane, spesso non percepite dalle persone comuni che scorrono giornalmente le loro vite senza curarsi dell'"Altrui Misura". Lo spettacolo mostra e dimostra come l’intolleranza rappresenta la resistenza al cammino del mondo, alla ricchezza che potrebbe dare la diversità, alla paura insensata che hanno le persone di ciò che non conoscono. L'esposizione originale ed ironica del protagonista con la quale tratta diversi temi pungenti che indagano in profondità la psiche e la sfera emotiva di varie tipologie di figure disagiate rendono lo spettacolo piacevole, nonostante inducano ad una introspezione e a profonda riflessione.
Guido del Vento, nello spettacolo "L'Altrui Misura" interpreta un giovane uomo che potrebbe rappresentare lo specchio del pensiero di molti di noi, si incontra e si scontra con la paura di non essere adeguato ad affrontare situazioni scomode. Interpreta un disabile, immobilizzato su una carrozzina, arrabbiato a sua volta con un gay che vive nel suo stesso palazzo, inoltre furente, con una mamma sotto pressione, presa e persa fra figli, pannolini e pasti da preparare, e ancora accenna ad un trans che non tollera il disabile perché crede che un uomo in carrozzina non debba chiedere ogni giorno, a differenza di lei, che non può essere se stessa. La presenza di un alter ego, altro sguardo, impersonato da Tullia Di Nardo, focalizza il bisogno di confronto e di scambio su un tema che tocca ognuno di noi.
I personaggi della commedia "L'Altrui Misura", tutti interpretati da Guido del Vento, si passano la parola, interagiscono con il pubblico per sondare il terreno dove ancora è viva la radice che li incatena al seme dell’intolleranza provando ad estirparla.
Il testo, nato da un’idea di Guido del Vento, scritto e diretto da Lucilla Lupaioli e Alessandro Di Marco è il frutto di un lavoro personale sulle proprie intolleranze e sul desiderio di trasformarle in accettazione e amore.

Guido Del Vento

Tullia Di Nardo

lunedì 7 marzo 2016

Grande successo per la prima edizione di Wedding Fashion Night



Negli splendidi locali del Church Palace Hotel a Roma si è tenuta a battesimo venerdì 4 marzo la prima edizione di Wedding Fashion Night. Una serata dedicata alla moda sposa donna e uomo.
L’evento è stato presentato da Vincenzo Merli, brand manager della Maison Egon Von Furstemberg e dall’attrice e ballerina Cosetta Turco.
Hanno sfilato: il brand Menì, con la collezione “ Una sposa simply chic” firmata da Mauro Menichino che ha proposto abiti lineari, in pizzo o ricamati, semplici, raffinati dalle linee morbide, tessuti leggeri che creano una sposa eterea dal mood simply chic; Brutta Spose, della stilista Alessandra Ferrari, ha proposto una sposa elegante e sofisticata, abiti con profili sinuosi e forme capaci di valorizzare la silhouette, o con corpetto e voluminosi dalla vita in poi, battezzando un gusto sofisticato e glamour; Paola Cipriani couture ha presentato creazioni raffiguranti le peonie colorate, metafora di femminilità e simbolo di fortuna, romanticismo, amore e di influenza positiva per i futuri sposi, con particolari tessuti in seta pura e delicati ricami impreziositi da applicazioni di swarovski.
La storica sartoria uomo Borghetti ha accompagnato le sfilate dei noti atelier moda sposa. Da sempre la sartoria Borghetti si distingue per l’eleganza del taglio e della lavorazione rigorosamente a mano e su misura, garantendo vestibilità, unicità del capo e l’attenzione al dettaglio sia negli abiti da cerimonia ( smoking, tight e frac) che negli abiti per ogni occasione.
Durante le sfilate si sono alternati momenti di musica e canto. Alla fine della manifestazione gli ospiti hanno potuto deliziare i loro palati degustando delicate e sofisticate pietanze del ricco buffet.
Un grande successo dunque dovuto soprattutto a Cinzia Iannilli e Barbara Ancillai, wedding-event planner della location.

Foto di Giacomo Prestigiacomo







Enea Franza, Gisella Peana

Enea Franza, Gisella Peana