Pubblicità

giovedì 12 gennaio 2017

A Roma l’apertura del nuovo Atelier di Gian Paolo Zuccarello



Domenica 15 Gennaio, Gian Paolo Zuccarello inaugura a Roma in via Calabria, 25, il suo primo atelier romano nel cuore del quartiere Ludovisi, a due passi da Via Veneto.
Un traguardo importante, dopo anni di esperienze maturate nei suoi precedenti atelier di Arcidosso e Abano Laziale, nei quali lo stilista ha tramandato tutta la sua cultura acquisita sulla “Bellezza”, ereditata istintivamente dalla sua città nativa “Noto”, capitale indiscussa del barocco siciliano.
Gian Paolo Zuccarello, diplomatosi come Maestro sarto presso l’Istituto “Artistico dell’Abbigliamento Marangoni” di Milano crea dal 1996 collezioni per il mercato dell’haute couture sposa, della cerimonia e del prêt à couture, che lo hanno consacrato tra i creativi più ammirati delle passerelle italiane. Dal 2004 ricopre invece il ruolo di direttore artistico di una delle più importanti scuole di moda italiane, la Ida Ferri, con sede in Roma, con la quale realizza la nuova linea “Ida Ferri Sposa”.
Nel nuovo atelier romano di Gian Paolo Zuccarello si potranno ammirare creazioni d’alta moda realizzate interamente a mano, che rispettano il rigore della classica tradizione sartoriale italiana, opere d’arte perfette, uniche, inimitabili, capaci di rispecchiare la personalità di chi le indossa.
I tessuti sono selezionati con severità, solo ed esclusivamente in fibre naturali e provengono dalle più prestigiose aziende tessili del Bel Paese. La perfezione propria del made in Italy è data dalla costante ricerca stilistica, dalla cura per il dettaglio, dal sapiente know how e dall’attenzione per la cliente che oltre all’abito ha la possibilità di completare il proprio look grazie ad accessori esclusivi.
“Con questa inaugurazione, dichiara Gian Paolo Zuccarello, corono il mio più grande sogno, sarò protagonista quotidiano nella città della couture nazionale, fino ad oggi mi sono sempre sentito un ospite gradito e ammirato, da domenica prossima, invece, con il mio spazio e con le mie creazioni, mi sentirò parte attiva e produttiva del sistema moda romano”.





Nessun commento:

Posta un commento