Pubblicità

giovedì 14 maggio 2015

"Un artista per una rosa” 22 rose per Santa Rita da Cascia


Il 15 maggio alle ore 17.00 si aprirà, in quella che fu la chiesa a lei dedicata, oggi Sala Santa Rita, in via Montanara (adiacenze piazza Campitelli) a Roma, uno splendido monumento barocco ascritto alla progettualità di Carlo Fontana, la terza edizione di “Un artista per una rosa”. Questa terza edizione si svilupperà nell’arco di una settimana culminando nel giorno della solennità dedicata a Santa Rita da Cascia, il 22 maggio, per raccontare l’originaria destinazione laicamente con l’arte e gli artisti. 
Saranno gli studenti dell’Accademia Internazionale di Alta Moda e d’Arte del Costume Koefia ad “offrire” 22 opere a tessitura ispirate alla rosa, simbolo-attributo della Santa Rita, in una installazione collettiva pensata appositamente per lo spazio espositivo. Così, dal pavimento della navata fioriranno rose d’arte in una sorta di tappeto realizzato a mano dagli studenti del I° anno: Caterina Bianchi, Valeria Bellisario, Nicole Ciccosanti, Chiara D’Ascanio, Ilaria Di Pinto, Destiny Hamilton, Serena Iannone, Alessandra Ingretolli, Lorenzo Renzi, Maria Noel Suarez, Ylenia Tortorici, Pedro Pablo Urbani, Licia Rossi, Laura Valladao, Lina Kulper, Zhu Yunzhu Xu Ge. 
I 22 pannelli di organza (ciascuno formato A3) rigorosamente ricamati a mano raccontano il legame e la storia spirituale che l’artista parigino Yves Klein ebbe con la Santa, alla quale dedicò tutta la sua opera e ne affidò la sua anima. Un tappeto di rose, di petali, di boccioli, di rami, di foglie di spine ricamate con fili d’oro, carminio e blu oltremare. Ricamato come un manoscritto, si può leggere il testo di devozione che l’artista scrisse di suo pugno, nel cartiglio che introdusse nella teca di plexiglass insieme ai pigmenti rosa, blu IKB e oro e che donò come ex voto, nel 1961 al Monastero di Santa Rita da Cascia, alle suore agostiniane che solo tardivamente ne riferirono l’esistenza e ne scoprirono l’importanza. 
La mostra è a cura di Bianca Cimiotta Lami per l’Accademia Internazionale di Alta Moda e d’Arte del Costume Koefia con il coordinamento artistico di Maila Ferlisi, è promossa dall’Assessorato Cultura e Turismo di Roma Capitale e curata dal Dipartimento Cultura, Servizio Spazi Culturali in collaborazione la Scuola di Musica Sylvestro Ganassi, il Touring Club Italiano e Zètema Progetto Cultura. 
A chiusura degli eventi, Il 22 maggio alle ore 21 concerto di musica barocca dell’ENSEMBLE BAROCCO ROMANO con gli studenti della Scuola di Musica Sylvestro Ganassi. Musiche di C. Monteverdi, J.B.de Boismortier, C.Ph.E.Bach, J.S.Bach,A. Corelli e G.Ph. Telemann. 
Docenti: Rossella Croce, violino barocco, Guido Morini, clavicembalo, Laura Pontecorvo, flauto traverso barocco, Furio Zanasi, canto. Canto: Eleonora Aleotti, Anna Zili. Flauti traversi barocchi: Francesco Belfiore, Raffaela Brambilla, Lara Cocca, Claire Duri Aurelio Grillo, Susanna Valloni; violino barocco: Andrea Carboni, Maria Carola Vizioli; violoncello barocco: Marika Baorto, Paola Orfei, Pietro San Martini; Clavicembalo: Elena Calogero, Marco Chiovenda - Monti, Angela Naccari, Emanuele Stracchi.

Nessun commento:

Posta un commento