Pubblicità

giovedì 15 maggio 2014

PUROSANGUE IN PISTA E GLAMOUR IN PASSERELLA




Ippica ed eleganza country si incontrano in passerella, o meglio nel parterre dell’ippodromo delle Capannelle di Roma che ospita, come ogni anno, la giornata più importante della stagione ippica del galoppo: il Derby. Infatti va in scena all'ippodromo delle Capannelle il 131° Derby italiano. La corsa più affascinante del panorama ippico, che nella vita di un cavallo atleta arriva una sola volta, perché riservata ai cavalli di tre anni. I protagonisti di oggi rinnovano il rito che, dalla seconda metà del ‘700, quando nacque il Derby in Inghilterra, rende questa corsa unica ed irripetibile. Il Nastro Azzurro, altro nome che si dà alla corsa, non è tale se non è accompagnato da un degno contorno di altre prove e da una cornice unica fatta di moda, eleganza e costume. Per questo il programma di corse (inizio 14.30) è sempre splendido, per questo gli appassionati sono consapevoli di vivere un pomeriggio diverso e imperdibile: il Derby Day. La pista in erba dell’ippodromo romano decreterà chi sarà il migliore al termine dei fatidici 2200 metri. Una vera festa di sport e di passione nei 131 anni del Derby italiano di galoppo. Il “Derby Day” non è soltanto una giornata di sport, ma un vero e proprio evento di costume ed eleganza. L’ippodromo di Roma Capannelle, nell’ambito della giornata dedicata al 131° Derby Italiano presenta un ricco corollario di eventi e manifestazioni. L’elemento dominante sarà il tradizionale “Hat Parade” che rappresenta un’occasione quanto mai unica per tutti gli ospiti di sfoggiare i cappelli più esclusivi e stravaganti, come nelle più classiche delle tradizioni britanniche. Oltre Manica, in quella che viene considerata la patria del galoppo, in occasioni come questa il tight per i signori è d’obbligo così come binocolo e cappello sono vivamente apprezzati come accessori per entrambi i sessi. Cappelli e abiti che saranno sotto i riflettori tra gli ospiti del Derby Party che vedrà premiati gli abiti più affascinanti da una giuria creata ad hoc. Bellezza ed eleganza non sono solo una prerogativa dei cavalli, protagonisti del 131° Derby Italiano, andrà infatti in scena anche l’attesa sfilata di moda dell’Accademia di Alta Moda e Costume Koefia. La collaborazione tra l’ippodromo Capannelle e lo storico istituto romano si rinnova per il settimo anno consecutivo. In passerella sfileranno moda casual di gusto retrò, è l’omaggio che l’Accademia Koefia dedica ai protagonisti in questa giornata, ai migliori cavalli purosangue provenienti dalle prestigiose scuderie del mondo e al numeroso pubblico che affolla le tribune. Sfilano per l’occasione 38 capi creati esclusivamente a mano dagli studenti del III° anno che hanno realizzato la collezione costruendo un look di classe che allo stesso tempo risulta sportivo e pratico. Gli stilisti presentano una linea di pantaloni damascati dai toni scuri in stile barocco, opulento ed elegante, dalle nuance calde e decise, che accompagnati da camice, spolverini e cappe realizzate in stile moderno, danno vita alle simmetrie ed ai tagli che rendono contemporanea la ricerca. Altro protagonista sempreverde e must delle più raffinate passerelle e simbolo per eccellenza dello stile sartoriale e dell’eleganza femminile, il tubino, le petit robe noir, presentato nelle mille variazione sul tema, giocando soprattutto con le scollature. Gli abiti sono stati realizzati completamente a mano come nella migliore capacità del “fare” accademico koefiano attraverso le più sofisticate tecniche dell’alta moda italiana. Ad accompagnare la collezione, preziosi e stravaganti accessori e scarpe che impreziosiscono gli abiti ed esaltano le forme delle creazioni. Il trucco e le acconciature trovano l'ispirazione ai temi barocchi. L'Accademia del trucco professionale ha studiato colori intensi e decisi creando dei giochi di sfumature variegate che richiamano a piccoli cammei come tatuaggi. Le acconciature a cura del team degli Spettinati giocano con i volumi e il movimento, dando ad ogni outfit la propria personalità. Il mondo della moda si incontra con il mondo dei purosangue in cui lo stile e l'eleganza rinnovano l’atteso appuntamento, rilanciando questa antica tradizione simbolo di unicità. Le musiche sono a cura di Jean Ripà. 
GLI STILISTI: NICOLA BONASIA, GIORGIA BRUNORI, MADALINA BUSTIUC, FABIANA CAPOTOSTI, SIMONE CAPPELLA, SAMANTHA CIULLI, GIULIA DANIELE, CHIARA DE ANGELIS, ERMANNO DELLI ROCILI, MONICA DI BIASE, AGNESE DI DONNA, MORGANA DI GIOVANNI, TATIANA DI MATTEO, TAMARA FEGA, ELENA GABRIELLI, GIULIA GRIGOLON, SARA IACOBINI, ANDREA IACOMINO, SARA LEOPARDI, ELEONORA LIBERTI, ANGELINA MERKULOVA, ANNA OSTI, C. CLAUDIO PALILLO, ALESSANDRA PAOLANTONI, DILLON. M. PATERMO, SILVIA POMPILI, MARTINA RASO, CLAUDIA RICCIARDI, ANTONELLA SANTONE, ALESSIA SANNA, GIUSY SAUTARIELLO, FEDERICA SERINO, RARES STEFAN, P. BRUNO TRUNFIO, CRISTINA VIAZZI, JOHANNA C. WINKLER, LUCA ZINGARETTI. 
Il Derby è la madre di tutte le corse da quando 250 anni or sono, più o meno, mister Stanley, dodicesimo conte di Derby, ebbe dalla sua il destino che lo rese immortale. Fu allora che diversi appassionati ippici dell'epoca, in Inghilterra, ebbero l'idea di creare una grande corsa riservata ai soli cavalli di tre anni e sulla distanza dei 2400 metri, quasi corta per i tempi ma poi classica per eccellenza. La madre di tutte le corse appunto. Fu scelto Epsom come fascinoso scenario, proprietà immensa del Conte di Derby che voleva quindi dare anche il suo nome alla corsa, forse neppure immaginando il futuro. Non la pensava allo stesso modo lord Bumbury, uno dei saggi che faceva parte del gruppo che inventò la corsa. Anche lui voleva il suo nome legato a quella corsa. Volò in alto la monetina ma ricadde dalla parte di Lord Derby, la fortuna aveva scelto. Il suo nome divenne davvero immortale e di uso straordinariamente diffuso in tutto il mondo. La parola Derby oggi è sinonimo di tutto ciò che sa di sfida al massimo livello. Il primo Derby in Italia si è corso il 21 aprile 1884 ed è stato vinto da Andreina. Dal 1926, anno d’inaugurazione del “nuovo ippodromo”, si corre sullo stesso percorso, con la sola interruzione per due anni durante la Seconda Guerra Mondiale. All’inizio si chiamava Derby Reale. Negli anni Trenta venne intitolato Gran Premio del Re e, per un breve periodo, Gran Premio del Re Imperatore. Alla ripresa, nel 1946, venne definitivamente chiamato Derby Italiano. Fino ai primi anni ’80 era riservata ai soli cavalli indigeni. L’edizione 2012 ha spezzato striscia di vittorie italiane, ottenute da Worthadd nel 2010 e Crackerjack King nel 2011, consegnando il Nastro Azzurro al tedesco Feuerblitz. Il cavallo tedesco, portacolori della scuderia di Monaco di Baviera Rennstall Evissa, ha sorpreso tutti nel finale battendo di una corta incollatura Wild Wolf. Un successo quasi inaspettato per il trainer Michael Figge e per il fantino scozzese Robert Havlin. Come non concepire questo connubio storico di eleganza, bellezza e moda che da sempre ha caratterizzato questo sport. Domenica rivivremo le affascinanti atmosfere tipiche di questo storico connubio, in un clima unico per gli appassionati di cavalli, di moda e non solo. Per tutti coloro che amano il bello, l'eleganza, la classe e lo stile, una giornata come poche, quasi fuori dalla realtà, ma a noi piace sognare talvolta ed immergerci in situazioni inusuali, per regalarci una giornata particolare ed emozionante. 














