Pubblicità

venerdì 3 marzo 2017

“Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio” Il progetto di Lisa Tibaldi al Museo delle Civiltà di Roma



Il Museo delle Civiltà, presso il Museo nazionale delle arti e tradizioni popolari, ospiterà dal 10 marzo al 30 aprile 2017, la mostra “Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio”.
L’iniziativa ideata dalla stilista Lisa Tibaldi e realizzata in collaborazione con il Parco Naturale dei Monti Aurunci, prende ispirazione dalla magica natura della catena montuosa del Lazio meridionale, un’area naturale protetta istituita nel 1997 e situata al confine tra le province di Frosinone e Latina.
Il progetto della mostra, concepito da Lisa Tibaldi, prevede l’esposizione di una serie di creazioni di moda e di design, realizzati attraverso la lavorazione dei filamenti della “Stramma”, una tipica pianta spontanea a cespuglio frondoso presente sui Monti Aurunci dal nome scientifico “Ampelodesmos mauritanicus”, utilizzata nei secoli per gli usi più diversi, dalle corde per le imbarcazioni alla produzione di ceste e cestini, fino all’arredamento per le case di campagna.
Grazie al suo “know-how” nel campo della moda e al supporto tecnico degli artigiani del laboratorio di arti e mestieri del parco, la stilista romana, tramite un percorso ben mirato, presenterà una serie di manufatti artigianali: collane, bracciali, orecchini e borse che ben si integreranno nelle varie aree del Museo delle Civiltà di Roma, uno dei Musei più esclusivi della capitale dove è possibile ammirare oggetti e testimonianze delle arti e delle tradizioni popolari che vanno dalla fine del XIX secolo alla prima metà del XX.
“In tutte le cose della natura esiste qualcosa di meraviglioso”, sosteneva Aristotele. La tradizione e la suggestione emotiva nel quale il progetto “Trama Aurunca … Emozioni e Creatività di un Territorio”, si identificherà e troverà la sua massima espressione nell’esposizione del quadro moda finale, due abiti scultura realizzati interamente in “Stramma”, due opere d’arte che avranno il privilegio di rappresentare a livello internazionale, i valori e l’essenza dell’artigianato Made in Italy.






Nessun commento:

Posta un commento