Pubblicità

sabato 26 gennaio 2013

LA STILISTA ANTONELLA ROSSI AD ALTAROMA ALTAMODA 2013










La stilista Antonella Rossi ha presentato la sua collezione primavera/estate 2013 all'interno della rassegna AltaRoma AltaModa nel suo atelier di Roma a Palazzo Delfini. Questa collezione, nata da un'attenta riflessione, vuole rendere alla bellezza il suo significato e il suo valore, restituendo alla donna dignità e quei diritti sociali e umani ancora non affermati e rispettati. Al centro della ricerca di Antonella Rossi vive una donna dalla personalità consapevole che si esprime per contrasto e per affinità, una donna capace di esaltare la "leggerezza" della propria femminilità così ricca di dettagli: dettagli ricercati nelle atmosfere africane, che sono un forte motivo, un'ispirazione sottile, un particolare stato d'animo per la stilista-imprenditrice.


Testimonial d'eccezione Carlotta Morelli, attrice di teatro e protagonista insieme a Raoul Bova nello spot di sensibilizzazione sull'Aids. La sfilata è stata accompagnata dalla musica del maestro violinista Andrea De Cesare.


La collezione, composta da 25 capi realizzati esclusivamente a mano, come vuole la migliore tradizione dell'Alta Moda Italiana, ha voluto raccontare un incontro di culture e di conoscenza attraverso ciò che solo gli italiani sanno fare ed esprimere nell'ambito dell'arte tessile.
E' un motivo comune quello che unisce saperi ed esperienze e questa collezione dai tagli moderni ed essenziali, in stile anni '20, vuole fondere le forme e le silhouette del costume africano a quella estetica occidentale, immergendosi in natura, attraverso la coloristica africana che la terra e il sole donano ogni giorno. 


A cascata, tonalità dalle infinite sfumature di dune; il rosa corallo dei fenicotteri del Parco Nazionale del lago Nakuru in Kenya, ricamati dalle stesse donne africane, che diventano motivo caratterizzante di tutta la collezione; gli aranci infiammati dal sole che scivolano fino al turchese chiaro e al verde acqua, per poi immergersi nel blu navy.
Kafkani, tuniche, pantaloni, giacche tre quarti. Questa sintesi di forme e di tagli è caratterizzata dallo scandire del tempo: giorno, pomeriggio e sera, per rispettare le antiche regole del bon ton, che indicano per le speciali occasioni qualcosa di veramente eccezionale da indossare. Così come in Africa il vestire è sinonimo, attraverso le fogge e gli specifici motivi d'ornamento, di riconoscibilità sociale ed appartenenza, così anche in Europa l'abito sembra ancora "fare il monaco", restituendo alla giornata le sue emozioni.
Le prime 5 uscite della collezione sono state dedicate al giorno e tutte vedono come protagonista il lino delle morbide tuniche lunghe fino al ginocchio, da portare con i pantaloni. 17 capi dedicati al cocktail e alla sera, lasciano spazio alle linee scivolate e alle fogge impero, interpretate da preziosi tessuti di seta: aereo chiffon, sinuoso georgette e poi raso, organza doppiata e crepe cady; infine per chiudere con tre magnifiche spose.


Le acconciature, curate da Sergio Valente con il team "Premio Sergio Valente", l'Oréal Professionnel e il trucco, curato dall'Accademia di Trucco Professionale-Roma di Jole Panzera, straordinaria trasformazione e innovazione della moda femminile e della donna stessa, e i bellissimi gioielli, che impreziosivano i vestiti, di Germano Gioielli 1846, casa storica della gioielleria italiana, con le sue opere modellate in cera, di imparagonabile bellezza: brillanti corniole, perle, topazi uniti all'oro e all'argento, in armonia con i lini, l'organza e le sete della collezione di Antonella Rossi, si trasformano in collane, bracciali, anelli che esaltano l'eccezionalità di chi li indossa. Un omaggio alla bellezza e alla donna.


1 commento:

  1. leggendo sembrava di essere presenti alla presentazione di questa bellissima collezione...

    RispondiElimina