15 commenti:

  1. Ne avevo sentito parlare grazie per AVERNE PARLATO NEL TUO POST

    RispondiElimina
  2. deve essere davvero un bell'evento mi piacerebbe partecipare

    RispondiElimina
  3. Come sempre ci fai presente tante occasioni speciali e sicuramente divertenti ma aimè io non potrò partecipare nemmeno a questo evento, sono troppo lontana e mi spiace!

    RispondiElimina
  4. non conoscevo questo evento grazie per averlo presentatoo

    RispondiElimina
  5. Bellissimi questi eventi che ci presenti, se potessi parteciperei a tutti, peccato essere lontana!

    RispondiElimina
  6. Ma quanto sono sciccosi quegli abiti...e poi che bello questo evento..io vado spesso all'ippodromo delle Capanelle ho una vera e propria passione per i cavalli..che fortuna che hai tu a partecipare a tutti questi eventi!!!

    RispondiElimina
  7. Stupendo questo evento!! Vorrei troppo un giorno poter partecipare!

    RispondiElimina
  8. Bellissimo questo post, poi abiti davvero eleganti!
    Bellissimo evento poi, davvero bello!
    Vorrei partecipare un giorno ad un evento del genere :)

    RispondiElimina
  9. Bellissimo evento ,amo i cavalli ,sarebbe bellissimo partecipare ma siamo troppo lontane!

    RispondiElimina
  10. Che bello!! mi piace molto leggerti!
    Quelgi abiti per non parlare dle primo cappello...wow!!!

    RispondiElimina
  11. Peccato trovarmi a migliaia di chilometri, mi piacerebbe molto partecipare agli interessanti eventi che ci proponi di volta in volta!

    RispondiElimina
  12. Che bello quest'evento.
    E che eleganza.
    All'ippodramo ci andavo quand'ero più piccolina e avevo pure un cavallo che gareggiava,che nostalgia,mi hai fatto tornare indietro negli anni.
    Grazie!
    Un bacione
    La Fra

    RispondiElimina
  13. Bellissimo ed interessante Evento che accomuna Sport e Moda.
    Grazie per aver completato la mia conoscenza per questo Derby,
    lo conoscevo solo attraverso i giornali che davano risalto più ai cappelli ed ai
    vestiti che ai Cavalli :
    P.S. Dimenticavo : Amo molto i cavalli !

    RispondiElimina
  14. Ma che bell'evento:) Grazie per avercelo comunicato :D
    Mi piacciono molto i cavalli^^

    RispondiElimina
  15. Adoro gli animali e gli eventi mondani, e grazie a te riesco ad essere sempre aggiornata! Grazie di avercelo segnalato, ne terrò nota sulla mia agenda ;)

    RispondiElimina